la-grande-barriera-corallina-non-e-ufficialmente-a-rischio
Keystone
La Barriera corallina australiana subisce in pieno le conseguenze del riscaldamento globale
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
21 min

Il lockdown non frena i gas a effetto serra

Nuovo record nel 2020, e le previsioni per quest’anno non promettono nulla di buono. L’Onu suona l’allarme alla vigilia della Cop26 di Glasgow
Confine
2 ore

Abitava a Chiasso l’anziano morto sul bus oltre frontiera

Sprovvisto di documenti, l’uomo sarebbe un italiano 70enne che ha lavorato per molti anni in Ticino come giardiniere. Emerge il dramma della solitudine
Estero
3 ore

La Cina inizia a vaccinare i bambini dai 3 agli 11 anni

Il 76% della popolazione nel Paese ha ormai completato il ciclo di immunizzazione al nuovo coronavirus
Estero
4 ore

Il piccolo Eitan deve tornare in Italia

Lo ha stabilito la giudice del Tribunale della famiglia di Tel Aviv accogliendo il ricorso di Aya Biran, zia paterna del piccolo e affidataria legale
Estero
6 ore

Golpe in Sudan, il premier chiama la gente a scendere in piazza

Forze armate hanno sparato contro i manifestanti contrari al colpo di Stato. Internet interrotta in tutto il Paese, chiuse le vie di accesso a Khartum
Estero
7 ore

Maltempo in Sicilia e Calabria: due dispersi, trovato un corpo

Il corpo del marito della coppia di anziani segnalata come dispersa da ieri sera a Scordia, nel Catanese, era distante dal luogo dell’ultimo avvistamento
Estero
11 ore

Colpo di Stato in Sudan, arrestato il premier

Militari non meglio identificati hanno assediato l’abitazione del primo ministro del Sudan, Abdalla Hamdok, dichiarandolo agli arresti domiciliari
italia
13 ore

I nazifascisti della porta accanto cancellati da Facebook

A Varese continua a fare proseliti la Comunità militante dei Dodici Raggi (Do.Ra.), tra invettive via web, eventi nostalgici e pubblicazioni fuorilegge
Estero
22 ore

Nuovi focolai in Cina, annullata la maratona di Wuhan

La gara avrebbe dovuto celebrare il definitivo ritorno alla normalità, ma i 26 nuovi casi suggeriscono cautela anche in vista dei Giochi invernali
Estero
23.07.2021 - 21:190
Aggiornamento : 21:46

La Grande barriera corallina non è ufficialmente a rischio

Le forti pressioni esercitate dal governo australiano hanno sortito i loro effetti. Stonehenge potrebbe invece finire nella lista del Patrimonio in pericolo.

Roma – La Grande barriera corallina australiana non è ufficialmente a rischio di gravi danni ambientali. O meglio, non ancora. Il Comitato del Patrimonio Mondiale dell'Unesco ha deciso per ora di non inserirla nell'elenco dei siti patrimonio dell'umanità "in pericolo". Tuttavia ha chiesto al governo australiano, entro febbraio 2022, un rapporto sugli sforzi per salvaguardarne l'integrità. E sotto osservazione c'è anche il celebre sito di Stonehenge e la basilica di Santa Sofia.

Una decisione, quella sulla barriera australiana, che fa seguito a una decisione analoga annunciata giovedì per quel che riguarda Venezia e la sua laguna, che a sua volta non verrà iscritta nella lista del Patrimonio in pericolo grazie alla decisione del governo Draghi sul blocco del passaggio delle grandi navi davanti a San Marco e al canale della Giudecca.

Stonehenge e il tunnel

Appena due giorni fa, tuttavia, il Comitato aveva preso invece una decisione opposta per quel che riguarda il porto di Liverpool, che è stato rimosso dalla lista dei siti del Patrimonio Mondiale a causa di un eccessivo sviluppo delle strutture che gli ha fatto perdere la sua autenticità. E non basta, anche Stonehenge potrebbe perdere il suo ambito status dell'Unesco, scrive il ‘Guardian’, riferendo che il Comitato del Patrimonio Mondiale ha comunicato che il celebre sito neolitico sarà inserito nella sua lista "in pericolo", primo passo per la rimozione dello status di patrimonio mondiale, qualora la realizzazione di un tunnel stradale andrà avanti come previsto.

Osservata speciale anche la Basilica di Santa Sofia, poiché il Comitato ha chiesto alla Turchia di presentare entro febbraio 2022 un rapporto sul suo stato di conservazione, esprimendo "profonda preoccupazione" per le conseguenze della trasformazione del famoso edificio di epoca bizantina in una moschea.

Lobbying del governo australiano

Il Comitato del Patrimonio Mondiale, di cui fanno parte 21 Paesi e che attualmente è presieduto dalla Cina, ha deciso di rinviare la decisione sulla Grande Barriera Corallina dopo un'intensa attività di lobbying da parte dell'Australia che si è fermamente opposta alla rimozione dalla Lista. In particolare, l'Australia ha esercitato una serie di pressioni e ha attivato numerose iniziative, tra cui persino l'accompagnamento di ambasciatori in uno snorkeling nelle acque della barriera.

La Grande Barriera Corallina si estende per quasi 345mila chilometri quadrati al largo della costa nord-orientale dell'Australia e ospita oltre 1'600 specie di pesci e 600 specie di coralli. Si tratta di un ecosistema marino vitale, che peraltro contribuisce anche con 6,4 miliardi di dollari l'anno all'economia australiana, secondo la Great Barrier Reef Foundation.

Tuttavia, da alcuni anni, i crescenti effetti del cambiamento climatico hanno avuto su di essa un grave impatto, causando soprattutto un diffuso sbiancamento dei coralli. In un rapporto pubblicato il 21 giugno citato dalla Cnn, una missione di monitoraggio dell'Unesco ha affermato che, nonostante il lavoro del governo australiano per migliorare la situazione, "non vi è alcun dubbio" che la Grande Barriera "stia affrontando un pericolo accertato".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved