ULTIME NOTIZIE Estero
italia
28 min

Bossi è fuori, anzi no

Caos seggi, tra polemiche e riconteggi, che premia il fondatore della Lega
il dopo-voto in italia
37 min

Incontro Meloni-Salvini: ‘Unità d’intenti’

Calenda scommette su un governo di pochi mesi. Il Pd prova a ricostruirsi dalle macerie: il 6 ottobre la Direzione convocata in vista del Congresso
il voto contestato
48 min

I separatisti ucraini da Putin: ‘Pronti all’annessione’

Lunedì la plenaria della Duma. L’Occidente condanna e manda armi. Kiev: i numeri dati da Mosca sono gonfiati.
la guerra in ucraina
55 min

Nuove sanzioni Ue a Mosca, ma Orban sfida Bruxelles

‘Referendum sulle misure energetiche’. Resta il nodo di un tetto ai prezzi per il greggio
mar baltico
1 ora

‘Nord Stream potrebbe essere irrecuperabile’

Scambio d’accuse tra Washington e Mosca: è sabotaggio. Già dispersa oltre la metà del gas, prezzi ancora in rialzo
stati uniti
1 ora

L’uragano Ian spazza la Florida: oltre 2 milioni di evacuati

Dopo essersi abbattuto su Cuba lasciando l’isola caraibica al buio, la tempesta si è diretta verso la costa Usa e ha superato i 250 chilometri orari
Confine
3 ore

Varese, Norman Gobbi passa il testimone a Massimo Sartori

All’assemblea generale Comunità di lavoro Regio Insubrica, la presidenza viene assunta dall’assessore della Regione Lombardia
Confine
4 ore

Muore sui monti del Lario mentre stava cercando funghi

Un anziano lecchese di 72 anni è stato rinvenuto privo di vita in fondo a un dirupo. Aveva raggiunto Punta di Reseg a Gazeno assieme ai familiari
Estero
11 ore

I filorussi si proclamano vincitori dei referendum

Secondo l’agenzia Tass nel Lugansk il ‘sì’ ha vinto con il 98,52%, nel Donetsk con il 94,75%, nell’area di Kherson con l’87,05%
21.06.2021 - 21:45

Terremoto politico in Svezia, sfiduciato il premier Lofven

È la prima volta che capita nel Paese scandinavo. Il socialdemocratico, da sette anni alla guida del governo, bocciato dal Parlamento sul piano affitti.

terremoto-politico-in-svezia-sfiduciato-il-premier-lofven
Keystone
Lofven

Roma – La Svezia è scossa da una turbolenza politica senza precedenti: dopo 7 anni alla guida del governo, il premier Stefan Lofven è stato sfiduciato dal Parlamento - prima volta nella storia del Paese scandinavo - con un voto che ha aperto la strada a elezioni anticipate. O ad uno stallo prolungato.

Il leader socialdemocratico è caduto sotto i colpi di una mozione presentata dalla destra nazionalista, ma la miccia è stata accesa dalla sinistra, che ha bocciato il controverso piano di liberalizzazione degli affitti. Lofven, a capo di una traballante coalizione di minoranza socialdemocratici-verdi, alla prova dell'aula è stato affossato da 181 deputati su 349, ben oltre l'opposizione: dall'estrema destra ai conservatori, dai moderati ai democristiani, a cui si è aggiunto anche il Partito della Sinistra, che fin qui aveva fornito appoggio esterno al premier. E che stavolta, invece, non gli ha fatto passare la liberalizzazione del mercato immobiliare, che avrebbe rischiato di far schizzare gli affitti, scuotendo uno dei pilastri del welfare svedese.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso

"Il governo ha rinunciato alla sinistra e al popolo", ha tuonato la leader del partito, Nooshi Dadgostar, figlia di rifugiati iraniani scappati in Svezia negli anni Ottanta. Aprendo di fatto una crisi che l'estrema destra dei Democratici Svedesi ha cavalcato, promuovendo la mozione di sfiducia contro il premier, a cui si sono accodati anche gli altri partiti. Inclusi i Moderati, partito chiave insieme ai Socialdemocratici nell'equilibrio del potere in Svezia.

Il caso affitti è stata soltanto l'ultima spia di un'insoddisfazione generale nei confronti di Lofven, premier dal 2014 ma mai così fragile in questo ultimo esperimento di governo. Un esecutivo messo in piedi a gennaio del 2019 al prezzo di 4 estenuanti mesi di negoziati, dopo le legislative. Il premier, tra l'altro, ha subito un grave colpo alla propria credibilità per il modo in cui ha affrontato la pandemia di Covid. Affidando la gestione dell'emergenza all'epidemiologo guru Anders Tegnell, che ha portato avanti la linea anti-lockdown in controtendenza con il resto d'Europa. Salvo poi fare mea culpa, dopo aver constatato che in Svezia ci sono stati più morti e contagi rispetto ai vicini scandinavi.

Una settimana per decidere cosa fare

Dopo la sfiducia Lofven si è preso una settimana per decidere cosa fare. "È in gioco l'interesse del Paese", ha spiegato in conferenza stampa per giustificare il tempo che si è concesso. E non è detto che per il 64enne ex sindacalista metalmeccanico sia finita, hanno rilevato gli osservatori, ricordando che le sue doti di mediatore gli hanno già permesso di restare a galla così tanto.

Il leader socialdemocratico potrebbe dimettersi definitivamente e affidare al presidente del Parlamento la trattativa per trovare un nuovo primo ministro. Scommettendo sul fatto di essere di nuovo lui (lo stesso Lofven si è detto disponibile a riprovarci, ma l'opzione ritenuta più probabile è un incarico al leader dei Moderati, Ulf Kristersson, che nei mesi scorsi ha aperto alla destra). In alternativa ci sarebbero le elezioni anticipate in estate, con un anno di anticipo rispetto alla scadenza naturale della legislatura. Sarebbe la prima volta dal 1958.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved