in-manette-lady-camorra-la-boss-piu-potente-di-napoli
Keystone
Maria Licciardi nel 2001
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

La Ue: basare le regole per i viaggi sulla persona, non su zone

Il Consiglio Ue ha adottato oggi la raccomandazione che chiede che chi possiede un certificato Covid valido non sia sottoposto a ulteriori restrizioni
Estero
7 ore

L’ Asia centrale colpita da un massiccio blackout

L’interruzione di corrente in seguito a un incidente sulla rete in Kazakistan sta interessando anche Uzbekistan e Kirghizistan
Estero
10 ore

Cameroon-Comore di Coppa d’Africa, 8 morti e feriti per la ressa

La tragedia, riferisce la Bbc online, è avvenuta fuori dallo stadio Paul Biya della capitale Yaounde, sede di un ottavo di finale
italia
20 ore

Schede bianche, fumata nera

Non emerge nessun nome dalla prima votazione per il Quirinale. Draghi incontra Salvini e parla con Letta, la sua candidatura prende forma
ucraina
21 ore

La Nato schiera navi e jet, la guerra è più vicina

Biden fa evacuare una parte dell’ambasciata a Kiev, valuta l’invio di truppe e chiama gli alleati europei
wikileaks
21 ore

Assange potrà fare ricorso contro l’estradizione

Il giornalista avrà un’ultima possibilità. Per ora resta in Gran Bretagna
medio oriente
22 ore

Siria, 850 bambini in trappola nel carcere preso dall’Isis

Unicef e Save The Children lanciano l’allarme, oltre 150 i morti
caso pedofilia
22 ore

Ratzinger si corregge: ‘Partecipai a una riunione’

Il papa emerito ha ritrattato una dichiarazione relativa al dossier sui 4 casi di abusi nella diocesi di Monaco
Burkina Faso
22 ore

Presa di potere con la forza in Burkina Faso

Si chiude con un colpo di Stato una giornata caotica, iniziata con l’arresto del presidente Kaboré
Haiti
23 ore

Terremoto ad Haiti: almeno due le vittime

Il sisma, di magnitudo 5.3, è stato seguito da una decina di scosse minori, fra cui una di assestamento di magnitudo 5.1
08.08.2021 - 17:210
Aggiornamento : 18:37

In manette ‘lady camorra’, la boss più potente di Napoli

Maria Licciardi, figura chiave dell’Alleanza di Secondigliano, fermata sabato all’aeroporto di Ciampino mentre si stava imbarcando su un volo per la Spagna

a cura de laRegione

Napoli – La boss dagli occhi di ghiaccio non si è smentita. Quando i carabinieri del Ros l'hanno fermata allo scalo di Ciampino, dove stava per salire su un volo diretto in Spagna, non ha perso la sua abituale freddezza. Classe 1951, esile, soprannominata "'a piccerella", Maria Licciardi è da decenni ai vertici della camorra napoletana, come capo del clan fondato da suo fratello Gennaro e come componente della cupola che guida l'Alleanza di Secondigliano, il cartello criminale egemone a Napoli.

Lucida, "mente fine" come la definì un pentito, è accusata di associazione camorristica, estorsione, ricettazione e turbativa d'asta, tutti aggravati dalle finalità mafiose. Era diretta dalla figlia, a Malaga, e sentendosi nel mirino degli investigatori avrebbe potuto facilmente trasformare la vacanza in fuga.

Per due volte aveva già evitato la cattura: due anni di latitanza prima dell'arresto nel 2001, poi di nuovo nel 2019 quando si rese irreperibile nel maxiblitz con 126 misure cautelari e sequestri di beni per 130 milioni. Due settimane dopo però il Riesame annullò l'ordinanza di arresto, rendendola di nuovo libera. Fino al decreto di fermo della Procura di Napoli eseguito sabato mattina.

Lunga carriera

Le cronache si occupano di Maria Licciardi sin dagli anni Ottanta. A chiamarla in causa come eminenza grigia del clan sono personaggi storici della camorra, come il pentito Carmine Alfieri. Quest'ultimo riferisce agli investigatori che Gennaro Licciardi - il boss ex capo del clan, morto in carcere per una grave malattia - gli aveva spiegato di avere una sorella che gestiva parte della organizzazione criminale e degli affari di uno dei sodalizi più potenti di Napoli.

Il ruolo apicale di Maria viene confermato in varie inchieste: prima braccio destro del fratello e del cognato Vincenzo, poi sempre più donna sola al comando. Tra le tante vicende che la mettono nel mirino degli investigatori c'è la ritrattazione del boss Costantino Sarno, uomo le cui rivelazioni avrebbero causato uno tsunami sul clan Licciardi. Il pentito pare avesse chiesto un miliardo di lire per porre fine alla sua collaborazione con la giustizia. E Maria Licciardi venne trovata dalla polizia in possesso di 300 milioni in contanti, probabilmente una tranche del pagamento. Poco dopo Sarno fece marcia indietro, e il clan continuò a rafforzare la sua caratura investendo somme da capogiro in tutta Italia e all'estero. Giro vorticoso di affari dietro cui, secondo gli investigatori, negli ultimi anni ci sarebbe stata lei, tornata in libertà nel 2009 dopo otto anni di carcere.

Business is business

Con Maria il clan Licciardi e l'Alleanza di Secondigliano rafforzano la dimensione imprenditoriale investendo nella produzione e nel commercio di ogni tipo di merce, anche all'estero. Business internazionali ma anche gestione minuta della "cassa comune": "'a piccerella" puntualmente provvedeva al sostegno delle famiglie degli affiliati detenuti per evitare pericolose defezioni.

L'attività investigativa ha documentato anche un capillare controllo del territorio ottenuto grazie a sentinelle che consentivano alla boss di allontanarsi in caso di "anomale" presenze delle forze di polizia. Precauzioni vanificate dal momento scelto oggi per ammanettarla, a Ciampino, lontano dal suo territorio. L'arresto di Maria Licciardi da parte dei Carabinieri - commenta il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese - "è un segnale forte dello Stato" al quale si aggiunge l'arresto a Napoli da parte della Polizia di sei persone, tra cui un minorenne, per la sparatoria che lo scorso 16 giugno provocò il ferimento di due persone innocenti nei Quartieri Spagnoli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved