Young Boys
Lugano
20:30
 
Bologna
1
Roma
0
2. tempo
(1-0)
Inter
2
Spezia
0
2. tempo
(1-0)
Genoa
Milan
20:45
 
Sassuolo
Napoli
20:45
 
DJOKOVIC N. (SRB)
0
BUBLIK A. (KAZ)
0
1 set
(4-1)
Langenthal
1
Visp
0
1. tempo
(1-0)
germania-la-spd-prima-al-fotofinish-cdu-al-minimo-storico
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
11 min

La sfida dell’Ue alla Via della Seta

Trecento miliardi di euro per un nuovo maxi-piano di investimenti infrastrutturali in grado di competere con la Cina
stati uniti
32 min

La Corte Suprema Usa verso una stretta sull’aborto

La maggioranza conservatrice pronta a porre nuovi limiti dopo 50 anni. Biden contrario: ‘Sono per la libertà di scelta’
Estero
1 ora

Bomba della Seconda guerra mondiale esplode a Monaco di Baviera

Tre feriti è il bilancio dell’esplosione avvenuta all’interno di un cantiere, dopo la perforazione di un ordigno del peso di 250 chilogrammi
Confine
1 ora

Impennata di casi pure in Lombardia

Tra le province più colpite dalla nuova ondata di coronavirus c’è quella di Varese
Estero
1 ora

Barca si rovescia, strage di bambini in Nigeria

Avrebbero dovuto partecipare a una cerimonia religiosa. Una cinquantina le vittime
Coronavirus
2 ore

Omicron più trasmissibile, ma contagi perlopiù ‘lievi’

L‘Oms si dimostra prudente rispetto alla nuova variante del Covid. ‘Nei prossimi giorni più informazioni’
Estero
7 ore

Eitan ritornerà in Italia con la zia il 3 dicembre

La zia paterna, Aya Biran, nei mesi scorsi ha già presentato richiesta ai giudici per l’adozione
Estero
11 ore

La CNN sospende Chris Cuomo per l’aiuto al fratello indagato

Il presentatore, secondo la Procura di New York, ha usato la sua posizione e i suoi contatti a favore dell’ex governatore accusato di molestie sessuali
Estero
11 ore

La Nuova Zelanda invia 65 peacekeeper alle Isole Salomone

La richiesta è stata fatta dallo stesso governo dell’arcipelago in cui da poco si è placata una violenta rivolta con tre morti e ingenti danni
Estero
12 ore

Tel Aviv stacca Zurigo ed è la città più cara del mondo

La città sulla Limmat è ora quarta, dietro Parigi e Singapore. Damasco la città più economica, complice il crollo della valuta rispetto al dollaro
unione europea
21 ore

Natale ‘censurato’, l’Ue ritira il documento

Il dietrofront dopo le polemiche: i cattolici esultano. Bruxelles: ‘Volevamo essere inclusivi, ma abbiamo sbagliato le linee guida’
germania
21 ore

Fece morire di sete bimba yazida, ergastolo a jihadista

A Francoforte condanna storica per genocidio dell’Isis. L’uomo teneva schiava la piccola e sua madre
norvegia
21 ore

Breivik ha inviato minacce ai sopravvissuti di Utoya

Il comitato delle vittime: ‘Manda lettere dal carcere, è inaccettabile’
Estero
27.09.2021 - 07:160

Germania, la Spd prima al fotofinish, Cdu al minimo storico

Si complica la strada verso la formazione della maggioranza di governo poichè nessun partito si è imposto chiaramente sugli altri.

Il partito socialdemocratico Spd ha vinto le elezioni parlamentari in Germania, segnando la fine dell’era Merkel, con il 25,7% dei voti, leggermente davanti ai conservatori, secondo un conteggio ufficiale provvisorio annunciato stamattina dalla Commissione elettorale federale.

Il campo conservatore Cdu-Csu ha ottenuto il 24,1% dei voti, il peggior risultato della sua storia, mentre i Verdi sono arrivati al terzo posto con il 14,8%, seguiti dal partito liberale Fdp con l’11,5%.

La Germania è entrata dunque in una fase imprevedibile con difficili negoziati per formare il prossimo governo. I socialdemocratici e i cristiano-democratici sono entrambi in lizza per la leadership. I conservatori non erano mai scesi sotto la soglia del 30%. Questa è un’amara battuta d’arresto per lo schieramento della cancelliera Angela Merkel, che giunge nel momento in cui dovrebbe ritirarsi dalla politica.

Al di là di questo, nel Paese tutto è ancora da decidere. Non sono gli elettori che eleggono direttamente il capo del governo in Germania, ma i deputati, una volta che si è formata una maggioranza.

Una situazione inedita dal 1950

Questa volta, sarà particolarmente complicato formare la maggioranza,che dovrà in teoria riunire tre partiti - la prima volta che accade dagli anni ’50 - a causa della frammentazione del voto.

“La partita di poker a iniziando”, nota la rivista Der Spiegel, perché "dopo il voto, le domande essenziali rimangono aperte: chi sarà cancelliere? Quale coalizione governerà il paese in futuro?

Per i socialdemocratici, le cose sono chiare: “Quello che è certo è che molti cittadini“ hanno votato SPD. "Vogliono un cambio di governo e [...] vogliono che il prossimo cancelliere sia Olaf Scholz”, ha detto il 63enne. Ma il suo rivale di centro-destra, nonostante un risultato "deludente”, non è disposto a unirsi ai banchi dell’opposizione: “Faremo tutto il possibile per costruire un governo guidato dall’Unione” CDU-CSU, ha assicurato Armin Laschet.

In Germania, le discussioni per formare un nuovo esecutivo sono di esclusiva competenza dei partiti politici. Dopo le precedenti elezioni del 2017, l’attuale grande coalizione non ha potuto essere formata fino a più di sei mesi dopo, portando alla paralisi politica in Germania, in particolare sulle questioni europee.

Prima di Natale

Ma sia la SPD che il centro-destra hanno detto che puntano a una conclusione prima di Natale. “La Germania assumerà la presidenza del G7 nel 2022", ha detto Laschet. Ecco perché un nuovo governo deve "arrivare molto rapidamente”. Nella configurazione attuale, sono possibili diverse soluzioni per una maggioranza nel Bundestag. La SPD, con 206 seggi, potrebbe formare un’alleanza con i Verdi, che sono arrivati terzi alle elezioni con il 14,8% (118 seggi), e i liberali della FDP, un partito di destra che ha ottenuto l’11,5% (92 seggi). In alternativa, i conservatori (196 seggi) potrebbero governare con i Verdi e l’FDP.

Secondo un sondaggio Yougov pubblicato domenica sera, la maggioranza degli elettori è a favore della prima opzione. E il 43% di loro crede che Olaf Scholz dovrebbe diventare il prossimo cancelliere della più grande economia europea.

Liberali e Verdi "Kingmakers”

Tutto dipenderà dalla buona volontà di due piccoli partiti, descritti lunedì dal quotidiano Bild come “kingmakers”. Il leader della FDP Christian Lindner ha detto domenica che sarebbe “auspicabile” che il suo partito e gli ecologisti “discutano prima tra di loro” prima di decidere se allearsi con i conservatori o i socialdemocratici.

Per il più antico partito tedesco, le prossime settimane saranno un test. Durante tutta la campagna, i socialdemocratici hanno messo fine ai loro leggendari battibecchi di sinistra e di centro per dare al loro leader, l’attuale ministro delle finanze della cancelliera Angela Merkel, il loro pieno sostegno. “Ma come reagirà se il suo nuovo “eroe Olaf” dovrà rinunciare a metà del suo programma per placare la destra liberale?”, chiede il quotidiano Süddeutsche Zeitung. L’FDP non accetterà mai un aumento delle tasse per i ricchi, cosa che vogliono l’SPD e i Verdi.

E alla fine, sottolinea il giornale, la formazione di una coalizione sarà soggetta al voto dei membri della SPD, che nel 2018, tuttavia, hanno preferito nominare un duo di sconosciuti dell’ala sinistra del partito.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved