ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
allarme-jet-russi-ferma-summit-in-lituania
L'incontro interrotto (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
germania
8 ore

Axel Springer licenzia il direttore della Bild

La decisione a seguito di “ricerche sul comportamento” di Reichelt, che non avrebbe “separato in modo chiaro la sfera professionale e quella privata”
Estero
9 ore

Ungheria, un outsider per sfidare Orban

Peter Marki-Zay guiderà il fronte unito delle opposizioni al voto 2022: ‘Ringrazio gli elettori, ora sfidiamo il regime’
Estero
12 ore

Ballottaggi in Italia, il Pd conquista anche Roma e Torino

In mano al centrosinistra tutti i capoluoghi di regione. Trieste unica eccezione. Letta: vittoria trionfale
Estero
12 ore

Russia e Nato ai ferri corti, Mosca rompe le relazioni

Mosca ‘sospende’ il lavoro della sua missione permanente alla Nato come rappresaglia per l’espulsione di otto funzionari accusati di spionaggio
Confine
14 ore

A Varese riconfermato il sindaco di centrosinistra

Al ballottaggio passa Davide Galimberti. Sconfitti il candidato del centrodestra e la Lega di Salvini
Estero
14 ore

Morto di Covid Colin Powell, ex segretario di Stato di Bush

L’84enne fu il primo afroamericano a ricoprire il ruolo di capo di Stato maggiore prima di divenire segretario di Stato sotto George W. Bush
Confine
15 ore

Una pista ciclabile di 5 km lungo il Ceresio più selvaggio

Risorge il progetto di cui si parla da 25 anni da Osteno a Santa Margherita di Valsolda dopo il via libera al finanziamento degli enti preposti
Estero
15 ore

Comunali in Italia, il centrosinistra avanti a Roma e Torino

Gli exit poll danno in vantaggio Gualtieri nella capitale e Lo Russo sotto la Mole. Trieste in bilico
Estero
08.07.2021 - 21:160

Allarme jet russi ferma summit in Lituania

Alta tensione nel Paese Baltico confinante con l'exclave russa di Kaliningrad: i rapporti tra Cremlino e Nato sempre più tesi

Non si poteva chiedere promemoria più chiaro su quanto il 'limes' tra Nato e Russia, di questi tempi, sia teso. La conferenza stampa tra il premier spagnolo Pedro Sanchez e il presidente lituano Gitanas Nauseda, in corso presso un hangar della base alleata di Siauliai, è stata infatti interrotta dalla necessità di far decollare in tutta fretta due jet Nato (spagnoli, peraltro) per intercettare due velivoli russi apparsi sui radar. Bandiere smontate, civili allontanati e via. Pochi minuti dopo, però, Sanchez e Nauseda sono ricomparsi.

"La nostra conferenza stampa è stata interrotta da un rischio reale", ha detto Nauseda, come riportano i media lituani. Il presidente ha poi notato come i jet alleati si siano alzati in volo in meno di 15 minuti. Il ministro della Difesa della Lituania, Arvydas Anushauskas, ha precisato che i caccia sono decollati "dopo aver ricevuto un segnale di allarme". Sanchez, dal canto suo, ha osservato che l'episodio ha plasticamente mostrato "cosa stia accadendo" in quella zona d'Europa e quanto sia giustificata "la presenza dei militari spagnoli in Lituania". Sanchez ha anche riaffermato l'impegno spagnolo a proteggere la sicurezza del confine orientale dell'Alleanza Atlantica così come la "volontà della società spagnola e il governo spagnolo di proteggere l'integrità territoriale e la sicurezza di un Paese amico e alleato come la Lituania".

Prova di forza

La risposta di Mosca è arrivata nel primo pomeriggio. Il ministero della Difesa russo, in una nota, ha precisato che due aerei Su-24 hanno eseguito un volo di "addestramento programmato" sulle acque neutrali del Mar Baltico, "senza violare i confini di altri Stati" (circostanza non immediatamente chiara sulle prime). Gli aerei hanno condotto il loro volo "in stretta conformità con le regole internazionali di utilizzo dello spazio aereo", ha sostenuto il ministero. Ma quest'ultimo episodio, dopo le schermaglie nel Mar Nero tra un vascello della Royal Navy e la guardia costiera russa, riafferma quanto sia Mosca sia la Nato vanno dicendo da tempo: c'è tensione, lungo le frontiere.

Al contempo, però, la giornata è stata scandita da un gesto di distensione. L'Unione Europea - ha annunciato Markus Ederer, ambasciatore dell'Ue presso la Federazione Russa - ha proposto di discutere con la Russia la possibilità di un riconoscimento reciproco dei certificati di vaccinazione contro il coronavirus (questione ben diversa dall'autorizzazione all'uso dello Sputnik in Europa al vaglio dell'Ema). Non è un dettaglio da poco, dato che sarebbe il primo passo pratico per una piena riapertura dei viaggi tra Russia e Ue. Un'uscita accolta con favore dal Cremlino, che l'ha bollata come "notevole e molto positiva". Visto il clima, tutto aiuta a mantenere a livelli accettabili le frizioni fra i due blocchi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved