Young Boys
1
Servette
0
2. tempo
(1-0)
Napoli
1
Atalanta
1
1. tempo
(1-1)
Ajoie
1
Losanna
5
3. tempo
(1-0 : 0-2 : 0-3)
Ambrì
2
Zurigo
2
3. tempo
(1-2 : 0-0 : 1-0)
Langnau
0
Zugo
2
3. tempo
(0-1 : 0-1 : 0-0)
Lakers
4
Friborgo
4
3. tempo
(1-1 : 2-3 : 1-0)
Bienne
1
Ginevra
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
Berna
1
Lugano
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
FLO Panthers
3
STL Blues
3
overtime
(1-1 : 1-1 : 1-1 : 0-0)
la-norvegia-vota-e-vira-a-sinistra
Il neopremier, il milionario Jonas Gahr Støre (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Kenya: fiume in piena travolge un bus, almeno 20 i morti

L’autobus, su cui viaggiavano le vittime, era diretto a un matrimonio è stato travolto mentre attraversava un ponte
Estero
2 ore

Indonesia: un morto e 41 feriti per l’eruzione del vulcano

Il vulcano Semeru, nell’isola indonesiana di Giavaha, ricoperto i villaggi vicini di detriti ed emesso un’altissima colonna di fumo
Estero
2 ore

Cina contro Usa: ‘la nostra democrazia funziona’

Pubblicato oggi dalla Cina il libro bianco, il dossier che parla del suo ‘modello democratico’. E lancia la frecciattina: ‘più efficiente di quello Usa’
Francia
2 ore

Presidenziali francesi: a sfidare Macron anche Pecresse

La presidente dell’Ile de France, la regione di Parigi, ha vinto le primarie del suo partito, Les Republicains, con il 60,95% dei voti
Estero
5 ore

Germania: rinvenuti cinque corpi in una casa

Cinque persone, fra cui tre bimbi, sono state trovate uccise in una abitazione a sud di Berlino. La polizia indaga per pluriomicidio.
Estero
5 ore

Papa in Grecia: ‘chiedo perdono a Dio e ai fratelli ortodossi’

Durante l’incontro con l’arcivescovo ortodosso Ieronymos II ad Atene, papa Francesco ha rinnovato il ‘mea culpa’ per gli errori commessi dai cattolici
Estero
7 ore

Germania, Spd approva programma governo con Verdi e Fdp

Il passo necessario per la formazione del nuovo esecutivo è stato compiuto con il 98,8% dei voti
Estero
7 ore

Varese, ragazzi arrestati per rapina e aggressione: recidivi

I quattro sono accusati di aver derubato due coetanei. A gennaio avevano inoltre partecipato a una maxi rissa nel centro di Gallarate
Estero
9 ore

Fda autorizza trattamenti anticorpali per under 12

L‘azienda Eli Lilly: ’Questa espansione permette a bamlanivimab ed etesevimab di essere somministrati insieme in pazienti pediatrici ad alto rischio’
Estero
10 ore

Pg&E pagherà 125 mln per il maxi-rogo in California del 2019

E’ quanto prevede un accordo con la California Public Utilities Commission, secondo quanto scrive il Wall Street Journal
Estero
10 ore

Arrestati i genitori del 15enne autore della strage di Detroit

Lo ha riferito alla Cnn Rudy Harper, portavoce della polizia della città americana
Estero
14.09.2021 - 20:400
Aggiornamento : 20:57

La Norvegia vota e vira a sinistra

Il Paese nordico volta le spalle ai conservatori dopo otto anni, ma non il petrolio. Tutta la Scandinavia è ora governata da progressisti

La Norvegia cambia rotta. Dopo otto anni la premier conservatrice Erna Solberg è stata sconfitta dai laburisti di Jonas Gahr Stoere in un voto dominato dalla crisi climatica e, soprattutto, dal futuro dell’enorme e strategica industria petrolifera del Paese. Una vittoria schiacciante quella del milionario ex ministro degli Esteri che adesso dovrà convincere il partito di centro e la sinistra socialista a formare un governo di coalizione sostenuto da 89 parlamentari, quattro in più del numero necessario per una maggioranza assoluta. Dovrebbero restare fuori i Verdi, l’unica forza nel Paese che si batte per interrompere totalmente e in tempi relativamente brevi esplorazioni e produzione di petrolio.

La questione energetica

La transizione energetica del Paese sarà con tutta probabilità il dossier principale nei colloqui che i laburisti hanno avviato in queste ore e che secondo gli analisti potrebbero durare qualche settimana. La soluzione per un compromesso potrebbe essere quella di non fissare scadenze per le esplorazioni di petrolio ma almeno escludere alcune acque particolarmente sensibili, soprattutto nell’Artico. Nonostante le promesse elettorali sull’energia green infatti, alla fine la visione di Stoere sulla questione petrolio non si discosta molto da quella della Solberg. Entrambi i leader sono convinti che si debba dare tempo all’industria di trasformarsi, altrimenti non sopravvivrà. D’altra parte è un settore che rappresenta il 14% del Pil norvegese e dà lavoro a 160.000 persone.


Il primo ministro uscente Edna Solberg (Keystone)

La posizione dei Verdi

I Verdi, unica voce fuori dal coro, continuano a chiedere uno stop immediato alle esplorazioni e la fine della produzione entro il 2035. Ma non essendo riusciti a raggiungere la soglia del 4% non avranno il peso necessario per influenzare le decisioni del governo. “Il nostro lavoro per il momento è finito”, ha dichiarato dopo la sconfitta Solberg che per il suo approccio pragmatico era stata soprannominata ‘Iron woman’. In questi otto anni si è concentrata soprattutto sul contenimento dell’immigrazione e sulla riduzione delle tasse per favorire la crescita economica. È riuscita a portare la Norvegia fuori dalla pandemia di Covid, ma è stata fortemente criticata per la riforma del settore pubblico e le diseguaglianze economiche. Non l’ha aiutata in queste elezioni la gaffe dello scorso aprile quando è stata multata per aver infranto le regole anti-coronavirus organizzando un mega party di compleanno.

Il futuro premier

Con l‘arrivo al potere di ’super-Jonas’, un soprannome che il futuro premier norvegese non sembra gradire, lo scenario muta. Ex ministro nel governo di Jens Stoltenberg, di cui è considerato erede e protetto, in campagna elettorale ha puntato molto sulla retorica della “gente comune” e sull’aumento delle tasse ai più ricchi suscitando le facili critiche degli avversari essendo lui molto più che benestante. Pare che il suo patrimonio si aggiri attorno ai 140 milioni di corone (circa 14 milioni di euro), grazie alla fortuna ereditata negli anni ’70 dalla vendita dell’azienda di famiglia, una fabbrica di forni.

Studi a Science Po a Parigi e alla London School of Economics, sposato con tre figli, nel 2008 è sopravvissuto ad un attentato dei talebani contro l‘hotel in cui alloggiava a Kabul e nel 2011 alla strage compiuta da Anders Breivik sull’isola di Utoya. Era stato alla festa dei giovani socialisti il giorno prima. Durante la campagna elettorale ha detto: “Le mie finanze non sono comuni, ma molte cose di me lo sono”. Parola di ’super-Jonas’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved