ULTIME NOTIZIE Estero
video
Italia
1 ora

Frana a Ischia: dispersi ed evacuati

Lo smottamento, provocato dalle intense piogge, ha invaso diverse case e travolto alcune auto in sosta, trascinandole fino al mare
Italia
1 ora

A Milano inaugurata la linea blu della metro che porta a Linate

Sarà un’apertura a tappe: al momento sono disponibili le prime sei stazioni che collegano l’aeroporto a piazzale Dateo
Italia
3 ore

Prendere di petto le elezioni: una pornostar per la Lombardia

Dopo Cicciolina a Roma e Sandy Balestra a Bellinzona si candida a governatrice meneghina Fortunata Ciaco al secolo Priscilla Salerno
Ucraina
5 ore

Mosca e le perdite in vite umane: oltre 86mila soldati uccisi

L’esercito russo ha perso anche caccia, elicotteri, droni senza contare le migliaia di carri armati, artiglieria, navi e missili abbattuti
eutanasia
19 ore

Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera

La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
19 ore

Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’

Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
20 ore

Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone

Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
21 ore

Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’

Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
16.07.2021 - 18:58
Aggiornamento: 21:06

Stretta del Papa alla Messa preconciliare: 'Uso strumentale'

Il Papa si dice 'preoccupato' per l'uso del rito in latino, caro ai tradizionalisti, in funzione di opposizione alle novità introdotte dal Concilio Vaticano II

stretta-del-papa-alla-messa-preconciliare-uso-strumentale
Una messa con rito antico, con i celebranti di fronte all'altare, spalle ai fedeli (Foto: Wikipedia)

Sguardo all'altare, spalle ai fedeli e rito in latino: questo tipo di Messa non sarà più possibile nelle parrocchie. Chi vorrà celebrare con il rito preconciliare dovrà rivolgersi al vescovo che deciderà il giorno e assegnerà un luogo per la funzione e un sacerdote, verificando che però questo non sia lo strumento per porsi contro le novità del Concilio Vaticano II e del magistero dei Pontefici. In ogni caso niente latino per le letture.

Papa Francesco ha deciso con un Motu Proprio una stretta sulla Messa cara ai tradizionalisti e con questo probabilmente amplierà il solco che li divide dal suo pontificato. Ma d'altronde il tentativo di tenere unita quella parte della Chiesa, che strizza l'occhio ai Lefebvriani, al resto dei cattolici sembra sostanzialmente fallito. Lo fa intendere lo stesso Papa Francesco nella lettera ai vescovi che accompagna il suo provvedimento. È "una situazione che mi addolora e mi preoccupa", scrive Bergoglio sottolineando che "l'intento pastorale dei miei Predecessori", Giovanni Paolo II prima e Benedetto XVI poi, proteso al "desiderio dell'unità" è stato "spesso gravemente disatteso".

Un provvedimento che era nell'aria da qualche tempo e che veniva evocato con 'timore' da cardinali come Raymond Burke o Robert Sarah, come anche dall'ex Nunzio in Usa Carlo Marià Viganò.

Papa Francesco, nella lettera ai vescovi con la quale spiega le motivazioni delle nuove norme che disciplineranno le Messe in rito antico, sottolinea "un uso strumentale del Missale Romanum del 1962, sempre di più caratterizzato da un rifiuto crescente non solo della riforma liturgica, ma del Concilio Vaticano II, con l'affermazione infondata e insostenibile che abbia tradito la Tradizione e la 'vera Chiesa'". Il Papa chiede dunque ai vescovi maggiore responsabilità e vigilanza su coloro che chiedono di celebrare la Messa antica. Era "una possibilità offerta da san Giovanni Paolo II e con magnanimità ancora maggiore da Benedetto XVI al fine di ricomporre l'unità del corpo ecclesiale nel rispetto delle varie sensibilità liturgiche" ma "è stata usata - sottolinea Francesco - per aumentare le distanze, indurire le differenze, costruire contrapposizioni che feriscono la Chiesa e ne frenano il cammino, esponendola al rischio di divisioni".

In un passaggio della lettera Papa Bergoglio punta l'indice anche contro gli eccessi opposti e dunque contro chi, tra schitarrate e balletti, sfora in veri e propri "abusi" nelle celebrazioni. "Al pari di Benedetto XVI, anch'io stigmatizzo che in molti luoghi - sottolinea Francesco - non si celebri in modo fedele alle prescrizioni del nuovo Messale, ma esso addirittura venga inteso come un'autorizzazione o perfino come un obbligo alla creatività, la quale porta spesso a deformazioni al limite del sopportabile". Ma in sostanza il Motu Proprio "Traditionis custodes" è principalmente indirizzato a quella parte dei cattolici che guardano indietro e ritengono con il rito antico di preservare "la vera Chiesa".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved