cdu-in-crisi-ipotesi-cambio-di-candidato
Laschet e Soeder (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

Strage di Uvalde, morto di dolore il marito della maestra eroina

Due giorni dopo la strage che è costata la vita alla moglie Irma e ad altri 19 bambini, Joe Garcia è morto d’infarto
Estero
7 ore

Ciriaco De Mita, la politica s’inchina all’ultimo premier Dc

Morto oggi ad Avellino all’età di 94 anni. Il Presidente Mattarella, in un lungo comunicato non formale: ‘Un innovatore nel solco di Sturzo e Moro’.
Confine
9 ore

Disastro al Mottarone: ‘Fune vecchia ed errori umani’

Depositata la relazione intermedia della Commissione di indagine del Ministero dei trasporti. Poco spazio alla tesi della tragica fatalità
Estero
12 ore

Kiev: ‘Segnali di un’escalation a est’

Nel frattempo Mosca disposta a lasciar uscire dal porto di Mariupol le navi che portano grano solo se si eliminano le sanzioni. Segui il live de laRegione
Estero
12 ore

‘I poliziotti non hanno attuato protocollo post Columbine’

Dopo la strage avvenuta nel 1999 il protocollo prevede che gli agenti armati presenti sulla scena trovino l’aggressore e lo uccidano
Confine
13 ore

Milano-Zurigo in tre ore? ‘Il terzo binario va fatto’

In un’interrogazione la parlamentare comasca Chiara Braga sottolinea l’importanza di implementare la struttura ferroviaria tra Camnago e Cantù
Estero
14 ore

Il Wwf critica il ‘culto della bellezza’ per frutta e verdura

Il 40% degli alimenti prodotti globalmente non viene consumato. È come se tutto il cibo prodotto da gennaio a oggi fosse stato buttato
Estero
15 ore

Protestò in diretta contro la guerra, premiata giornalista russa

Marina Ovsyannikova ha ricevuto il riconoscimento Vaclav Havel per i diritti umani, assegnato ogni anno dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa
germania
19.08.2021 - 20:08
Aggiornamento : 21:09

Cdu in crisi, ipotesi cambio di candidato

Laschet, erede di Merkel, non convince e crolla nei sondaggi in vista delle elezioni. Soeder: ‘Posso aiutare, possiamo ancora modificare la rotta’

Ansa, a cura de laRegione

In pieno crollo dei consensi per Armin Laschet, non meraviglia che il bavarese Markus Soeder si faccia sentire di nuovo. A 38 giorni dalle urne che apriranno il post Merkel, il trend per i conservatori tedeschi è "drammatico", ha lanciato l'allarme ai colleghi di Cdu e della Csu riuniti in presidio. E a loro si è detto disposto a dare una mano: "io posso aiutare. Modificare la rotta non è impossibile, ma non è neppure semplice". "Il fatto che a sei settimane dal voto si parli di cambio di candidato fa capire quanto sia difficile la situazione", l'aggiunta sibillina, riferita dalla Bild.

Il tabloid ha subito titolato sull'attacco a Laschet - in Germania è ferita ancora viva lo scontro per la candidatura alla cancelleria nell'Unione - ma poche ore dopo, davanti alla stampa, Soeder ha in qualche modo smorzato i toni. "Tanti mi chiedono di impegnarmi di più personalmente, nel partito come nel paese", ma serve un certo "equilibrio" anche nella presenza, ha affermato, disinnescando i giornalisti. Al sondaggio del Forsa che dà in vantaggio l'Unione ormai solo di pochi punti al 23%, e i socialdemocratici di Olaf Scholz in rimonta al 21%, meglio degli ecologisti al 19%, se n'è aggiunto uno a tinte addirittura più fosche.

Cambio in corsa

Diversi analisti continuano a ripetere che solo puntando su Soeder, sempre molto premiato dalle indagini sui consensi, cristiano democratici e sociali potrebbero recuperare la partita. Ma i rilevamenti demoscopici vanno presi con cautela e non sono tutti allineati: quello di Allensabch, ad esempio, registra ancora una netta distanza fra la Cdu-Csu data al 25,7% e l'Spd al 19,5%. Anche questo sondaggio ha confermato invece il sorpasso dei Verdi di Annalena Baerbock, al 17,5%. Elemento che pure agita Soeder: "una coalizione semaforo o rosso-rosso-verde, senza di noi, è scenario più che concreto al momento". E l'Unione non è mai stata davanti a una "sfida così grande dal 1998", secondo lui.

Caso Afghanistan

Il clima del dibattito politico interno è acceso anche dalle forti polemiche sull'Afghanistan. Soeder ha detto la sua anche su questo, rilanciando le accuse al governo che avrebbe temporeggiato troppo nella missione di evacuazione, a causa di una contesa fra i ministri degli Esteri e della Difesa.

Chi è coinvolto in questo dibattito non dovrà entrare nel nostro governo, ha sentenziato, esplicitando poi di avercela in particolare col capo della diplomazia, Heiko Maas. E proprio mentre il vicecancelliere Scholz recupera vistosamente terreno nella gara (le preferenze personali lo danno in testa da qualche settimana ormai) il ministro degli Esteri è diventato un problema per i compagni. A chiederne addirittura le dimissioni è stato il vice dei liberali, Wolfgang Kubicki, che lo ha definito "un fallimento della diplomazia e della politica estera tedesca".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
angela merkel armin laschet cdu germania markus soeder
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved