Young Boys
Lugano
20:30
 
Bologna
1
Roma
0
2. tempo
(1-0)
Inter
2
Spezia
0
2. tempo
(1-0)
Genoa
Milan
20:45
 
Sassuolo
Napoli
20:45
 
DJOKOVIC N. (SRB)
0
BUBLIK A. (KAZ)
0
1 set
(2-1)
Langenthal
1
Visp
0
1. tempo
(1-0)
sventato-attacco-a-una-sinagoga
La polizia ad Hagen (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
8 min

La sfida dell’Ue alla Via della Seta

Trecento miliardi di euro per un nuovo maxi-piano di investimenti infrastrutturali in grado di competere con la Cina
stati uniti
28 min

La Corte Suprema Usa verso una stretta sull’aborto

La maggioranza conservatrice pronta a porre nuovi limiti dopo 50 anni. Biden contrario: ‘Sono per la libertà di scelta’
Estero
1 ora

Bomba della Seconda guerra mondiale esplode a Monaco di Baviera

Tre feriti è il bilancio dell’esplosione avvenuta all’interno di un cantiere, dopo la perforazione di un ordigno del peso di 250 chilogrammi
Confine
1 ora

Impennata di casi pure in Lombardia

Tra le province più colpite dalla nuova ondata di coronavirus c’è quella di Varese
Estero
1 ora

Barca si rovescia, strage di bambini in Nigeria

Avrebbero dovuto partecipare a una cerimonia religiosa. Una cinquantina le vittime
Coronavirus
2 ore

Omicron più trasmissibile, ma contagi perlopiù ‘lievi’

L‘Oms si dimostra prudente rispetto alla nuova variante del Covid. ‘Nei prossimi giorni più informazioni’
Estero
7 ore

Eitan ritornerà in Italia con la zia il 3 dicembre

La zia paterna, Aya Biran, nei mesi scorsi ha già presentato richiesta ai giudici per l’adozione
Estero
11 ore

La CNN sospende Chris Cuomo per l’aiuto al fratello indagato

Il presentatore, secondo la Procura di New York, ha usato la sua posizione e i suoi contatti a favore dell’ex governatore accusato di molestie sessuali
Estero
11 ore

La Nuova Zelanda invia 65 peacekeeper alle Isole Salomone

La richiesta è stata fatta dallo stesso governo dell’arcipelago in cui da poco si è placata una violenta rivolta con tre morti e ingenti danni
germania
16.09.2021 - 20:240

Sventato attacco a una sinagoga

Era già stato deciso luogo e ora. L’obiettivo era la sinagoga di Hagen durante la cerimonia dello Yom Kippur: 4 arresti

Erano noti il momento, il luogo e il nome di chi avrebbe potuto colpire: indizi tali da mobilitare le forze dell’ordine a protezione della sinagoga di Hagen, in Germania, dove ieri per gli inquirenti si è rischiato un attentato durante la cerimonia dello Yom Kippur, la festa principale della religione ebraica. Nel corso delle indagini è stato arrestato un siriano di 16 anni, con l’accusa di aver pianificato un attacco con dell’esplosivo. Altre tre persone, intercettate nell’appartamento del ragazzo durante le perquisizioni, sono state temporaneamente messe in stato di fermo: è oggetto dell’inchiesta quanto e se siano coinvolte in quello che sarebbe stato un attacco “di matrice islamica”.

Il retroscena

Stando a un’anticipazione del Koelner Stadt Anzeiger, il giovane ha negato le accuse, ammettendo invece di essersi lasciato raccontare da un contatto di nome Abu Hab come si potesse costruire una bomba. La famiglia, continua il giornale, si muoverebbe nella scena degli integralisti islamici, ma a casa del padre non sarebbero state trovate armi. Gli inquirenti ora stanno cercando di decifrare le chat del siriano in arabo. Alla luce di “indizi di una possibile situazione di pericolo”, le operazioni a difesa dell’edificio da parte della polizia sono scattate nel pomeriggio di ieri e la celebrazione religiosa dello Yom Kippur è stata disdetta poco prima dell’inizio.

Per ore, nella tarda serata, è stato chiesto ai residenti di non lasciare le proprie abitazioni, mentre numerosi agenti, pesantemente armati e muniti di giubbotti anti-proiettili, hanno circondato la sinagoga in un’operazione terminata solo nel cuore della notte. “C’erano indizi seri, conoscevano il luogo, il momento e il nome di chi voleva attaccare”, ha spiegato il ministro dell’Interno del Nordreno-Vestfalia Herbert Reul (Cdu). Nella sinagoga, perquisita per ore anche con l’aiuto di cani anti-esplosivo, non sono stati però trovati oggetti pericolosi o sospetti.

Le dichiarazioni

“Facciamo tutto il possibile umanamente per proteggere le nostre cittadine e i nostri cittadini. Gli ebrei non dovranno mai più aver paura di vivere nel nostro Paese", ha commentato il ministro dell’Interno, Horst Seehofer. Il ministro ha ricordato l’attentato di Halle, dove proprio fuori dalla sinagoga locale un terrorista di estrema destra uccise due persone e ne ferì altre due, sempre durante la festa dello Yom Kippur due anni fa. "Un giovane mi gridò: voi non potete proteggerci", ha rammentato con amarezza. "Chi vuole integrarsi può farlo in Germania, ma i terroristi devono andare fuori dal Paese”, ha sillabato il candidato cancelliere della Cdu Armin Laschet, che è anche presidente della Regione.

“È doloroso sapere che le ebree e gli ebrei abbiano vissuto una situazione di rischio e non abbiano potuto festeggiare insieme lo Yom Kippur - il commento del candidato dell’Spd Olaf Scholz -. È nostro dovere fare tutto per la loro protezione e intervenire al primo segno di pericolo”. Anche il delegato governativo al contrasto all’antisemitismo Felix Klein si è detto preoccupato della circostanza che le minacce agli ebrei arrivino da più parti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved