la-norvegia-vota-e-vira-a-sinistra
Il neopremier, il milionario Jonas Gahr Støre (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
2 ore

Dogana Oria Valsolda, chiusa la galleria per caduta di pannelli

Il traffico è dirottato sulla vecchia statale Regina. Non si segnalano feriti
Estero
3 ore

Pedopornografia online, arrestate 13 persone in tutta Italia

L’indagine si è avvalsa di agenti infiltrati in canali di chat e nel dark web. I supporti con i file erano nascosti anche in scatole di farmaci e provette
el salvador
5 ore

Bukele, ‘il dittatore più figo del mondo’

Il presidente populista scrive sul suo profilo Twitter "El dictador más cool del mundo mundial”. Un personaggio fuori dalle righe tra bitcoin, clientelismo e minacce
afghanistan
12 ore

Il Pakistan: ‘Anti-islamico vietare la scuola alle donne’

Intanto i Talebani annunciano i viceministri, ancora tutti uomini
vaticano
12 ore

‘Qualcuno mi voleva morto e preparava il conclave’

Lo sfogo di Papa Francesco: ‘Sono in ottima forma, ma certe critiche mi fanno perdere la pazienza. La Chiesa non abbia paura ad affrontare le diversità sessuali’
iran
12 ore

Raisi: ‘Pronti a negoziare per porre fine alle sanzioni’

Apertura del nuovo presidente sul nucleare e un attacco diretto a Washington: ‘Cacciati dai talebani, l’egemonia Usa ha miseramente fallito’
Estero
12 ore

Joe Biden all’Onu: ‘No a una nuova Guerra fredda’

‘Sì a competizione con la Cina, ma non conflitto’. Mano tesa all’Europa dopo il caso dei sottomarini nucleari
stati uniti
12 ore

Agenti a cavallo frustano migranti al confine

Così la polizia americana cerca di frenare l’ondata in arrivo da Haiti. Le immagini imbarazzano la Casa Bianca: ‘È orribile’
Estero
16 ore

Hackerato e postato online il Green Pass di Macron

Il codice Qr del certificato vaccinale del presidente francese è stato piratato e diffuso su diversi social
Confine
16 ore

Paratie di Como, ritardi e costi supplementari

Alla base del problema ci sono delle difficoltà incontrate durante i lavori. Ristoranti e alberghi della zona dovranno avere pazienza
Estero
17 ore

Covid, l’Argentina allenta e riapre agli stranieri

Il governo del Paese sudamericano ha annunciato l’abolizione della mascherina all’aperto e la progressiva riapertura delle frontiere
Estero
14.09.2021 - 20:400
Aggiornamento : 20:57

La Norvegia vota e vira a sinistra

Il Paese nordico volta le spalle ai conservatori dopo otto anni, ma non il petrolio. Tutta la Scandinavia è ora governata da progressisti

La Norvegia cambia rotta. Dopo otto anni la premier conservatrice Erna Solberg è stata sconfitta dai laburisti di Jonas Gahr Stoere in un voto dominato dalla crisi climatica e, soprattutto, dal futuro dell’enorme e strategica industria petrolifera del Paese. Una vittoria schiacciante quella del milionario ex ministro degli Esteri che adesso dovrà convincere il partito di centro e la sinistra socialista a formare un governo di coalizione sostenuto da 89 parlamentari, quattro in più del numero necessario per una maggioranza assoluta. Dovrebbero restare fuori i Verdi, l’unica forza nel Paese che si batte per interrompere totalmente e in tempi relativamente brevi esplorazioni e produzione di petrolio.

La questione energetica

La transizione energetica del Paese sarà con tutta probabilità il dossier principale nei colloqui che i laburisti hanno avviato in queste ore e che secondo gli analisti potrebbero durare qualche settimana. La soluzione per un compromesso potrebbe essere quella di non fissare scadenze per le esplorazioni di petrolio ma almeno escludere alcune acque particolarmente sensibili, soprattutto nell’Artico. Nonostante le promesse elettorali sull’energia green infatti, alla fine la visione di Stoere sulla questione petrolio non si discosta molto da quella della Solberg. Entrambi i leader sono convinti che si debba dare tempo all’industria di trasformarsi, altrimenti non sopravvivrà. D’altra parte è un settore che rappresenta il 14% del Pil norvegese e dà lavoro a 160.000 persone.


Il primo ministro uscente Edna Solberg (Keystone)

La posizione dei Verdi

I Verdi, unica voce fuori dal coro, continuano a chiedere uno stop immediato alle esplorazioni e la fine della produzione entro il 2035. Ma non essendo riusciti a raggiungere la soglia del 4% non avranno il peso necessario per influenzare le decisioni del governo. “Il nostro lavoro per il momento è finito”, ha dichiarato dopo la sconfitta Solberg che per il suo approccio pragmatico era stata soprannominata ‘Iron woman’. In questi otto anni si è concentrata soprattutto sul contenimento dell’immigrazione e sulla riduzione delle tasse per favorire la crescita economica. È riuscita a portare la Norvegia fuori dalla pandemia di Covid, ma è stata fortemente criticata per la riforma del settore pubblico e le diseguaglianze economiche. Non l’ha aiutata in queste elezioni la gaffe dello scorso aprile quando è stata multata per aver infranto le regole anti-coronavirus organizzando un mega party di compleanno.

Il futuro premier

Con l‘arrivo al potere di ’super-Jonas’, un soprannome che il futuro premier norvegese non sembra gradire, lo scenario muta. Ex ministro nel governo di Jens Stoltenberg, di cui è considerato erede e protetto, in campagna elettorale ha puntato molto sulla retorica della “gente comune” e sull’aumento delle tasse ai più ricchi suscitando le facili critiche degli avversari essendo lui molto più che benestante. Pare che il suo patrimonio si aggiri attorno ai 140 milioni di corone (circa 14 milioni di euro), grazie alla fortuna ereditata negli anni ’70 dalla vendita dell’azienda di famiglia, una fabbrica di forni.

Studi a Science Po a Parigi e alla London School of Economics, sposato con tre figli, nel 2008 è sopravvissuto ad un attentato dei talebani contro l‘hotel in cui alloggiava a Kabul e nel 2011 alla strage compiuta da Anders Breivik sull’isola di Utoya. Era stato alla festa dei giovani socialisti il giorno prima. Durante la campagna elettorale ha detto: “Le mie finanze non sono comuni, ma molte cose di me lo sono”. Parola di ’super-Jonas’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved