niente-tregua-in-israele-netanyahu-va-avanti
Una strada di Gaza dopo i bombardamenti israeliani (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
39 min

‘Il Boeing cinese è stato fatto precipitare intenzionalmente’

Qualcuno nella cabina di pilotaggio ha fatto schiantare al suolo l’aereo della China Eastern, scrive il Wall Street Journal. Erano morte 132 persone.
Confine
2 ore

‘Big’ della logistica, infiltrazioni di ’ndrangheta dal Comasco

Un affiliato ai clan residente nel Comasco si sarebbe infiltrato nei subappalti della filiale italiana della tedesca Schenker, ora commissariata
Estero
3 ore

Germania: chiesti 5 anni per una ex guardia SS di 101 anni

L’uomo è accusato di aver aiutato tra il 1942 e il 1945 a uccidere più di 3’500 prigionieri
Confine
5 ore

AlpTransit a sud di Lugano, dall’Italia passi avanti

Per potenziare il traffico merci le Ferrovie italiane stanziano 100 milioni per il centro intermodale di Milano-Segrate, 70 milioni li mette la Svizzera
Estero
7 ore

Finlandia nella Nato, arriva anche il sì finale del parlamento

Larghissima maggioranza a favore dell’adesione di Helsinki: 188 i favorevoli, 8 i contrari. La richiesta dovrà ora essere approvata da tutti i 30 membri
Estero
7 ore

Il pugno duro della Cina contro il Covid

Le misure draconiane in numerose città dipendono da considerazioni sanitarie, ma anche politiche
Estero
7 ore

Omofobia: nel mondo ancora carcere e morte per l’omosessualità

Oggi è la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. In 62 Paesi l’omosessualità è un reato punito con carcere o pena capitale
Estero
9 ore

Finlandia e adesione alla Nato, sì in Commissione parlamentare

Il parere della Commissione affari esteri segna il completamento di un’altra tappa legislativa richiesta a Helsinki per aderire all’Alleanza Atlantica
Video e Foto
Speciale Ucraina
LIVE

Kiev conferma: negoziazioni al momento sospese

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov aveva dichiarato che non si stavano svolgendo colloqui. Segui il live de laRegione
Confine
11 ore

Violenta rissa con coltellata a Ponte Chiasso

Lo scontro è avvenuto ieri sera alle 21 in una pizzeria a ridosso della dogana. I sanitari hanno medicato sul posto una mezza dozzina di persone
Confine
12 ore

Corpo trovato a Como, accanto i documenti di un 66enne svizzero

Gli inquirenti ipotizzano che si tratti di un senzatetto. Per il momento non ci sarebbero elementi che possano far pensare a una morte violenta
Estero
13 ore

Buffalo, il killer aveva postato online il piano dettagliato

Nel documento il giovane descrive non solo il supermarket preso di mira, ma anche altri due posti dove ‘uccidere tutti gli afroamericani’
Estero
1 gior

Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’

Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della polizia italiana. Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici
19.05.2021 - 20:38
Aggiornamento : 21:25

Niente tregua in Israele, Netanyahu va avanti

A nulla serve l'invito di Joe Biden per un cessate al fuoco immediato a Gaza. Continuano il lancio di razzi e la caccia ai membri di Hamas

Ansa, a cura de laRegione

Benyamin Netanyahu respinge il secco invito del presidente Usa Joe Biden a "una significativa de-escalation" immediata per una tregua a Gaza. La scelta, per ora, è di andare avanti nell'operazione 'Guardiano delle Mura'. Una mossa anticipata dal premier israeliano agli ambasciatori stranieri convocati oggi al ministero della Difesa ai quali, ancor prima della perentoria telefonata da Washington del capo della Casa Bianca, aveva spiegato che malgrado gli appelli della comunità internazionale lo Stato ebraico non "sta con il cronometro in mano sulla tregua".

Per riportare la calma, ha ribadito loro Netanyahu, ci sono solo due strade: "O l'occupazione di Gaza oppure creare un deterrente, ed è quello che stiamo facendo adesso. Criticare Israele per le sue attività è assurdo, è il record dell'ipocrisia e dell'idiozia, non fa altro che incoraggiare i terroristi". Quello di Biden è stato il quarto intervento in pochi giorni: il presidente Usa ha spinto per una rapida chiusura del conflitto, pur schierandosi pubblicamente a fianco dell'alleato contro la pioggia di razzi arrivati dalla Striscia. Ma Netanyahu ha obiettato di essere "determinato ad andare avanti" fino a che "la calma e la sicurezza siano ristorate per i cittadini israeliani". Ed ha ringraziato il presidente "ed amico" Joe Biden per "il suo sostegno al diritto di Israele all'autodifesa".


Manifestazione anti-Israele a Teheran (Keystone)

Irritazione a Washington

Nonostante il braccio di ferro in cui non è difficile cogliere l'irritazione di Biden, gli Usa hanno tuttavia deciso di non appoggiare la bozza di risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu elaborata dalla Francia per un cessate il cessate il fuoco tra Israele e Hamas. Un conflitto che oggi ha registrato un nuovo lancio di 4 razzi dal Libano verso il nord di Israele a cui l'artiglieria dello Stato ebraico ha risposto, in uno scenario sempre più inquieto per l'intera regione.

A testimoniare il pressing intenso della diplomazia internazionale è l'annuncio di Berlino - schierato con il diritto di Israele all'autodifesa - sull'imminente arrivo a Gerusalemme del ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas per colloqui con il presidente israeliano Reuven Rivlin e a Ramallah con il premier Mohammed Shtayyeh. Sul campo però la situazione è pressoché immutata: fonti militari israeliane hanno rilevato che le condizioni per un cessate il fuoco sono valutate in base "agli obiettivi raggiunti" a Gaza. Né escludono "diversi giorni" di operazioni supplementari. I target continuano a essere la rete dei tunnel di Hamas e della Jihad, soprattutto nel nord della Striscia, e l'eliminazione dei capi e dei quadri delle due fazioni. Tra questi l'imprendibile capo dell'ala militare di Hamas Mohammed Deif che l'esercito - ha detto il portavoce militare - ha cercato di uccidere già due volte questa settimana. Ma Hamas ha smentito parlando di "guerra psicologica". Solo la notte scorsa sono stati almeno 10 i membri di Hamas e della Jihad uccisi. I tunnel, la cosiddetta 'Metro', centrati la notte scorsa sono stati 40, con la distruzione di altri 12 chilometri tra cui depositi di armi e centri di comando.

Botta e risposta

Gli attacchi si sono concentrati a Khan Yunis e Rafah, nel sud della Striscia, da dove parte la maggior parte dei razzi su Israele. L'esercito ha poi rivelato che Hamas ha cercato di colpire basi dell'aviazione "ma non ci è riuscita". Nella Striscia le vittime, secondo il ministero della Sanità locale, sono salite dall'inizio del conflitto a "227, di queste 64 sono bambini, 38 donne e 17 anziani". I feriti, secondo la stessa fonte, sono 1.620.

Su Israele, nello stesso lasso di tempo, sono arrivati circa 4.000 razzi, intercettati al 90% dal sistema di protezione per la popolazione Iron Dome, mentre 600 sono ricaduti all'interno della Striscia. Le vittime sono 12. I razzi hanno bersagliato le zone israeliane attorno alla Striscia e poi le città del sud - Ashkelon in testa - dove la popolazione da più di una settimana è costantemente nei rifugi. Hamas, secondo la versione della tv israeliana Kan, ha poi attaccato un convoglio di aiuti giordani destinato alla Striscia - dove le condizioni umanitarie peggiorano sempre di più - che doveva passare per il valico merci di Kerem Shalom e che così non è potuto transitare.


Netanyahu illustra i bombardamenti durante un briefing (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
benjamin netanyahu gaza hamas israele joe biden medio oriente tregua
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved