diritti-civili-nuova-stretta-a-hong-kong
La skyline di Hong Kong (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

Voli europei, tariffe quasi raddoppiate

Per quelli intercontinentali il rincaro supera il 35 per cento. Aumento dei prezzi anche per i traghetti.
speciale ucraina
9 ore

Zelensky: ‘Senza uno scambio di prigionieri nessun negoziato’

Sul fronte bellico l’acciaieria Azovstal è ora sotto il controllo russo. Segui il live de laRegione
Estero
15 ore

Colombia, Betancourt ritira la candidatura alle presidenziali

Sfavorita nei sondaggi ha deciso di sostenere il candidato indipendente Rodolfo Hernández: ‘L’unico che oggi può sconfiggere il sistema’
Estero
22 ore

Marin e Andersson, le due premier che sfidano Putin

La finlandese, con una storia familiare difficile, e la svedese, eletta per un cavillo, stanno traghettando i loro Paesi nella Nato
Estero
1 gior

La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell

Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
1 gior

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
1 gior

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
1 gior

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
28.04.2021 - 20:12

Diritti civili, nuova stretta a Hong Kong

Alle autorità cinesi poteri illimitati su ingressi e uscite dalla città. La legge sull'immigrazione non piace nell'ex colonia britannica

Ansa, a cura de laRegione

Hong Kong ha una nuova controversa legge sull'immigrazione. Il Consiglio legislativo, il parlamentino dell'ex colonia britannica ormai svuotato dei deputati d'opposizione del fronte pro-democrazia, ha approvato velocemente la normativa che avvocati, diplomatici e attivisti a tutela dei diritti temono si configuri come una nuova stretta potendo dare alle autorità poteri illimitati per impedire ai residenti e ad altre persone di entrare o uscire dalla città.

Il governo locale ha liquidato i sospetti come "una totale assurdità", notando che la legislazione, in vigore dal prossimo primo agosto, mira semplicemente a controllare gli immigrati illegali, in mezzo a un arretrato di domande di richieste d'asilo, senza pregiudicare i diritti costituzionali di libera circolazione. "Stiamo affrontando sfide crescenti, in particolare impedendo che il numero di immigrati illegali aumenti e che i richiedenti abusino dell'attuale sistema", ha osservato il segretario alla Sicurezza John Lee, aggiungendo che i diritti di viaggio rimangono garantiti e che il governo introdurrà una normativa sussidiaria a breve termine.

Secondo gli ultimi dati, ci sono 13.000 richieste pendenti presentate da persone rifugiatesi a Hong Kong. Le rassicurazioni sono arrivate in un clima di totale sfiducia dopo il percorso più autoritario intrapreso da Pechino sull'ex colonia, tra la legge sulla sicurezza nazionale e il nuovo sistema elettorale destinato a stroncare l'opposizione pro-democrazia e ad affidare la guida della città solo ai "patrioti", fedeli alla Cina. L'Ordine degli avvocati di Hong Kong (Hkba) osservò a febbraio che il disegno di legge non spiegava perché tali poteri fossero necessari, come sarebbero stati utilizzati e non prevedeva alcun limite alla durata di eventuali divieti di viaggio, né alcuna salvaguardia contro gli abusi.

Posizioni pro-Pechino

Nel dibattito parlamentare, la deputata pro-Pechino Elizabeth Quat ha affermato che il numero di rifugiati costituiva "una minaccia alla pace e alla stabilità" e che la città aveva bisogno di curare questo "cancro". Parole forti per criticare l'attuale modello di esame delle domande che può richiedere anni con una percentuale di accettazione pari all'1%. Durante l'attesa, è illegale per i richiedenti asilo lavorare o fare volontariato, vivendo in un limbo con i buoni alimentari governativi.

Attualmente, può scattare a loro carico la detenzione con l'infrazione della legge o in vista dell'espulsione per un periodo "ragionevole", demandato alla valutazione di un tribunale. La nuova normativa aggiunge che le autorità possono anche trattenere un rifugiato se "la persona rappresenta o è probabile che costituisca una minaccia o un rischio per la sicurezza per la comunità". Una fattispecie così fumosa e indefinita da giustificare le preoccupazioni di avvocati e attivisti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cina diritti civili hong kong immigrazione pechino poteri illimitati
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved