tre-contagi-nel-laboratorio-di-wuhan-nel-novembre-2019
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell

Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
5 ore

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
6 ore

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
9 ore

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
LIVE

Kiev ordina ai combattenti di Azovstal di cessare il fuoco

Il giallo di Palamar: ‘Non mi sono arreso. Sono ad Azovstal’; ergastolo per il soldato Vadim. Segui il live de laRegione
Confine
10 ore

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla Prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli
Estero
11 ore

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
11 ore

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
Confine
11 ore

Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km

Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
Estero
13 ore

Kirill, più oligarca che patriarca

Il reazionario omofobo, al quale si attribuiscono enormi ricchezze, benedice l’invasione dell’Ucraina. Ma è sempre più isolato, e rischia sanzioni
24.05.2021 - 21:11

Tre contagi nel laboratorio di Wuhan nel novembre 2019

Nel laboratorio cinese di virologia si ammalarono tre ricercatori che dovettero farsi ricoverare. Sono le nuove rivelazioni di un rapporto di intelligence Usa

Tre ricercatori del laboratorio cinese di virologia a Wuhan si ammalarono nel novembre del 2019 a tal punto da farsi ricoverare in ospedale: le nuove rivelazioni di un rapporto d'intelligence Usa finora top secret rilanciano i sospetti che il virus del Covid-19 possa essere frutto di un incidente di laboratorio e rafforzano le crescenti richieste di una più ampia indagine indipendente sulle sue origini.

Lo scoop è del Wall Street Journal e arriva in coincidenza con l'Assemblea mondiale della sanità a Ginevra, l'organo legislativo dell'Oms che dovrebbe discutere di una nuova inchiesta sul coronavirus nonché di un trattato per garantire più cooperazione e trasparenza a livello internazionale anche in vista di nuove pandemie. E a favore di un'indagine si schiera anche il noto immunologo Anthony Fauci che non nasconde dubbi sull'origine del virus. Alla domanda se sia stato originato naturalmente, ha risposto: "non ne sono convinto, penso che dovremmo indagare su ciò che è successo in Cina".

Secondo il Wall Street Journal, i dettagli degli 007 vanno oltre il documento diffuso dal Dipartimento di Stato nei giorni finali dell'amministrazione Trump, che parlava di diversi ricercatori dello stesso laboratorio ammalatisi nell'autunno 2019 "con sintomi compatibili sia con il Covid-19 che con le comuni malattie stagionali", come l'influenza. Ora c'è un numero preciso di ricercatori, un periodo più circostanziato e la notizia dei ricoveri, nel mese antecedente al primo caso confermato di Covid, l'8 dicembre 2019. Anche se manca la diagnosi e non è inusuale per i cinesi andare in ospedale quando non si sentono bene, o per scarso accesso ai medici generici o perché possono avere cure migliori. Le fonti del Wsj divergono però sulla solidità delle informazioni. Secondo una persona, sono state fornite da un partner internazionale e sono potenzialmente significative ma richiedono ulteriori accertamenti. Secondo un'altra, provengono da vari interlocutori e sono molto precise.

La reazione di Pechino

Pechino ha reagito indignata sollecitando Washington a farla finita con le teorie del complotto: "Gli Usa continuano a promuovere la teoria della fuga dal laboratorio" ma il rapporto "non è veritiero". "Sono davvero interessati a individuare l'origine del virus o a distogliere l'attenzione?", ha chiesto il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian, rilanciando gli interrogativi sulla base militare di Fort Detrick in Maryland e "sugli oltre 200 biolab gestiti dagli Stati Uniti".

Il team dell'Oms che ha indagato a Wuhan ha concluso in un rapporto comune con gli esperti cinesi che il virus si è propagato molto probabilmente da un pipistrello all'uomo attraverso un altro animale e che una fuga da laboratorio è "estremamente improbabile". Tuttavia nello stesso giorno il capo dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus ha ammesso che il team non ha indagato adeguatamente l'ipotesi dell'incidente in laboratorio e ha sollecitato un'inchiesta più completa, anche perché l'istituto di Wuhan non ha condiviso i dati grezzi, i registri di sicurezza e altri documenti sulle sue ricerche sui coronavirus nei pipistrelli, che molti considerano la probabile causa del virus. Negato finora anche l'accesso alla banca del sangue di Wuhan per testare campioni prima del dicembre 2019.

Così quella che è stata a lungo considerata dagli scettici una teoria cospirativa, sta attraendo sempre più interesse da parte di scienziati che denunciano la carenza di trasparenza da parte della Cina o di prove definitive per un'ipotesi alternativa. Mentre Usa, Ue ed altri Paesi sostengono la necessità di una inchiesta internazionale indipendente.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus laboratorio ricercatori wuhan
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved