ULTIME NOTIZIE Estero
Brasile
1 ora

Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio

Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
2 ore

Altri due missili verso il Mar del Giappone

Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
Burkina Faso
2 ore

Burkina Faso, Ibrahim Traoré nominato presidente

Dopo il secondo colpo di Stato nel Paese in meno di nove mesi, al capitano sono stati conferiti pieni poteri
caro-energia
11 ore

L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa

Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
tensioni in asia
11 ore

Gli Usa rispondono a Kim, ma il missile si schianta al suolo

Il vettore di Seul fuori controllo ha creato terrore e panico tra gli abitanti di una tranquilla cittadina sulla costa orientale della Corea del Sud
diritti civili
12 ore

Slovenia: il Parlamento approva il matrimonio gay e l’adozione

Si tratta del primo Paese dell’ex area comunista a farlo. Attuata un’indicazione dell’Alta Corte
la guerra in ucraina
13 ore

Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’

Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
Estero
14 ore

Servizi americani: ‘Kiev dietro l’omicidio Dugina, Usa estranei’

Secondo fonti dell’intelligence citate dal Nyt, i servizi di Washington non erano a conoscenza dell’attentato contro la figlia dell’ideologo di Putin
06.07.2021 - 21:41

Ue-Ungheria, sospensione del Recovery Plan come risposta

Bruxelles paventa una misura drastica per convincere il premier magiaro Victor Orban a tornare sui suoi passi sulla legge anti-Lgbtq e altri motivi di scontro

ue-ungheria-sospensione-del-recovery-plan-come-risposta
(Keystone)

Sale sempre di più lo scontro tra l'Ungheria di Victor Orban e Bruxelles. La Commissione europea non solo si appresta ad aprire una procedura d'infrazione per la legge anti-Lgbtq che Budapest non vuole cambiare, ma ora sarebbe anche pronta a bloccare il suo Recovery Plan, tenendo in stand by i sette miliardi che chiede, probabilmente in attesa di un'apertura del governo sui diversi fronti di scontro aperti con la Ue.

Frattanto, la ministra della giustizia ungherese che segue il dossier europeo, ha negato lo stop: "La trattativa è in corso e prosegue il dialogo costruttivo con l'Unione europea", ha scritto Judit Varga in un post sul suo profilo Facebook.

Stando alle fonti europee citate dall'agenzia tedesca DPA, e rilanciate dai media, per la Commissione non sarebbero sufficienti le misure di precauzione previste dal governo per evitare abusi nelle spese dei fondi.

Nei giorni scorsi l'esecutivo europeo aveva lasciato intendere che la task force del Recovery stava analizzando proprio quell'aspetto. Il Recovery "prevede" che vi sia "un sistema di controllo tagliato su misura" in ogni piano nazionale per il Recovery (Pnrr). "La Commissione europea valuta se questo offra garanzie sufficienti" anche sui beneficiari. Se non lo fa, "il piano viene rigettato", aveva detto una portavoce rispondendo proprio a una domanda sull'Ungheria. Bruxelles deve esprimersi sul Pnrr ungherese entro lunedì 12 luglio.

Sette miliardi di aiuti 'congelati'?

Il caso era già stato sollevato dal presidente del gruppo di Renew Europe al Parlamento europeo, Dacian Ciolos, che in un lettera inviata alla presidente della Commissione Ursula von der Leyen chiedeva di "non dare il via libera al piano" per il Recovery "di Orban", congelando i 7 miliardi destinati a Budapest, fino a quando non siano state soddisfatte una serie di condizioni come l'accesso all'elenco dei beneficiari finali del denaro del Pnrr all'ufficio antifrode Ue (Olaf).

Ciolos sottolineava come "la corruzione nell'Ungheria di Viktor Orban è endemica e sistemica", un problema sollevato più volte dalla stessa Commissione europea.

Ma la possibilità di bloccare i fondi di Budapest a causa del rischio corruzione si lega inevitabilmente all'altro scontro in corso con Bruxelles, quello sui diritti Lgbtq. La Commissione europea sta già lavorando a una lettera di messa in mora per la legge che Orban si rifiuta di cambiare, nonostante le critiche ricevute da tutti gli altri leader europei anche durante un confronto molto aperto nell'ultimo vertice europeo.

La Commissione sperava di vedere un passo indietro, o almeno qualche modifica alla legge nata, secondo il governo, per proteggere i minori dalla propaganda gay. Ma dopo la richiesta ufficiale di chiarimenti, Bruxelles ha fatto sapere di non essere soddisfatta, e salvo cambiamenti di rotta da parte del governo di Orban, l'apertura di una procedura di infrazione appare inevitabile. "Non resteremo a lungo senza agire", aveva detto un portavoce qualche giorno fa.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved