ULTIME NOTIZIE Estero
Corea del Nord
2 ore

Lanciato missile balistico nel Mar del Giappone

La guardia costiera nipponica non ha segnalato incidenti che hanno riguardato navi o imbarcazioni.
italia
2 ore

Mafia: 34 anni fa l’uccisione di Mauro Rostagno

Il giornalista si era a lungo impegnato a denunciare le infiltrazioni mafiose nel tessuto politico del Trapanese
Italia
2 ore

Urne aperte, italiani pronti al voto

Quasi 51 milioni di cittadini devono scegliere i 600 membri di Camera e Senato. Si voterà in una sola giornata: i seggi chiuderanno questa sera alle 23
Estero
4 ore

Malgrado i correttivi, Nutriscore è fuorviante

Sono le conclusioni a cui giunge l’ong a tutela dei consumatori Safe, secondo cui questa classificazione degli alimenti ‘produce nuove distorsioni’
Venezuela
5 ore

Da patrona del Venezuela orientale a protettrice dei coralli

Il rispetto per la Vergine del Valle prevale su tutto: niente più reti a strascico nella zona, che diventa sede di un museo sommerso
Italia
5 ore

Italia seconda al mondo per consumo di acqua in bottiglia

Solo in Messico se ne beve di più (244 litri). Ma con i suoi 208 litri a testa, la Penisola si prende il primato continentale
italia
17 ore

Quando il parchimetro... porta fortuna

È successo nel Cuneese dove una signora ha acquistato un Gratta e vinci per cambiare i soldi per il parcheggio e vince 500mila euro
Canada
19 ore

L’uragano Fiona lascia 500mila case senza corrente

Lo riferisce l’azienda elettrica locale, Nova Scotia Power, secondo quanto riportato da Cbc
Stati Uniti
22 ore

Problemi ai finestrini: le auto di Tesla tornano in garage

Richiamate 1,1 milioni di vetture per un aggiornamento del software che permetterà di ovviare a un malfunzionamento
Turchia
1 gior

‘Il referendum russo? Non lo riconosciamo’

Lo ha affermato il portavoce della presidenza turca Ibrahim Kal. La stessa cosa accadde anche per il referendum in Crimea nel 2014
Estero
1 gior

L’ultimo addio ad Abe

I funerali dell’ex premier giapponese, ucciso in un attentato, si terranno il prossimo 27 settembre
10.06.2021 - 22:39

Russia: Navalny e i suoi messi al bando come estremisti

Europa e Stati Uniti contro il Cremlino a pochi giorni dall'incontro a Ginevra tra Biden e Putin

Ansa, a cura de laRegione
russia-navalny-e-i-suoi-messi-al-bando-come-estremisti
In piazza con il ritratto di Navalny (Keystone)

Il caso Navalny (ri)esplode proprio durante il viaggio europeo di Joe Biden e a pochi giorni dell'atteso incontro con Vladimir Putin. Il tribunale della città di Mosca ha infatti etichettato le organizzazioni di Navalny come "estremiste", facendo così scattare l'affilata tagliola appena varata dal Parlamento - il pacchetto di misure draconiane che liquidano dalla scena politica tutto l'organigramma costruito da Navalny negli ultimi 15 anni. L'Occidente, chiamato a raccolta dal presidente Usa al G7 di Cornovaglia, ha subito espresso in varie forme il suo sconcerto. E lui, la nemesi di Putin, ha risposto con l'ennesima indagine occhio per occhio che proverebbe definitivamente lo zampino del Cremlino nell'avvelenamento al Novichok.

Il processo

Ma andiamo con ordine. Intanto il processo. Dopo mesi di dibattimento a porte chiuse (per la presenza di materiale classificato tra gli atti) la corte ha stabilito che sì, le organizzazioni di Navalny - sia il Fondo Anti-Corruzione che la Fondazione per la Protezione dei Diritti dei Cittadini, già considerate agenti stranieri - sono da considerarsi "estremiste" poiché, "con il pretesto di slogan liberali, sono impegnate a creare le condizioni per la destabilizzazione sociale e sociopolitica" della Russia. Eversive, dunque. Ecco allora dispiegarsi l'intera forza del pacchetto anti-Navalny, opportunamente entrato in vigore la settimana scorsa. Chiunque abbia "sostenuto" queste sigle negli scorsi 12 mesi a partire dal 9 giugno (il termine è vaghissimo, include l'aver preso parte a una manifestazione non autorizzata e persino aver condiviso un post) sarà escluso dalla partecipazione alle elezioni di ogni ordine e grado per tre anni. Nel caso di donazioni, anche micro, si rischiano 10 mila dollari di multa e fino a otto anni di prigione. Stessa cosa per i dipendenti delle organizzazioni. Per i dirigenti, invece, l'esclusione alle elezioni è maggiorata a cinque anni.

Colpo da ko

Divieto assoluto poi di ricreare la stessa organizzazione, per finalità, con altro nome o status. Il colpo è mortale, mira alla giugulare. Anche perché la sentenza mette in dubbio persino l'agibilità dello Smart Voting messo in campo da Navalny, ovvero la piattaforma che per ogni seggio calcola quale candidato di qualsiasi schieramento, compresi gli indipendenti, abbia più probabilità di battere il rappresentante di Russia Unita, il partito di Putin. Un giochino che ha avvantaggiato molto di recente i Comunisti. Bene. Chi riceve l'endorsement potrebbe essere ora incluso, per estensione, nella lista nera degli estremisti? È possibile.

Sui social, appena è uscita la sentenza, Navalny ha promesso di voler "continuare la battaglia, in ogni modo". Ma è retorica. Usa, Ue e Regno Unito hanno definito la mossa, a turno, come "inquietante", "repressiva" e "kafkiana". Però la fatwa c'è, è agli atti. Messaggio inequivocabile che Putin, con Biden, è disposto a negoziare di molto ma non di tutto, di certo non ciò che Mosca considera quinta colonna dell'Occidente in patria. Con buona pace per le libertà di base. In questo quadro, già di per sé teso, s'innesta l'ultima zampata di Navalny.

I suoi legali, con uno stratagemma, sono riusciti a fotografare la sua cartella clinica lo scorso novembre, a Omsk, per poi ottenerla, in via ufficiale, un mese dopo. I due faldoni sono simili ma diversi. In particolare manca un'analisi chiave, fatta il 25 agosto 2020, sul livello della colinesterasi (bassissimo). "Le varie diagnosi sul metabolismo, la pancreatite e altri disturbi naturali alla sua salute sono assurde", si legge nell'inchiesta. Quell'analisi sarebbe l'impronta digitale dell'avvelenamento da organofosfati, il gruppo a cui appartengono i composti al nervino come il Novichok. Insomma, era già tutto lì. Il resto è teatro. Meglio, 'desinformazia'. Perché poi lo staff di Navalny abbia aspettato a pubblicare la pistola fumante sino ad oggi, rientra nella strategia di guerriglia mediatica di cui sopra. L'ultima rimasta.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved