ULTIME NOTIZIE Estero
IRAN
5 ore

Teheran manda al patibolo e spara ai genitali

Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime
Francia
7 ore

Il presidente Macron: dal 2023 preservativi gratis per i giovani

La distribuzione, ai ragazzi fra i 18 e i 25 anni, è stata definita una piccola rivoluzione nella prevenzione
Iran
11 ore

La polizia spara ai genitali delle manifestanti

I medici hanno detto di aver notato che le donne spesso arrivano con ferite diverse rispetto agli uomini
Nuova Zelanda
15 ore

Bimbo in pericolo: ‘Per nostro figlio solo sangue non vaccinato’

Il caso neozelandese: un bambino di quattro mesi soffre di una grave stenosi al cuore e necessita urgentemente di un’operazione
Italia
1 gior

Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto

Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
1 gior

Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’

L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
1 gior

Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi

Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
1 gior

Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo

Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
22.04.2021 - 20:21

La Germania litiga sul coprifuoco

Le misure d'emergenza prese da Berlino per frenare la pandemia infiammano Parlamento e dibattito pubblico

Ansa, a cura de laRegione
la-germania-litiga-sul-coprifuoco
Un manifestante portato via durante il raduno di mercoledì (Keystone)

Il freno d'emergenza nazionale contro il Covid è legge in Germania. Ma i governatori che hanno preso la parola nel Bundesrat, il Senato federale che lo ha lasciato passare, hanno avuto toni molto critici prima di approvare: "Oggi tocchiamo un punto basso della cultura federale", ha denunciato il presidente Reiner Haseloff. Dopo il via libera del Bundestag di ieri, la camera federale si è limitata a non ostacolare un provvedimento che avrebbe potuto "ritardare ma non evitare".

E la firma del presidente Frank-Walter Steinmeier è arrivata subito dopo, cosicché già a partire da sabato prossimo le misure di riduzione dei contatti, in una Germania mai davvero uscita dal lockdown, scatteranno in modo automatico al superamento dell'incidenza di 100 nuovi contagi in 7 giorni su 100 mila abitanti, nelle città e nei distretti rurali. Fra le regole più dure da accettare il coprifuoco notturno, dalle 22 alle 5 del mattino. Una misura assolutamente inedita nel Paese di Angela Merkel, dove l'esercizio dei diritti fondamentali ha sempre giocato un ruolo molto forte nel dibattito politico e dove non si è mai stati 'confinati' in casa.

Polemiche accese

Contro questa novità, molto discussa, si sono sollevati fra gli altri i Liberali, che hanno annunciato un ricorso all'Alta Corte, ritenendola inammissibile. Allo scattare del 'freno', stando alle modifiche della legge sulla pandemia, non si potrà uscire di casa di sera se non per necessità, mentre fino a mezzanotte resterà possibile fare jogging o una passeggiata solitaria. Mentre i negozi saranno accessibili solo su appuntamento e con un test negativo. L'incidenza settimanale deve salire invece a 165 contagi perché le scuole vengano chiuse e si ritorni alle lezioni on line. L'intervento legislativo centrale è la risposta di Angela Merkel agli interminabili litigi nelle conferenze Stato-Regioni sulle misure anticovid, consultazioni che hanno segnato una pagina nera con l'errore sui "giorni di riposo" lanciati per la settimana di Pasqua e poi rapidamente revocati per impraticabilità giuridica: quando la cancelliera dovette appunto ammettere "l'errore".

"Dobbiamo dire onestamente che, pur volendo tutti la stessa cosa, non abbiamo remato nella stessa direzione", ha detto il ministro della Salute Jens Spahn, intervenendo in Senato. "L'unico modo per fronteggiare il virus è ridurre i contatti", ha ribadito. E il freno è un compromesso: dura fino a luglio. In Germania si continua a temere l'effetto della variante britannica, ormai dominante, che continua a diffondersi a macchia d'olio nonostante le prolungate chiusure: oggi il Robert Koch Institut ha registrato di nuovo quasi 30 mila contagi in 24 ore, con 259 morti. E resta allarmante la situazione delle terapie intensive, con oltre 5.000 posti letto occupati da pazienti Covid. Continua però finalmente con più slancio la campagna vaccinale: il 21% della popolazione ha ricevuto la prima dose, e il 6,9 la seconda. Agli inizi di giugno potrebbero cadere i vincoli sulle priorità, ha confermato Spahn al Bundesrat.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved