hong-kong-condannati-i-leader-pro-democrazia
Il tycoon di Hong Kong Jimmy Lai (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Alleanze alla prova ballottaggi in Italia, il Pd spera in Verona

Sfide in 65 comuni,13 sono capoluoghi. Duello Letta-Meloni. Alle 19 partecipazione al 29,4%, in calo di nove punti percentuali rispetto al primo turno.
Estero
7 ore

Sindaci europei ingannati, credevano di parlare con Klitschko

Le false conversazioni avvenute in videoconferenza sono frutto della tecnologia ‘Deepfake’
Estero
11 ore

Trovati i corpi di 20 giovani in un night club in Sudafrica

Le vittime non presentano ferite. Non sono ancora note le cause dei decessi
Estero
12 ore

Ucraina: attacco missilistico su Kiev

La capitale non veniva colpita da bombardamenti da circa tre settimane. Il sindaco: ‘La Russia cerca di intimidire gli ucraini prima del vertice Nato’
Estero
12 ore

Oms: il vaiolo delle scimmie non è ora un’emergenza sanitaria

Dall’inizio di maggio è stato rilevato un aumento dei casi lontano dai Paesi dove la malattia è da tempo endemica
Estero
1 gior

‘Severodonetsk completamente occupata dall’esercito russo’

La città è stata teatro di feroci combattimenti per diverse settimane.
Estero
1 gior

Sparatoria a Oslo, si indaga per atto di terrorismo islamico

Il sospettato è nel radar dell’intelligence norvegese dal 2015 per l’appartenenza a una rete estremista. Annullata la marcia Lgbt prevista per oggi.
Estero
1 gior

Siccità in Italia: ‘Quasi tutto il Paese entrerà in zona rossa’

Il ministro delle Politiche agricole Patuanelli parla di situazione drammatica. Ieri in Lombardia è stato decretato lo stato di emergenza.
Estero
1 gior

Kiev: ‘Dalla Bielorussia lanciati missili contro Chernihiv’

L’attacco alla regione ucraina sarebbe avvenuto intorno alle 4 di questa mattina (ora svizzera)
Estero
1 gior

Borrell arrivato in Iran per rilanciare l’accordo sul nucleare

L’alto rappresentante per politica estera dell’Ue cercherà di convincere il Paese a firmare l’intesa
01.04.2021 - 21:57
Aggiornamento : 22:45

Hong Kong, condannati i leader pro-democrazia

Colpito anche il tycoon Jimmy Lai, era tra i promotori delle proteste del 2019

Ansa, a cura de laRegione

Il movimento pro-democrazia di Hong Kong subisce un'altra batosta avviandosi alla marginalizzazione pianificata da Pechino. Il magnate dei media Jimmy Lai e 'il padre della democrazia' dell'ex colonia, l'82enne Martin Lee, sono tra i sette attivisti giudicati colpevoli dell'organizzazione di una delle più grandi manifestazioni di massa, giudicata "illegale", nell'ambito delle proteste del 2019. I sette, con altri due imputati già dichiaratisi colpevoli, rischiano adesso una pena fino a cinque anni di carcere, in base alle decisioni prese dal giudice della Corte Distrettuale di West Kowloon, Amanda Woodcock, che ha disposto pure l'estensione della cauzione per alcuni fino alla sentenza prevista per il 16 aprile. Tre imputati, tra cui lo stesso Lai, resteranno infatti in carcere a causa degli altri procedimenti penali pendenti a loro carico e relativi alle ben più gravi accuse di violazione delle norme sulla sicurezza nazionale.

Le motivazioni

Il tycoon, fondatore di Next Digital, il gruppo che pubblica il popolare tabloid Apple Daily, è accusato di collusione con forze straniere ed è in arresto dalla fine dello scorso anno, mentre la condanna odierna è la prima legata al movimento antigovernativo durato mesi e partito a giugno 2019 in risposta al contestato disegno di legge sulle estradizioni in Cina. Il processo, apertosi il 16 febbraio, ha coinvolto alcuni degli esponenti più noti del fronte pro-democrazia di Hong Kong: oltre a Lee, avvocato, ex deputato e co-fondatore del Partito Democratico, e al 72enne editore Lai, in aula sono comparsi anche gli avvocati Albert Ho e Margaret Ng, e gli attivisti veterani Lee Cheuk-yan e Leung Kwok-hung, quest'ultimo noto con il soprannome di 'Capelli lunghi'. Mentre gli ex parlamentari Au Nok-hin e Leung Yiu-chung, anch'essi condannati, si erano dichiarati colpevoli in precedenza.

Su di loro pendeva l'accusa di aver promosso e partecipato alla protesta non autorizzata del 18 agosto 2019: una marcia tenutasi quel giorno nel centro di Hong Kong che fu in grado di mobilitare oltre 1,7 milioni di persone, secondo gli organizzatori, prendendo di mira sia il disegno di legge sulle estradizioni, ritirato in seguito dal governo locale, sia le brutalità della polizia contro i manifestanti. Il giudice Woodcock ha rimarcato, nel dispositivo, che l'accusa era stata in grado di dimostrare "oltre ogni ragionevole dubbio" che gli imputati avevano organizzato e partecipato alla protesta non autorizzata.

Le reazioni

L'arresto dei nove veterani pro-democrazia è stato condannato da diversi Paesi occidentali, che hanno criticato fortemente l'azione di Pechino anche per la riforma del sistema elettorale della città. In totale sono 47 a Hong Kong gli attivisti pro-democrazia che devono rispondere di violazioni alla legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino a giugno del 2020 e che prevede anche l'ergastolo per chiunque venga riconosciuto colpevole di secessione, sovversione, terrorismo e collusione con forze straniere. Pechino e il governo di Hong Kong hanno difeso le misure draconiane ritenute in grado di dare stabilità all'ex colonia britannica dopo le turbolenze del 2019, mentre la riforma del sistema elettorale, che blinda il controllo della città per i "patrioti" pro-Cina, assicurerà che l'amministrazione potrà concentrarsi sullo sviluppo della città, ha ricordato pochi giorni fa la governatrice Carrie Lam. Gli Stati Uniti sono tornati a sollecitare la Cina al rispetto dei diritti umani e degli obblighi internazionali, interrompendo quello che Washington ha definito "lo smantellamento delle istituzioni democratiche" della città. Un'azione mirata e precisa che "ha gravemente danneggiato i diritti e le libertà del popolo di Hong Kong", ha affermato il segretario di Stato Antony Blinken.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
hong kong jimmy lai pechino pro-democrazia proteste
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved