i-talebani-non-ci-sara-nessuna-democrazia
Il rimpatrio su un aereo militare spagnolo (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
oms
7 ore

‘Il vaiolo delle scimmie si può contenere’

‘Ci sono gli strumenti per identificare i casi precocemente’. Intanto aumentano i contagi in Italia, Spagna e Regno Unito.
olocausto
7 ore

Eichmann e la Soluzione finale, spuntano gli audio

In un documentario le registrazioni inedite del colonnello Ss durante un’intervista con un giornalista olandese: ‘Volevo tutti gli ebrei morti’
primarie Usa
8 ore

In Georgia Pence sfida Trump

L’ex vicepresidente si schiera con il governatore avversato dal tycoon
Confine
11 ore

Attacco informatico ai servizi sanitari di Como e Varese

Pubblicati i dati sensibili di ottocento disabili delle due province. I ‘pirati’ del web hanno chiesto un riscatto
Confine
16 ore

Un anno fa la strage del Mottarone: ‘Abbandonati da tutti’

Lo sottolinea la madre di Elisabetta Personini e nonna del piccolo Mattia, 2 delle quattordici vittime del disastro della funivia a Stresa
Estero
19 ore

Biden: 13 Paesi in piano Indo-Pacifico. Aiuto a Taiwan se invasa

Il presidente Usa ha inoltre affermato che si sta considerando l’abolizione di alcuni dazi commerciali sulla Cina
Speciale Ucraina
20 ore

‘Mi vergogno’. E il russo Bondarev lascia l’Onu

A Ginevra se ne va il consigliere alle Nazioni unite, mentre Kiev decreta il carcere a vita per Vadim Shishimarin. Segui il live de laRegione
la strage di capaci: 1992-2022
22 ore

‘La mafia li uccideva, poi rubava le loro parole’

A trent’anni dalla morte di Falcone restano l’orgoglio e le ferite di chi ha lottato per la verità
Estero
1 gior

Italia: ladri passano dalle fogne e rubano mezzo milione

Il colpo in una gioielleria a due passi da Ponte Vecchio a Firenze
Estero
1 gior

Armi nucleari, Giappone e Usa chiedono trasparenza alla Cina

I due Paesi stanno limando gli ultimi dettagli di una proposta che conduca Pechino a un maggiore impegno per il disarmo dei propri arsenali
Estero
1 gior

Sudafrica: ancora devastanti inondazioni sulla costa Est

Il mese scorso circa 500 persone erano già state costrette ad abbandonare le loro case
Estero
1 gior

Francia, accuse di violenza sessuale per il neoministro Abad

Il politico smentisce: ‘Queste voci riferiscono di atti o gesti che mi sarebbero semplicemente impossibili a causa del mio handicap’
Estero
1 gior

Tempesta in Germania, un morto e quasi 60 feriti

Particolarmente colpita la Renania Settentrionale-Vestfalia: un tornado ha attraversato Paderborn ferendo 43 persone venerdì
Estero
1 gior

Afghanistan, da oggi le conduttrici in tv a volto coperto

Ieri si erano ribellate all’ordine dei Talebani di nascondere il viso, ma ‘l’emittente ha subito pressioni’
Confine
1 gior

Carrozza a soqquadro: soppresso un treno diretto a Chiasso

Quattordici giovani, tra i 15 e i 21 anni, sono stati denunciati ieri dai carabinieri
Estero
1 gior

Esplosioni nelle regioni di Kiev e Zhytomyr

Nel frattempo il parlamento ucraino ha approvato l’estensione della legge marziale fino al 23 agosto. Segui il live de laRegione
Estero
1 gior

Anthony Albanese promette di riparare l’immagine dell’Australia

Il neoeletto primo ministro laburista vuole puntare sulla politica climatica. Su questo aspetto il Paese viene spesso considerato in ritardo.
Estero
1 gior

Vaiolo delle scimmie: 92 casi confermati in 12 Paesi

Lo segnala l’Organizzazione mondiale della sanità. Si tratta di zone dove la malattia non è endemica.
Confine
1 gior

Un carro attrezzi per rimuovere solo... le vetture straniere

L’obiettivo è costringere principalmente i ticinesi a pagare le multe per divieto di sosta. Lo propone Alessandro Rapinese, candidato a sindaco di Como.
afghanistan
18.08.2021 - 21:48

I talebani: ‘Non ci sarà nessuna democrazia’

Scontri e tre morti a Jalalabad durante una manifestazione. Caos profughi: la Svizzera chiude le porte, mentre Londra dice: ‘Ne accoglieremo 20mila’

Kabul – Il nuovo corso talebano in Afghanistan non parte con i migliori auspici, nonostante le rassicurazioni di una transizione pacifica e senza vendette. Le prime proteste contro il movimento fondamentalista sono state represse nel sangue, e i nuovi padroni del Paese hanno riproposto la loro furia iconoclasta, distruggendo la statua di un eroe sciita: lo stesso trattamento riservato 20 anni fa ai Buddha di Bamyan.

A Kabul gli studenti coranici lavorano per formare un nuovo governo sulla carta ’inclusivo’. Ma dalla capitale arrivano anche messaggi meno concilianti: “Non ci sarà alcuna democrazia”. La violenza dei talebani è esplosa a Jalalabad, un centinaio di chilometri a est di Kabul. Una città simbolo, perché cuore delle celebrazioni annuali dell’indipendenza dell’Afghanistan dall’impero britannico, nel 1919.

Proprio l’orgoglio nazionalista della popolazione ha portato in strada un fiume di persone che hanno rimosso una bandiera talebana da una rotonda, sostituendola con quella afgana. Scatenando la reazione dei fondamentalisti, che hanno aperto il fuoco. Almeno tre i morti e tredici feriti, ma secondo altri report le vittime sarebbero molte di più. La protesta delle bandiere è andata in scena anche in altre città come Kunar e Khost. È ancora presto per capire se si diffonderà a livello nazionale, ma i giornalisti sul terreno hanno registrato che i talebani appaiono tesi, dopo l’entusiasmo iniziale scaturito dalla presa di Kabul.


Un guerriero talebano con la sua bandiera (Keystone)

Abbattuta una statua

L’intolleranza degli insorti non si è abbattuta solo sulle persone, ma anche sui simboli. La statua di Abdul Ali Mazari, un leader politico che rappresentava la comunità sciita hazara, ucciso negli anni '90 proprio dai miliziani del mullah Omar, è stata decapitata con una granata, secondo le testimonianze di alcuni residenti. Lo scempio è avvenuto a Bamiyan, città in cui i talebani nel 2001 distrussero due magnifiche e gigantesche statue di Buddha scolpite nella roccia. Un’azione di cui non pentirono mai.

In questa situazione migliaia di afghani, preoccupati da un ritorno dell’oscurantismo, ogni giorno affollano l’aeroporto di Kabul per fuggire dal Paese. E si contano almeno 17 feriti nella calca per tentare di salire sul primo aereo disponibile. In città intanto regna una relativa calma, e dal traffico in strada sembra che nulla sia cambiato. Ma è solo apparenza, perché ci sono molte meno donne in giro. E quelle poche che ancora escono, indossano veli o niqab. La paura è tanta, soprattutto, tra le più istruite, che negli ultimi anni hanno faticato per ritagliarsi una vita autonoma, anche nel lavoro.

I diritti delle donne

I talebani, finora, hanno assicurato che rispetteranno i loro diritti, ma all’interno della sharia. Cosa questo comporterà, nei fatti, è ancora tutto da verificare. La comunità internazionale ne è preoccupata, tanto che Ue, Usa e Gran Bretagna hanno rinnovato l’appello alle nuove autorità perché “garantiscano la loro protezione”. I talebani, tuttavia, in questo momento hanno un’altra priorità. Ossia chiudere il prima possibile la partita del governo. In questa fase prevale il pragmatismo, dopo la promessa fatta di fronte ai media di tutto il mondo di un esecutivo “inclusivo e islamico”.

Così un alto comandante del movimento ha incontrato un personaggio simbolo del vecchio establishment, l’ex presidente Hamid Karzai, per tentare di trovare un accordo tra le varie anime del Paese. Ma i fondamentalisti hanno già chiarito che, di fatto, cambierà tutto. “Non ci sarà alcun sistema democratico perché non ha alcuna base nel nostro Paese”, ha spiegato un alto esponente dei talebani Waheedullah Hashimi, vicino al cerchio ristretto. “Non discuteremo quale tipo di sistema politico dovremmo applicare in Afghanistan perché è chiaro. È la legge della sharia e basta”. E il grande sconfitto, l’ex presidente Ashraf Ghani, è tornato a parlare dal suo rifugio negli Emirati Arabi evocando un suo ritorno in Afghanistan, anche se impazza la polemica sui 160 milioni di dollari che avrebbe portato via con sé sottraendoli alle casse statali.


La protesta anti-talebana a Bruxelles (Keystone)

Caso profughi

La Svizzera non accoglierà contingenti di cittadini afghani in fuga, così ha deciso ieri il Consiglio Federale. Berna valuterà tuttavia richieste di ammissione individuali, mentre è stato ribadito l’impegno a portare in Svizzera i collaboratori locali e i loro famigliari, nonché i cittadini svizzeri ancora bloccati nel Paese.

Le domande d’asilo presentate da cittadini afghani in Svizzera sono esaminate dalla Segreteria di Stato della migrazione in procedura ordinaria. Chi è in pericolo continua comunque a ottenere l’asilo o l’ammissione provvisoria, ha spiegato Karin Keller-Sutter, capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia: ‘Attualmente ci sono 20'000 afghani nella Confederazione e 15'000 sono in fase di richiesta d’asilo, ma solo una minoranza ha uno status chiaro’, ha detto.

L’impegno della Confederazione pare relativo, vista la grave situazione nel Paese asiatico. Anche per questo la città di Ginevra, sede della Croce Rossa Internazionale, si dice favorevole ad accogliere rifugiati afgani in pericolo e chiede alla Confederazione di istituire immediatamente una procedura facilitata che permetta loro di beneficiare in un primo tempo di un visto umanitario.

I Paesi si muovono in ordine sparso, mentre la Francia ha già detto "no" e l’Italia nicchia, Londra ha già dato la disponibilità per 5mila afghani, che dovrebbero diventare 20mila in futuro. Il primo Paese a ospitare rifugiati, circa duemila, è stato l’Uganda, ma si stanno muovendo anche gli Stati Uniti, nel mirino per la gestione del ritiro delle truppe. Ieri si è fatto sentire l’ex presidente Donald Trump, che ha attaccato Joe Biden: ‘Dovevano portare via la gente da lì. Immaginatevi l’esercito che va a casa e lascia tutta quella gente, questo si chiama l’agnello che va al macello”. In realtà gli Usa stanno riportando a casa migliaia di persone a casa a gran ritmo, senza - al momento – nessuna ostilità da parte dei talebani.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
afghanistan democrazia jalalabad kabul rifugiati svizzera talebani
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved