BOS Bruins
0
Detroit Red Wings
0
1. tempo
(0-0)
FLO Panthers
1
WAS Capitals
2
1. tempo
(1-2)
NJ Devils
0
SJ Sharks
1
1. tempo
(0-1)
MIN Wild
ARI Coyotes
02:00
 
NAS Predators
COB Jackets
02:00
 
STL Blues
TB Lightning
02:00
 
cdu-in-crisi-ipotesi-cambio-di-candidato
Laschet e Soeder (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
unione europea
2 ore

Natale ‘censurato’, l’Ue ritira il documento

Il dietrofront dopo le polemiche: i cattolici esultano. Bruxelles: ‘Volevamo essere inclusivi, ma abbiamo sbagliato le linee guida’
germania
2 ore

Fece morire di sete bimba yazida, ergastolo a jihadista

A Francoforte condanna storica per genocidio dell’Isis. L’uomo teneva schiava la piccola e sua madre
norvegia
3 ore

Breivik ha inviato minacce ai sopravvissuti di Utoya

Il comitato delle vittime: ‘Manda lettere dal carcere, è inaccettabile’
Estero
3 ore

Sparatoria in un liceo del Michigan, almeno tre morti

Il presunto killer avrebbe 15 anni ed è stato fermato dalla polizia, lo riportano i medi americani
Estero
4 ore

Zemmour, il fondamentalista ributtante

Il polemista e paladino della destra francese, xenofobo e reazionario, si candida ufficialmente per l’Eliseo
Estero
6 ore

Prime indicazioni da Israele: ‘Con tre dosi protetti da Omicron’

Il ministro della Sanità: ‘Le prime indicazioni mostrano che coloro che hanno un richiamo sono molto probabilmente protetti contro questa variante’
Estero
7 ore

Boris Johnson: ‘Terza dose a tutti entro fine gennaio’

In Gran Bretagna la campagna vaccinale riprenderà ai ritmi iniziali, con la riapertura di centri extra e l’impiego di 400 militari
Estero
7 ore

La Germania valuta misure specifiche per i non vaccinati

Oltre all’obbligo vaccinale, al vaglio l’introduzione di una limitazione dei contatti soprattutto per chi non ha ricevuto le due dosi
germania
19.08.2021 - 20:080
Aggiornamento : 21:09

Cdu in crisi, ipotesi cambio di candidato

Laschet, erede di Merkel, non convince e crolla nei sondaggi in vista delle elezioni. Soeder: ‘Posso aiutare, possiamo ancora modificare la rotta’

In pieno crollo dei consensi per Armin Laschet, non meraviglia che il bavarese Markus Soeder si faccia sentire di nuovo. A 38 giorni dalle urne che apriranno il post Merkel, il trend per i conservatori tedeschi è "drammatico", ha lanciato l'allarme ai colleghi di Cdu e della Csu riuniti in presidio. E a loro si è detto disposto a dare una mano: "io posso aiutare. Modificare la rotta non è impossibile, ma non è neppure semplice". "Il fatto che a sei settimane dal voto si parli di cambio di candidato fa capire quanto sia difficile la situazione", l'aggiunta sibillina, riferita dalla Bild.

Il tabloid ha subito titolato sull'attacco a Laschet - in Germania è ferita ancora viva lo scontro per la candidatura alla cancelleria nell'Unione - ma poche ore dopo, davanti alla stampa, Soeder ha in qualche modo smorzato i toni. "Tanti mi chiedono di impegnarmi di più personalmente, nel partito come nel paese", ma serve un certo "equilibrio" anche nella presenza, ha affermato, disinnescando i giornalisti. Al sondaggio del Forsa che dà in vantaggio l'Unione ormai solo di pochi punti al 23%, e i socialdemocratici di Olaf Scholz in rimonta al 21%, meglio degli ecologisti al 19%, se n'è aggiunto uno a tinte addirittura più fosche.

Cambio in corsa

Diversi analisti continuano a ripetere che solo puntando su Soeder, sempre molto premiato dalle indagini sui consensi, cristiano democratici e sociali potrebbero recuperare la partita. Ma i rilevamenti demoscopici vanno presi con cautela e non sono tutti allineati: quello di Allensabch, ad esempio, registra ancora una netta distanza fra la Cdu-Csu data al 25,7% e l'Spd al 19,5%. Anche questo sondaggio ha confermato invece il sorpasso dei Verdi di Annalena Baerbock, al 17,5%. Elemento che pure agita Soeder: "una coalizione semaforo o rosso-rosso-verde, senza di noi, è scenario più che concreto al momento". E l'Unione non è mai stata davanti a una "sfida così grande dal 1998", secondo lui.

Caso Afghanistan

Il clima del dibattito politico interno è acceso anche dalle forti polemiche sull'Afghanistan. Soeder ha detto la sua anche su questo, rilanciando le accuse al governo che avrebbe temporeggiato troppo nella missione di evacuazione, a causa di una contesa fra i ministri degli Esteri e della Difesa.

Chi è coinvolto in questo dibattito non dovrà entrare nel nostro governo, ha sentenziato, esplicitando poi di avercela in particolare col capo della diplomazia, Heiko Maas. E proprio mentre il vicecancelliere Scholz recupera vistosamente terreno nella gara (le preferenze personali lo danno in testa da qualche settimana ormai) il ministro degli Esteri è diventato un problema per i compagni. A chiederne addirittura le dimissioni è stato il vice dei liberali, Wolfgang Kubicki, che lo ha definito "un fallimento della diplomazia e della politica estera tedesca".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved