accuse-di-plagio-lascia-una-ministra-tedesca
L'ex ministro Franziska Giffey (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
oms
7 ore

‘Il vaiolo delle scimmie si può contenere’

‘Ci sono gli strumenti per identificare i casi precocemente’. Intanto aumentano i contagi in Italia, Spagna e Regno Unito.
olocausto
8 ore

Eichmann e la Soluzione finale, spuntano gli audio

In un documentario le registrazioni inedite del colonnello Ss durante un’intervista con un giornalista olandese: ‘Volevo tutti gli ebrei morti’
primarie Usa
8 ore

In Georgia Pence sfida Trump

L’ex vicepresidente si schiera con il governatore avversato dal tycoon
Confine
11 ore

Attacco informatico ai servizi sanitari di Como e Varese

Pubblicati i dati sensibili di ottocento disabili delle due province. I ‘pirati’ del web hanno chiesto un riscatto
Confine
17 ore

Un anno fa la strage del Mottarone: ‘Abbandonati da tutti’

Lo sottolinea la madre di Elisabetta Personini e nonna del piccolo Mattia, 2 delle quattordici vittime del disastro della funivia a Stresa
Estero
19 ore

Biden: 13 Paesi in piano Indo-Pacifico. Aiuto a Taiwan se invasa

Il presidente Usa ha inoltre affermato che si sta considerando l’abolizione di alcuni dazi commerciali sulla Cina
Speciale Ucraina
20 ore

‘Mi vergogno’. E il russo Bondarev lascia l’Onu

A Ginevra se ne va il consigliere alle Nazioni unite, mentre Kiev decreta il carcere a vita per Vadim Shishimarin. Segui il live de laRegione
la strage di capaci: 1992-2022
23 ore

‘La mafia li uccideva, poi rubava le loro parole’

A trent’anni dalla morte di Falcone restano l’orgoglio e le ferite di chi ha lottato per la verità
Estero
1 gior

Italia: ladri passano dalle fogne e rubano mezzo milione

Il colpo in una gioielleria a due passi da Ponte Vecchio a Firenze
19.05.2021 - 20:43
Aggiornamento : 22:21

Accuse di plagio, lascia una ministra tedesca

Un nuovo caso in Germania, la titolare del dicastero della Famiglia avrebbe copiato la tesi del suo dottorato di ricerca

Ansa, a cura de laRegione

La ministra tedesca Franziska Giffey lascia il suo incarico al dicastero della Famiglia, dopo essere stata accusata di aver copiato la tesi del dottorato di ricerca nel 2010. Gioca dunque d'anticipo l'esponente dei socialdemocratici e ancora prima di ricevere l'esito del secondo procedimento di verifica da parte della Freie Universitaet di Berlino che le ha conferito il titolo, lascia il posto alla guida del ministero della Famiglia, anziani, donne e giovani conservando invece la candidatura a sindaco di Berlino, il posto che le sta più a cuore.

"Negli ultimi giorni si sono rinnovate le discussioni sulla mia dissertazione del 2010" ha detto Giffey su Facebook aggiungendo che "i membri del governo, il partito e l'opinione pubblica chiedono chiarezza. Quindi ho deciso di rimettere il mio mandato come ministra". La politica 43enne ha sottolineato di non aver più utilizzato il titolo da tempo - l'Università le ha già ritirato il dottorato - e di essere pronta ad accettare la decisione che prenderà l'ateneo. Nel merito però Giffey torna a ribadire "di avere scritto la mia tesi al meglio delle mie conoscenze e convinzioni", e che la scelta delle dimissioni rientra nel trarre "le conseguenze di un procedimento in corso che sta provocando danni". Non intende invece arretrare rispetto alla candidatura a sindaco di Berlino per i socialdemocratici. "L'Spd berlinese e i berlinesi possono contare su di me perché io ci sono" ha detto la ex ministra che ha assunto l'incarico nel 2018, dopo essere stata presidente del municipio multietnico berlinese di Neukoelln.

Le reazioni

"Sono molto dispiaciuto della sua decisione" ha commentato il vicecancelliere Olaf Scholz al Bundestag "ma dimostra anche che Franziska Giffey non è solo una politica di successo che ha fatto molto per i bambini e per le famiglie in questo Paese ma è anche una politica di cuore e con la spina dorsale" ha aggiunto il candidato alla cancelleria per l'Spd. Di un tenore simile sono anche le parole con cui la cancelliera Angela Merkel ha commentato la notizia delle dimissioni di Giffey dicendo di prendere "con molto rispetto ma anche con molto dispiacere" la decisione della sua ex ministra. "Ho sempre lavorato molto bene e con fiducia" con lei, ha aggiunto la Cancelliera. Giffey ha deciso di non attendere la fine della seconda tranche di verifiche (nel 2019 una prima indagine si era conclusa con un rimprovero), richieste da Cdu e Afd, e attese per fine giugno.

Tra i commentatori c'è però anche chi sostiene che il passo indietro rispetto al ruolo di ministra sia stato finalizzato a sgombrare il campo per rafforzare la candidatura al voto di Berlino, che si terrà lo stesso giorno delle elezioni federali il 26 settembre. Ma l'opposizione non le renderà la vita facile: "Non è solo inadatta come ministra, ma anche come sindaco di Berlino" ha detto Kristin Brinker dell'Afd locale, aggiungendo che "la capitale tedesca è troppo importante per servire da rifugio per politici falliti". In passato è già accaduto che ministri accusati di aver copiato la tesi di dottorato siano stati invitati a lasciare gli incarichi nel governo Merkel. E' stato il caso della ministra dell'Istruzione, Annette Schavan (Cdu) nel 2013, e del ministro della Difesa, Karl Theodor zu Guttenberg, della Csu bavarese, nel 2011.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
berlino franziska giffey germania ministra plagio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved