ULTIME NOTIZIE Estero
Gallery
Italia
21 min

Ondata di fango a Ischia: alla ricerca disperata dei dispersi

Mancano ancora all’appello undici persone. Oltre 150 gli sfollati sull’isola, mentre è stata confermata la morte di una giovane donna.
Italia
15 ore

Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati

Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
Canada
15 ore

Terrore all’atterraggio: aereo fuori pista, salvi i passeggeri

Un Boeing, proveniente da Vancouver, era appena arrivato all’aeroporto internazionale della regione canadese di Waterloo
Bielorussia
16 ore

Morto il ministro degli Esteri bielorusso: avvelenamento?

Sessantaquattro anni, aveva in programma un incontro con il suo omologo russo Serghei Lavrov: ‘Siamo scioccati’
Italia
16 ore

Selfie con estorsione: ‘Dacci 500 euro o ti picchiamo!’

Arrestati tre centurioni che fanno bella mostra di sé per i turisti nella capitale romana davanti al Colosseo
video
Italia
17 ore

Frana a Ischia: dispersi ed evacuati

Lo smottamento, provocato dalle intense piogge, ha invaso diverse case e travolto alcune auto in sosta, trascinandole fino al mare
Italia
18 ore

A Milano inaugurata la linea blu della metro che porta a Linate

Sarà un’apertura a tappe: al momento sono disponibili le prime sei stazioni che collegano l’aeroporto a piazzale Dateo
Italia
20 ore

Prendere di petto le elezioni: una pornostar per la Lombardia

Dopo Cicciolina a Roma e Sandy Balestra a Bellinzona si candida a governatrice meneghina Fortunata Ciaco al secolo Priscilla Salerno
Ucraina
22 ore

Mosca e le perdite in vite umane: oltre 86mila soldati uccisi

L’esercito russo ha perso anche caccia, elicotteri, droni senza contare le migliaia di carri armati, artiglieria, navi e missili abbattuti
eutanasia
1 gior

Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera

La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
1 gior

Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’

Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
1 gior

Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone

Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
23.06.2021 - 21:50

L'Ue contro Orbán: vergognosa la legge anti-Lgbt

Von der Leyen: ‘Un'ignominia’. Salgono a 17 i Paesi firmatati del documento che accusa il governo ungherese

Ansa, a cura de laRegione
l-ue-contro-orban-vergognosa-la-legge-anti-lgbt
Viktor Orban (Keystone)

Una vergogna". "Una legge sbagliata". "Un'ignominia". L'Europa si indigna con l'Ungheria per la nuova legge che vieta "la promozione dell'omosessualità tra i minori" paragonandola alla pedofilia e minando di fatto i diritti della comunità Lgbt nel Paese.

Da Ursula von der Leyen ad Angela Merkel e all'Eliseo di Emmanuel Macron, i leader europei alzano la voce contro il governo di Viktor Orban all'indomani della decisione della Commissione Ue di valutare la nuova norma sotto il profilo delle garanzie europee sullo stato di diritto e le libertà individuali. E nel giorno della partita Germania-Ungheria che lo stadio di Monaco voleva accogliere illuminandosi dei colori dell'arcobaleno, iniziativa bocciata, e quindi vietata, dalla Uefa.

Budapest risponde

"Vergognose sono le dichiarazioni di von der Leyen", ha ribattuto il governo di Budapest usando le stesse parole della presidente della Commissione Ue e stigmatizzandone "l'opinione politica di parte". In questo clima, il premier ungherese ha deciso di non assistere di persona al match degli Europei all'Allianz Arena che, seppur oscurata dal governo del calcio europeo, è circondata da una città tinta di tutti i colori, con il sostegno dei media tedeschi e dei colossi dell'economia bavarese, dalla Bmw alla Siemens, listate con l'arcobaleno nei loro account Twitter in segno di solidarietà agli omosessuali ungheresi. E in campo, il capitano della nazionale tedesca Manuel Neuer con la fascia arcobaleno al braccio.

Non è stata infatti solo la nuova legge anti-Lgbt di Budapest a far sollevare le altre capitali europee, ma anche il veto dell'Uefa sulle luci arcobaleno dello stadio tedesco, difeso ovviamente solo da Orban: "Che lo stadio di Monaco o di un'altra città europea sia illuminato con i colori dell'arcobaleno non è una decisione che spetta allo Stato", ha dichiarato il premier, invitando il governo tedesco ad accettarlo. "Dall'Uefa un brutto segnale", lo aveva definito il ministro degli Esteri Heiko Maas, mentre Parigi si è "profondamente rammaricata" per una decisione "incomprensibile" visto che l'organismo europeo è "apolitico ma con dei valori". "Irragionevole" anche per Bruxelles, con il vicepresidente della Commissione Margaritis Schinas che ha ricordato: "Quando sono stati annunciati gli Europei, l'arcobaleno era stato mostrato dalla Uefa come simbolo di inclusione".


Ursula von der Leyen (Keystone)

La stessa Federcalcio europea ha cercato di mettere una toppa per bloccare le polemiche e annunciato di aver scelto per i suoi social il logo arcobaleno: "Un segno non politico, ma del nostro fermo impegno per una società più diversa e inclusiva", ha spiegato. Ad essere "politica", ha aggiunto, era invece la richiesta di illuminare l'Allianz Arena dei colori Lgbt contemporaneamente "alla presenza della squadra dell'Ungheria nello stadio per il match con la Germania".

Arcobaleno a Bruxelles

I colori arcobaleno sventolano, invece, all'ingresso della sede di Bruxelles del Parlamento europeo per decisione di David Sassoli, che ha accolto la richiesta della deputata verde tedesca Terry Reintke. Il presidente dell'europarlamento ha inoltre chiesto alla Commissione di adempiere agli obblighi previsti dai trattati dell'Ue per garantire il rispetto dello stato di diritto in tutti gli Stati membri. "Siamo convinti che vi siano alcune flagranti violazioni da parte di alcuni Stati che devono essere sanzionate. Naturalmente - ha avvertito Sassoli - in assenza di reazioni da parte della Commissione, agiremo contro di essa alla Corte di Giustizia".

Intanto sarà il Consiglio europeo a discuterne in modo informale. Con 17 Paesi "fortemente preoccupati", tra cui l'Italia, che hanno firmato la richiesta alla Commissione di intervenire a difesa dei valori europei, la legge di Orban sarà nel menù del summit dei 27: il premier olandese Mark Rutte solleverà la questione e a lui si uniranno vari altri capi di Stato e di governo, tra cui il belga De Croo, per spiegare al leader magiaro che ha superato "le linee rosse" dei valori europei. Anche se a Bruxelles c'è la segreta speranza che Budapest ritiri la legge prima del vertice.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved