ULTIME NOTIZIE Estero
stati uniti
11 min

Biden grazia i condannati per possesso di marijuana

Il presidente americano: ‘Nessuno dovrebbe essere in carcere per questo motivo’
asia
17 min

Missili e caccia in volo, Kim sfida ancora Usa e Seul

Alta tensione nell’area. Pyongyang: ‘La portaerei Reagan è una grave minaccia’
Estero
1 ora

Nasce la Comunità politica europea, c’è anche la Svizzera

L’incontro a Praga con 44 Paesi presenti. C’è anche la Turchia. Restano fuori solo Russia e Bielorussia
thailandia
7 ore

Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini

Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso
Brasile
14 ore

Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio

Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
15 ore

Altri due missili verso il Mar del Giappone

Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
Burkina Faso
15 ore

Burkina Faso, Ibrahim Traoré nominato presidente

Dopo il secondo colpo di Stato nel Paese in meno di nove mesi, al capitano sono stati conferiti pieni poteri
caro-energia
23 ore

L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa

Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
tensioni in asia
1 gior

Gli Usa rispondono a Kim, ma il missile si schianta al suolo

Il vettore di Seul fuori controllo ha creato terrore e panico tra gli abitanti di una tranquilla cittadina sulla costa orientale della Corea del Sud
germania
16.09.2021 - 20:24

Sventato attacco a una sinagoga

Era già stato deciso luogo e ora. L’obiettivo era la sinagoga di Hagen durante la cerimonia dello Yom Kippur: 4 arresti

Ansa, a cura de laRegione
sventato-attacco-a-una-sinagoga
La polizia ad Hagen (Keystone)

Erano noti il momento, il luogo e il nome di chi avrebbe potuto colpire: indizi tali da mobilitare le forze dell’ordine a protezione della sinagoga di Hagen, in Germania, dove ieri per gli inquirenti si è rischiato un attentato durante la cerimonia dello Yom Kippur, la festa principale della religione ebraica. Nel corso delle indagini è stato arrestato un siriano di 16 anni, con l’accusa di aver pianificato un attacco con dell’esplosivo. Altre tre persone, intercettate nell’appartamento del ragazzo durante le perquisizioni, sono state temporaneamente messe in stato di fermo: è oggetto dell’inchiesta quanto e se siano coinvolte in quello che sarebbe stato un attacco “di matrice islamica”.

Il retroscena

Stando a un’anticipazione del Koelner Stadt Anzeiger, il giovane ha negato le accuse, ammettendo invece di essersi lasciato raccontare da un contatto di nome Abu Hab come si potesse costruire una bomba. La famiglia, continua il giornale, si muoverebbe nella scena degli integralisti islamici, ma a casa del padre non sarebbero state trovate armi. Gli inquirenti ora stanno cercando di decifrare le chat del siriano in arabo. Alla luce di “indizi di una possibile situazione di pericolo”, le operazioni a difesa dell’edificio da parte della polizia sono scattate nel pomeriggio di ieri e la celebrazione religiosa dello Yom Kippur è stata disdetta poco prima dell’inizio.

Per ore, nella tarda serata, è stato chiesto ai residenti di non lasciare le proprie abitazioni, mentre numerosi agenti, pesantemente armati e muniti di giubbotti anti-proiettili, hanno circondato la sinagoga in un’operazione terminata solo nel cuore della notte. “C’erano indizi seri, conoscevano il luogo, il momento e il nome di chi voleva attaccare”, ha spiegato il ministro dell’Interno del Nordreno-Vestfalia Herbert Reul (Cdu). Nella sinagoga, perquisita per ore anche con l’aiuto di cani anti-esplosivo, non sono stati però trovati oggetti pericolosi o sospetti.

Le dichiarazioni

“Facciamo tutto il possibile umanamente per proteggere le nostre cittadine e i nostri cittadini. Gli ebrei non dovranno mai più aver paura di vivere nel nostro Paese", ha commentato il ministro dell’Interno, Horst Seehofer. Il ministro ha ricordato l’attentato di Halle, dove proprio fuori dalla sinagoga locale un terrorista di estrema destra uccise due persone e ne ferì altre due, sempre durante la festa dello Yom Kippur due anni fa. "Un giovane mi gridò: voi non potete proteggerci", ha rammentato con amarezza. "Chi vuole integrarsi può farlo in Germania, ma i terroristi devono andare fuori dal Paese”, ha sillabato il candidato cancelliere della Cdu Armin Laschet, che è anche presidente della Regione.

“È doloroso sapere che le ebree e gli ebrei abbiano vissuto una situazione di rischio e non abbiano potuto festeggiare insieme lo Yom Kippur - il commento del candidato dell’Spd Olaf Scholz -. È nostro dovere fare tutto per la loro protezione e intervenire al primo segno di pericolo”. Anche il delegato governativo al contrasto all’antisemitismo Felix Klein si è detto preoccupato della circostanza che le minacce agli ebrei arrivino da più parti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved