sgarbo-russo-agli-usa-prima-del-summit-di-ginevra
Biden e Putin durante l'era Obama (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
43 min

Oltre 256’000 euro non dichiarati intercettati in dogana

È il totale delle tredici operazioni di controllo contro il traffico transfrontaliero di valuta svolte al valico di Ponte Chiasso nelle ultime settimane
germania
10 ore

Axel Springer licenzia il direttore della Bild

La decisione a seguito di “ricerche sul comportamento” di Reichelt, che non avrebbe “separato in modo chiaro la sfera professionale e quella privata”
Estero
10 ore

Ungheria, un outsider per sfidare Orban

Peter Marki-Zay guiderà il fronte unito delle opposizioni al voto 2022: ‘Ringrazio gli elettori, ora sfidiamo il regime’
Estero
13 ore

Ballottaggi in Italia, il Pd conquista anche Roma e Torino

In mano al centrosinistra tutti i capoluoghi di regione. Trieste unica eccezione. Letta: vittoria trionfale
Estero
14 ore

Russia e Nato ai ferri corti, Mosca rompe le relazioni

Mosca ‘sospende’ il lavoro della sua missione permanente alla Nato come rappresaglia per l’espulsione di otto funzionari accusati di spionaggio
Confine
15 ore

A Varese riconfermato il sindaco di centrosinistra

Al ballottaggio passa Davide Galimberti. Sconfitti il candidato del centrodestra e la Lega di Salvini
Estero
15 ore

Morto di Covid Colin Powell, ex segretario di Stato di Bush

L’84enne fu il primo afroamericano a ricoprire il ruolo di capo di Stato maggiore prima di divenire segretario di Stato sotto George W. Bush
Confine
16 ore

Una pista ciclabile di 5 km lungo il Ceresio più selvaggio

Risorge il progetto di cui si parla da 25 anni da Osteno a Santa Margherita di Valsolda dopo il via libera al finanziamento degli enti preposti
Estero
16 ore

Comunali in Italia, il centrosinistra avanti a Roma e Torino

Gli exit poll danno in vantaggio Gualtieri nella capitale e Lo Russo sotto la Mole. Trieste in bilico
Estero
28.05.2021 - 22:050

Sgarbo russo agli Usa prima del summit di Ginevra

Colpito dagli hacker il sito di UsAid. Ore di tensione, poi in serata la conferma: l'incontro del 16 giugno con Putin ci sarà

Alta tensione tra Usa e Russia alla vigilia del summit tra i due Paesi, previsto il 16 giugno a Ginevra. A meno di tre settimane dal primo, attesissimo faccia a faccia tra Joe Biden e Vladimir Putin si materializzano altre frizioni: un nuovo cyber attacco con lo zampino dei servizi segreti di Mosca e l'uscita definitiva di Washington da Open Skies, un trattato quasi trentennale che consentiva la reciproca sorveglianza aerea. Senza dimenticare l'accoglienza riservata oggi dallo zar al presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko, l'ultimo dittatore d'Europa, dopo la condanna della comunità internazionale per il dirottamento di un volo Ryanair allo scopo di arrestare un giornalista di opposizione.

A surriscaldare l'atmosfera pre-vertice è in particolare l'ultimo hackeraggio, messo a segno con la vecchia tecnica del phishing: i pirati informatici sono riusciti a usare un account dell'USAid, l'agenzia federale americana per gli aiuti internazionali, inviando false email con un virus contenenti le "nuove rivelazioni" di Donald Trump sui presunti brogli elettorali. Nel mirino circa 3000 email di oltre 150 organizzazioni di almeno 24 Paesi, un quarto delle quali impegnate nello sviluppo internazionale, negli aiuti umanitari e nei diritti umani. Molte di queste hanno criticato Putin, denunciando le azioni russe contro i dissidenti o protestando contro l'avvelenamento e l'incarcerazione dell'oppositore Alexiei Navalny. Sarebbe questo il vero obiettivo dell'offensiva, iniziata a gennaio e tuttora in corso.

La rivelazione di Microsoft

A rivelarla pubblicamente è stata Microsoft, secondo cui dietro ci sarebbero hacker del gruppo Nobelium, lo stesso del cyber attacco SolarWind, ritenuto da Microsoft "il più grande e il più sofisticato mai visto al mondo", di cui sono rimaste vittime numerose agenzie governative e aziende americane. Un gruppo ritenuto legato al Svr, la Cia russa, già coinvolto negli hackeraggi del partito democratico nel 2016. Biden ha assunto una postura durissima contro Putin, definendolo "un killer" e imponendo una raffica di sanzioni per varie azioni russe, dalle interferenze elettorali alla detenzione di Navalny sino a Solarwind. Ma ha scelto misure "proporzionate", spiegando di non voler "avviare un ciclo di escalation e di conflitto con la Russia", con la quale cerca un "rapporto stabile e prevedibile".

Ora però si trova di fronte a questa nuova provocazione, pochi giorni dopo il cyber attacco - con riscatto da 5 milioni di dollari - a Colonial Pipeline, il più grande oleodotto americano bloccato per una settimana da hacker russi, anche se apparentemente non legati al Cremlino. Sembra evidente che la risposta di Biden è stata insufficiente. Come pure che Putin vuole arrivare al vertice da una posizione di forza, dimostrando che nessun tipo di sanzione fermerà la Russia. Difficile ora per il presidente Usa mostrare i muscoli, rischiando di compromettere il summit. Ma il commander in chief ha lanciato comunque un messaggio al Cremlino: ha confermato l'uscita dal trattato Open Skies accusando Mosca di continuare a violarlo, anche se aveva duramente criticato Trump per questa scelta. Una mossa quasi simbolica, dato che ora bastano i satelliti per monitorare i movimenti di truppe e armi. Ma anche i simboli contano nelle schermaglie che precedono i summit.

L'incontro di Ginevra del 16 giugno tra Usa e Russia, in ogni caso si farà. La conferma è arrivata in serata.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved