politkovskaya-uccisa-15-anni-fa-scatta-la-prescrizione
Una manifestazione per ricordare Anna Politkovskaya (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
22 min

Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’

Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della polizia italiana. Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici
Francia
1 ora

Francia, Elisabeth Borne è la prima donna premier dopo 30 anni

La ministra del Lavoro è stata nominata oggi dal presidente Macron. Succede a Jean Castex appena dimessosi
Stati Uniti
1 ora

Il killer di Buffalo ha risparmiato un cliente bianco scusandosi

La scena è stata immortalata nel video pubblicato su Twitch (poi rimosso) da Payton Gendron, il 18enne suprematista autore della strage a sfondo razziale
Confine
1 ora

Como, investimenti per 44 milioni nel teleriscaldamento

L’investimento verrà effettuato da Varese Risorse. I consumi energetici verranno ridotti del 38,7% e le emissioni di anidride carbonica del 32,5%
Estero
2 ore

Francia, si è dimesso il premier Castex, pronta Elisabeth Borne

Pochi dubbi sull’imminente nomina a primo ministro dell’attuale ministra del Lavoro, che sarebbe la prima donna in carica dopo 30 anni
Estero
2 ore

Crisi Covid in Corea del Nord, Kim Jong-Un mobilita l’Esercito

Il leader nordcoreano ha contestato la reazione del suo gabinetto e ordinato la mobilitazione di medici ed attrezzature sanitarie dell’Esercito popolare
Estero
3 ore

Abusi in coppia su 13enne, condannata attrice di Doctor Strange

Zara Phythian e il marito Vitkor Marke sono stati condannati a 8 e 14 anni di carcere per aver abusato di una ragazza adolescente
Estero
4 ore

La Svezia farà richiesta di adesione alla Nato

Lo ha comunicato la premier Magdalena Andersson. Quasi tutti i partiti svedesi hanno dato il loro appoggio. Contrari Sinistra e Verdi
Estero
5 ore

Somalia, partner internazionali salutano il nuovo presidente

L’elezione di ieri di Hassan Sheickh Mohamud è avvenuta dopo mesi di instabilità politica e attacchi di matrice jihadista, a cui si aggiunge la siccità
russi
07.10.2021 - 22:50

Politkovskaya uccisa 15 anni fa, scatta la prescrizione

Condannati i killer ceceni, mai accertato il mandante politico tra mille silenzi e ombre

Ansa, a cura de laRegione

Anna Politkovskaya moriva 15 anni fa, uccisa con quattro colpi di pistola - uno alla testa - mentre rincasava. Giornalista coraggiosa, volto conosciuto dai russi non solo per le sue inchieste scottanti ma anche per aver fatto da mediatrice nel corso della crisi al teatro Dubrovka, dove i terroristi ceceni presero in ostaggio oltre 800 persone, divenne suo malgrado il simbolo di un’epoca. Ovvero la prima Russia di Putin, per citare il titolo del suo libro più famoso.

Le condanne

Ecco, l’anniversario porta ancor più l’amaro in bocca perché oggi scadono i termini della prescrizione e il mandante dell’omicidio potrà farla franca. Le indagini, infatti, ci furono e scattarono anche delle condanne. Nel 2014 i ceceni Rustam Makhmudov e Lom-Ali Gaitukayev furono riconosciuti dalla giuria come l’esecutore e l’organizzatore dell’omicidio di Politkovskaja e per loro scattò l’ergastolo - Gaitukaev è successivamente morto in prigione. I fratelli dell’autore materiale dell’omicidio - Ibrahim e Dzhabrail Makhmudov, che seguivano la Politkovskaya - sono stati condannati a 12 e 14 anni. Poi Dmitry Pavlyuchenkov, ex poliziotto di Mosca, colpevole di aver organizzato la sorveglianza della giornalista. Infine l’ex poliziotto Sergei Khadzhikurbanov, che fu invece indicato come l’intermediario e costretto a 20 anni di prigione.

Una girandola di sentenze che però non arrivò mai a gettare luce sul dettaglio più oscuro: chi è il mandante dell’omicidio Politkovskaya? Novaya Gazeta, il giornale indipendente per antonomasia in Russia, fondato anche grazie all’impegno di Mikhail Gorbaciov, ha lanciato l’ennesima campagna di sensibilizzazione pubblicando (su YouTube) un dettagliato documentario che ricostruisce tutta la vicenda, rivela nuovi particolari, tiene alta la bandiera della memoria. Perché l’unico modo per non far cadere la tagliola della prescrizione è che il tribunale intervenga per estendere i termini.

“L’indagine si è trascinata fino a qui come meglio poteva, perché il mandante è la politica. E, a quanto pare, la grande politica", ha scritto il vice direttore del giornale Sergei Sokolov. Il nome del presunto mandante nel documentario non c’è. Ma si sostiene che lo Stato sia a conoscenza della sua identità ed "esistono ragioni per cui non è conveniente dirlo”.

Verità non cercata

A Novaya Gazeta si sono sempre detti sicuri che il caso possa essere collegato al capo della Cecenia, Ramzan Kadyrov, e che il Cremlino, per ragioni di convenienza politica, non abbia mai voluto andare fino in fondo. Politkovskaya d’altra parte aveva concentrato la maggior parte del suo lavoro proprio sulla Cecenia, dilaniata in quegli anni dal separatismo stragista da un lato e dalla cronica violazione dei diritti umani dall’altro.

La giornalista di Novaya Gazeta era poi aspramente critica dell’operato di Putin e della direzione da lui imposta alla Russia. Il suo omicidio avvenne proprio il giorno del compleanno dello zar e questa, per molti osservatori, fu percepita come una coincidenza agghiacciante. “Si sa che i crimini in cui si nascondono dei mandanti sono sempre difficili da risolvere e che a volte ci vogliono anni”, ha commentato il portavoce di Putin Dmitry Peskov. A quanto pare 15 non sono bastati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
anna politkovskaya giornalista prescrizione processo russia vladimir putin
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved