Empoli
0
Udinese
0
1. tempo
(0-0)
covid-e-green-pass-in-israele-dai-tre-anni-in-spagna-no
Il certificato digitale elvetico (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Vigezzo: ubriaco aggredisce Carabinieri, arrestato

L’episodio si è verificato sabato notte; ubriaco, un 64enne si è scagliato sugli agenti intervenuti per calmarlo
Estero
1 ora

A New York vaccino obbligatorio per i lavoratori privati

Misura voluta dal sindaco uscente Bill De Blasio. Nel 2020 la maggiore città Usa era stata molto colpita dal coronavirus, con almeno 34mila morti
Confine
3 ore

Cabiate, ergastolo per il 26enne che picchiò a morte una bimba

Un cittadino rumeno uccise la figlia della compagna lo scorso gennaio, dopo averla violentata. La difesa ricorrerà in Appello
Estero
7 ore

Francia: giovedì si decide sul nuovo allestimento di Notre-Dame

L’ambizione è dare alla cattedrale una nuova giovinezza in vista della riapertura prevista per il 2024. Ma non mancano le polemiche
Estero
11 ore

Power Index: gli Usa i più influenti anche in Asia

È la prima volta che gli Stati Uniti rafforzano il loro potere nella regione, superando di 2 punti percentuali la Cina
Estero
11 ore

Myanmar: Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere

Il premio Nobel per la pace è stato condannato per incitamento a disordini pubblici e per la violazione delle misure anti-Covid
Francia
20 ore

La riconquista di Zemmour parte tra proclami e scontri

Tafferugli e sedie lanciate in aria tra attivisti antirazzisti ed alcuni militanti di estrema destra. Il candidato: ‘Obiettivo, immigrazione zero’
Estero
20 ore

Londra impone il tampone anche prima della partenza

La nuova stretta sui viaggia per l’allarme Omicron scatena la protesta di compagnie aeree e tour operator
Estero
23 ore

‘Esecuzioni sommarie’, l’Occidente condanna i talebani

A quasi 4 mesi dalla presa di Kabul, le vendette dei talebani che avevano promesso l’amnistia per i nemici finiscono nel mirino degli Stati Uniti
Estero
12.08.2021 - 21:040

Covid e Green Pass: in Israele dai tre anni, in Spagna no

La variante Delta non dà tregua mentre i Paesi reagiscono con varie restrizioni in attesa del via libera alla terza dose di vaccino

La "pandemia Delta" continua a incrementare i suoi numeri in tutto il mondo e si moltiplicano le emergenze per i picchi di contagi e morti per la nuova ondata del coronavirus. Di fronte a questo scenario, i paesi varano nuovi lockdown, restrizioni e contromisure mentre tentano di trovare un fragile equilibrio tra la tenuta delle economie e la riduzione dei rischi. A volte, scontrandosi con la giustizia. Come nel caso della Spagna, dove l'obbligo del Green Pass è caduto dopo che il tribunale regionale della Galizia ha dichiarato non valido il requisito della certificazione per accedere a bar, ristoranti e locali notturni in certe zone della regione. La Galizia era l'ultimo territorio in cui la misura era ancora vigente, dopo che precedenti sentenze avevano fatto cadere l'obbligo della certificazione in altri territori come l'Andalusia, Cantabria e le Canarie.

Ma la Spagna è un'eccezione tra i paesi che sono sempre più disposti a chiedere il pass per attività sociali potenzialmente rischiose. In una nuova stretta, Israele ha scelto un'ulteriore estensione del green pass che, dal 18 agosto, sarà applicato dai 3 anni di età in su. In parallelo, il governo di Naftali Bennett ha approvato uno stanziamento straordinario per gli ospedali per rafforzarne le strutture mentre nel paese scattano anche nuovi limiti al distanziamento nei centri commerciali: sarà reintrodotto, dal 18 agosto, il "Codice viola" che autorizza la presenza massima di una sola persona ogni sette metri quadrati. È infatti sui sistemi sanitari che i governi concentrano le loro preoccupazioni, mentre la Delta si diffonde nel mondo. La Russia ha riportato 808 morti di Covid-19 nelle ultime 24 ore, il record dall'inizio della pandemia. E la situazione continua a peggiorare anche alle Antille francesi, dove Guadalupa è in pieno picco epidemico con gli ospedali presi d'assalto. La Nuova Zelanda ha annunciato intanto che i suoi confini rimarranno chiusi almeno fino alla fine dell'anno. E dopo le restrizioni a Melbourne e Sydney, anche nella capitale australiana Canberra è scattato un mini-lockdown di una settimana, dopo che è stato registrato il primo caso di Covid dopo più di un anno.

La speranza per contrastare la Delta resta la vaccinazione di massa, mentre aumentano i paesi che stanno valutano o hanno scelto di avviare le campagne per la terza dose. In Israele, dal 30 luglio è stato somministrato il richiamo-booster a 713'000 over-60, mentre arrancano le vaccinazioni sui giovani. Secondo indiscrezioni dei media, anche la Food and Drug Administration (Fda, l'agenzia americana per i farmaci) è pronta a dare il via libera alla terza dose di Pfizer o Moderna alle persone immunodepresse in Usa, con l'ok che dovrebbe arrivare a stretto giro. Intanto, la California imporrà l'obbligo di vaccino o test settimanali a tutti gli insegnanti e al personale scolastico, diventando il primo Stato americano a prendere una decisione del genere. E mentre i contagi giornalieri tornano oltre i 30'000 (33'074), le speranze di ripresa e l'efficacia dei vaccini sono stati messi in relazione anche dal premier britannico Boris Johnson, celebrando i dati sul rimbalzo positivo del Pil del Regno Unito del 4,8% ad aprile-giugno, con le riaperture.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved