russia-navalny-e-i-suoi-messi-al-bando-come-estremisti
In piazza con il ritratto di Navalny (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Spagna, la curva dei contagi inizia a stabilizzarsi

Per la prima volta da più di un mese i dati mostrano un leggero calo dell'incidenza cumulativa dei nuovi positivi
Estero
3 ore

Conte prepara la scalata a M5S

L'ex presidente del Consiglio rilancia la Carta dei valori e cerca di rinsaldare la sua leadership. Ma resta il rebus del quorum in Rete
Estero
3 ore

Cento dollari a chi si vaccina, l'ultima idea di New York

L'annuncio del sindaco Bill de Blasio di fronte allo stallo della campagna di somministrazione e al dilagare della variante Delta
Estero
4 ore

Perù, il comunista Castillo giura come presidente

L'ex contadino e maestro: "Il mio governo per il popolo con il popolo. Nelle mie vene scorre il dolore dei nostri antenati”
Estero
4 ore

New York paga 100 dollari chi si vaccina

Mossa estrema del sindaco De Blasio per rilanciare una campagna vaccinale stagnante
germania
4 ore

Esplosione a Leverkusen: si teme una nube di diossina

Attesa per le analisi. Per i cinque dispersi non ci sono quasi più speranze
Estero
4 ore

Biden torna ad attaccare Putin: ‘Così rischiamo la guerra’

La Casa Bianca: 'Basta hacker e interferenze sul voto'. Ma la risposta del Cremlino è secca: 'Sbaglia tutto'
Estero
4 ore

Una città cinese offre sussidi a chi fa più figli

A Panzhihua, nel sud-ovest, circa 77 dollari a mese a partire dal secondogenito nel Paese in cui per anni era rimasta in vigore una legge sul figlio unico
Estero
4 ore

Le purghe di Saied preoccupano la Tunisia

Il presidente caccia altri 20 funzionari. Il partito islamico moderato Ennahda è sotto inchiesta
Estero
5 ore

Londra revoca la quarantena per i vaccinati da Europa e Usa

Il turismo brinda, ma parte l'allarme dalla Germania: 'Inizia la quarta ondata'
Estero
5 ore

"Provoca problemi", 18 anni al magnate cinese dissidente

Sun Dawu processato in gran segreto e condannato al carcere con accuse generiche
Estero
10.06.2021 - 22:390

Russia: Navalny e i suoi messi al bando come estremisti

Europa e Stati Uniti contro il Cremlino a pochi giorni dall'incontro a Ginevra tra Biden e Putin

Il caso Navalny (ri)esplode proprio durante il viaggio europeo di Joe Biden e a pochi giorni dell'atteso incontro con Vladimir Putin. Il tribunale della città di Mosca ha infatti etichettato le organizzazioni di Navalny come "estremiste", facendo così scattare l'affilata tagliola appena varata dal Parlamento - il pacchetto di misure draconiane che liquidano dalla scena politica tutto l'organigramma costruito da Navalny negli ultimi 15 anni. L'Occidente, chiamato a raccolta dal presidente Usa al G7 di Cornovaglia, ha subito espresso in varie forme il suo sconcerto. E lui, la nemesi di Putin, ha risposto con l'ennesima indagine occhio per occhio che proverebbe definitivamente lo zampino del Cremlino nell'avvelenamento al Novichok.

Il processo

Ma andiamo con ordine. Intanto il processo. Dopo mesi di dibattimento a porte chiuse (per la presenza di materiale classificato tra gli atti) la corte ha stabilito che sì, le organizzazioni di Navalny - sia il Fondo Anti-Corruzione che la Fondazione per la Protezione dei Diritti dei Cittadini, già considerate agenti stranieri - sono da considerarsi "estremiste" poiché, "con il pretesto di slogan liberali, sono impegnate a creare le condizioni per la destabilizzazione sociale e sociopolitica" della Russia. Eversive, dunque. Ecco allora dispiegarsi l'intera forza del pacchetto anti-Navalny, opportunamente entrato in vigore la settimana scorsa. Chiunque abbia "sostenuto" queste sigle negli scorsi 12 mesi a partire dal 9 giugno (il termine è vaghissimo, include l'aver preso parte a una manifestazione non autorizzata e persino aver condiviso un post) sarà escluso dalla partecipazione alle elezioni di ogni ordine e grado per tre anni. Nel caso di donazioni, anche micro, si rischiano 10 mila dollari di multa e fino a otto anni di prigione. Stessa cosa per i dipendenti delle organizzazioni. Per i dirigenti, invece, l'esclusione alle elezioni è maggiorata a cinque anni.

Colpo da ko

Divieto assoluto poi di ricreare la stessa organizzazione, per finalità, con altro nome o status. Il colpo è mortale, mira alla giugulare. Anche perché la sentenza mette in dubbio persino l'agibilità dello Smart Voting messo in campo da Navalny, ovvero la piattaforma che per ogni seggio calcola quale candidato di qualsiasi schieramento, compresi gli indipendenti, abbia più probabilità di battere il rappresentante di Russia Unita, il partito di Putin. Un giochino che ha avvantaggiato molto di recente i Comunisti. Bene. Chi riceve l'endorsement potrebbe essere ora incluso, per estensione, nella lista nera degli estremisti? È possibile.

Sui social, appena è uscita la sentenza, Navalny ha promesso di voler "continuare la battaglia, in ogni modo". Ma è retorica. Usa, Ue e Regno Unito hanno definito la mossa, a turno, come "inquietante", "repressiva" e "kafkiana". Però la fatwa c'è, è agli atti. Messaggio inequivocabile che Putin, con Biden, è disposto a negoziare di molto ma non di tutto, di certo non ciò che Mosca considera quinta colonna dell'Occidente in patria. Con buona pace per le libertà di base. In questo quadro, già di per sé teso, s'innesta l'ultima zampata di Navalny.

I suoi legali, con uno stratagemma, sono riusciti a fotografare la sua cartella clinica lo scorso novembre, a Omsk, per poi ottenerla, in via ufficiale, un mese dopo. I due faldoni sono simili ma diversi. In particolare manca un'analisi chiave, fatta il 25 agosto 2020, sul livello della colinesterasi (bassissimo). "Le varie diagnosi sul metabolismo, la pancreatite e altri disturbi naturali alla sua salute sono assurde", si legge nell'inchiesta. Quell'analisi sarebbe l'impronta digitale dell'avvelenamento da organofosfati, il gruppo a cui appartengono i composti al nervino come il Novichok. Insomma, era già tutto lì. Il resto è teatro. Meglio, 'desinformazia'. Perché poi lo staff di Navalny abbia aspettato a pubblicare la pistola fumante sino ad oggi, rientra nella strategia di guerriglia mediatica di cui sopra. L'ultima rimasta.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved