ULTIME NOTIZIE Estero
l’invasione russa
6 ore

Mosca risponde ai tank, missili ipersonici sull’Ucraina

Almeno 11 morti nei raid. Putin e Zelensky chiudono la porta ai colloqui
cisgiordania
7 ore

Esercito israeliano irrompe a Jenin: 10 morti

Scontri durante un’operazione definita di ‘antiterrorismo’ in un campo profughi. Dura presa di posizione di Abu Mazen. Hamas: ‘Tel Aviv la pagherà’
Giamaica
7 ore

Usain Bolt frodato per 12,7 milioni di dollari

L’otto volte campione olimpico truffato da una società di investimento privata che avrebbe raggirato pure molte altre persone e uffici governativi
balcani
7 ore

Solo il 43% dei serbi vuole entrare nell’Ue

Nel sondaggio non si dicono convinti di voler abbracciare l’Unione europea. Il sistema sociale più ambito? Quello svizzero
russia
8 ore

Putin mette al bando Meduza ‘Testata indesiderata’

Il media indipendente nel mirino della censura del Cremlino: ‘Non molliamo’
Stati Uniti
8 ore

Smantellata una maxirete internazionale di hacker

Basato negli Stati Uniti, il gruppo Hive Ransomware aveva estorto più di 100 milioni di dollari a persone o compagnie di tutto il mondo
Estero
9 ore

Settantaquattro milioni non bastano: Cedu in affanno

Troppi ricorsi e troppi pochi fondi per la Corte europea dei diritti umani. A fine 2022 i fascicoli pendenti erano ancora oltre 74mila
Estero
11 ore

Piccolo Stato, grande multa: San Marino sanziona Facebook

Meta Inc. ha perso il ricorso e dovrà pagare 4 milioni di euro per la diffusione indebita dei dati di circa 12’700 sammarinesi
Estero
12 ore

Al Memoriale della Shoah ‘I Simpson deportati ad Auschwitz’

I murales dell’artista aleXsandro Palombo sono apparsi sui muri della Stazione centrale a Milano presso il Binario 21, luogo di partenza per i lager
Germania
24.03.2021 - 20:40

Dietrofont di Angela Merkel: ‘Ho sbagliato e chiedo scusa’

La cancelliera tedesca ammette l'errore e torna sui suoi passi. In Germania non ci sarà un locdown a cavallo di Pasqua

dietrofont-di-angela-merkel-ho-sbagliato-e-chiedo-scusa
‘Un errore va chiamato col suo nome e va corretto tempestivamente’ (Keystone)

Angela Merkel ammette di aver commesso un errore e chiede scusa ai tedeschi. Un gesto con il quale oggi ha scritto un altro pezzo della sua storia da cancelliera, che sta chiudendo il quarto e ultimo mandato alla guida del Paese.

Subito dopo il motivo finisce in ombra, sembra quasi diventare un dettaglio: la bufera sollevata dai 'Ruhetage', i giorni di lockdown decisi a cavallo di Pasqua per contenere la terza ondata del Covid, appare velocemente smontata. E tutti a guardare la "debolezza" che diviene "grandezza", per usare le parole della Sueddeutsche Zeitung, il giornale vicino ai socialdemocratici che insieme alla Bild e alla Welt vede il gesto già "nei libri di storia". Una cosa del genere non era mai capitata in 16 anni.

Il clima resta chiaramente agitato e il momento è difficile, se non difficilissimo: con i conservatori in caduta libera nei sondaggi e i numeri del virus che non danno scampo. Merkel in mattinata ha convocato d'urgenza a sorpresa un nuovo vertice con i ministri presidenti dei Länder per correggere una misura decisa nella maratona notturna di due giorni fa e poi rivelatasi impraticabile.

Il lockdown rafforzato con lo stop totale anche giovedì e sabato santo che avrebbe visto un'estensione di fatto dei festivi in calendario. La stampa le aveva strillato contro e mezzo Paese si era ribellato. «Un errore va chiamato con il suo nome e va corretto tempestivamente», ha detto lei comparendo davanti ai giornalisti subito dopo la riunione blitz.

«Lo dico chiaro e tondo: questo è stato un mio errore. So che ha provocato ulteriore insicurezza, mi dispiace e chiedo scusa alle cittadine e ai cittadini». La cancelliera si è scusata anche con i cronisti, per il fatto di non poter rispondere alle domande: era attesa al Bundestag per il question time, e qui ha ripetuto il discorso ai parlamentari, che lo hanno salutato con un applauso.

C'è anche chi ha chiesto che ponesse la questione di fiducia: Afd, Linke e Liberali vorrebbero una verifica della tenuta della coalizione. Ma la miccia sembra per ora disinnescata. Perfino Christian Lindner, non proprio un sostenitore, ha commentato che «la correzione di un errore merita rispetto».

Il contesto però non darà tregua alla Grosse Koalition nei prossimi giorni: i conservatori stanno crollando nei sondaggi, il Forsa fotografa l'Unione di Cdu e Csu al 26% (altri 3 punti in meno rispetto alla settimana scorsa) con i Verdi sempre più vicini al 22.

Se si votasse subito, ci sarebbero i numeri per un governo 'semaforo' con ecologisti, socialdemocratici e liberali. E la pandemia, nella stanchezza generale, è sempre più difficile da gestire: la terza ondata va frenata e i numeri vanno portati indietro, ha detto la Bundeskanzlerin, che ieri ha messo in guardia dal collasso sanitario cui si assiste in altri Paesi: «Vorrei potercelo risparmiare».

Il Governo ha annunciato poco dopo di avere in corso la verifica per capire se sia possibile imporre un divieto di viaggi all'estero. Anche i voli tutti esauriti per Maiorca restano infatti un nodo da risolvere nella Germania che lascerà gli alberghi chiusi nei giorni di festa e vorrebbe una Pasqua all'insegna del motto "restiamo a casa".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved