nel-corallo-da-record-il-segreto-per-salvare-i-reef
Scoperto al largo dell'Isola di Orfeo (Goolboodi), nel nord-est dell'Australia
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
10 ore

Usa: sfigurata da trattamento, chiede 50 milioni

La top model Linda Evangelista fa causa alla società responsabile del trattamento cosmetico che le ha rovinato il volto, rendendola irriconoscibile
Musica
10 ore

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’
Settimane Musicali
13 ore

Il weekend asconese di Piemontesi & Friends

Sabato 25 e domenica 26 settembre, omaggi a Messiaen e a Chopin e il Viaggio d’inverno di Schubert con Matthias Goerne
Scienze
13 ore

Cina, l’amido sintetizzato dal CO2 è una ‘prima’ assoluta

In passato sono stati condotti diversi studi a livello globale sulla sintesi dell’amido, ma finora i progressi raggiunti erano stati scarsi
Spettacoli
18 ore

Ed Sheeran a Zurigo, prevendita dalle ore 11 del 25 settembre

Il Letzigrund Stadion, 16 settembre 2022, è l’unica tappa svizzera del tour di ‘=’, nuovo album del cantautore britannico
Musica
22 ore

Nirvana, c’era una volta ‘Nevermind’ (e ancora c’è)

Segnò l’affermazione del grunge, spazzò via l’hair rock e spostò Seattle un po’ più al centro del mondo. Era il 24 settembre 1991
Fotografia
23 ore

‘Out of the night’, a Carona scatti di jazz di ieri e di oggi

Alla Galleria la Loggia, dal 25 settembre, la scena jazz tra le immagini d’archivio del fotografo ticinese Maurizio Gonnella e gli scatti di Matteo Ceschi
Spettacoli
23 ore

Leo Pusterla e Terry Blue, ‘Only to be there’ allo Studio 2 Rsi

Per MusicaViva targato Rete Tre, mercoledì 29 settembre il nuovo disco uscito in primavera per Areasonica Records
Scienze
20.08.2021 - 23:330

Nel corallo da record il segreto per salvare i reef

È Muga dhambi, il corallo più imponente della Grande barriera corallina. Largo 10 metri, resiste a ogni minaccia da 400 anni

Un colossale monumento della natura nascosto in fondo al mare. Un tempio della biodiversità che stupisce e affascina. È Muga dhambi, il corallo più imponente della Grande barriera corallina: scoperto al largo dell'Isola di Orfeo (Goolboodi), nel nord-est dell'Australia, è largo più di 10 metri e alto 5. Ha iniziato a prendere forma prima ancora che gli Europei scoprissero il continente e in oltre quattro secoli di vita ha superato ogni genere di minaccia: dai cicloni all'invasione di specie aliene, dalle attività umane fino al riscaldamento globale. Identificato da un gruppo di sommozzatori impegnati in un progetto di ricerca partecipata dai cittadini (‘citizen science’), è uno straordinario esempio di resilienza: descritto sulla rivista Scientific Reports, potrà fornire informazioni preziose per proteggere i reef sempre più minacciati dal cambiamento climatico.

“È straordinario vedere come certe colonie di corallo riescano a crescere per centinaia di anni resistendo a ogni tipo di perturbazione: dovrebbero essere protette e conservate come gli alberi secolari, diventando così l'emblema della lotta per la salvaguardia dell'ecosistema marino”, commenta Simone Montano, biologo dell'Università di Milano-Bicocca che da anni si occupa di coralli presso il centro di ricerca MaRHE alle Maldive. “Dal punto di vista scientifico, sarà molto interessante cercare di capire perché alcuni coralli riescono a raggiungere dimensioni così grandi e altri no: la loro crescita potrebbe essere favorita da fattori genetici ma anche ambientali”.

Il corallo australiano Muga dhambi appartiene al genere Porites e, secondo le rilevazioni fatte dai sub lo scorso marzo, è il più largo e il sesto più alto della Grande barriera corallina. “È semisferico, alto 5,3 metri e largo 10,4, cosa che lo rende più esteso di 2,4 metri rispetto al secondo corallo più largo della Grande barriera corallina”, riferisce il coordinatore dello studio Adam Smith, della James Cook University. “Facendo i calcoli in base al tasso di crescita dei coralli e le temperature annuali della superficie del mare, stimiamo che abbia tra i 421 e i 438 anni e dunque sia antecedente all'arrivo degli europei in Australia”. Smith garantisce che Muga dhambi gode di ottima salute: non presenta segni di sbiancamento o malattie e risulta essere ancora popolato al 70% da coralli vivi, concentrati soprattutto lungo i fianchi della colonia. Sulla sommità della cupola, invece, si stanno facendo largo altri organismi marini, come la spugna Cliona viridis e le alghe verdi. 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved