cina-e-russia-contro-l-occidente-sanzioni-illegittime
Xi Jinping e Vladimir Putin (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

Fermata di nuovo la giornalista russa col cartello ‘No War’

Marina Ovsyannikova era apparsa in tv durante un tg inneggiando alla pace: ora rischia fino a dieci anni di carcere
alpi
7 ore

Persi 200 ghiacciai, lo zero termico a 5mila metri

La temperatura registrata in Svizzera, a luglio, all’altezza di 5’184 metri. ‘Un dato senza precedenti’
Estero
8 ore

‘È in ritardo’, torna indietro la prima nave ucraina con il mais

Partita da Odessa per il Libano, l’acquirente non ha voluto farla attraccare e si è infine diretta verso la Turchia
pacifico
8 ore

La Cina chiude le manovre a Taiwan, ma la tensione resta alta

Pechino ha ribadito il proposito di prendere il controllo dell’isola anche con la forza, se necessario. Per Taipei non ci sarà alcuna riunificazione
la guerra in ucraina
8 ore

Kiev, a Zaporizhzhia il rischio di una nuova Fukushima

‘I russi danneggiano la centrale’. Zelensky azzarda: ‘Libereremo la Crimea’
Estero
8 ore

Trump interrogato sul fisco a New York: ‘Non rispondo’

L’ex presidente invoca il quinto emendamento e attacca la procuratrice afroamericana James, accusata di essere ‘razzista’
Estero
9 ore

Naufragio nell’Egeo, sono 50 i profughi dispersi in mare

Sulla barca salpata dalla Turchia, diretta in Italia, c’erano circa 80 persone. Intanto gli sbarchi sulle coste italiane entrano nella campagna elettorale
italia
9 ore

Niente calcio in piazza, arriva la protesta dello smartphone

A Melendugno, nel Salento, bambini incollati al cellulare per contestare la decisione di vietare i giochi col pallone nel centro abitato
Estero
10 ore

Rinuncia all’eredità di 4 miliardi: ‘Potrei non essere felice’

Marlene Engelhorn, discendente del fondatore del colosso Basf: sua nonna è al 687º posto nella classifica dei più ricchi del mondo stilata da Forbes
Estero
11 ore

Trump non risponderà alle domande del procuratore di New York

L’ex presidente invoca il quinto emendamento che consente di non testimoniare contro sé stessi nell’indagine fiscale ed evoca la caccia alle streghe
Estero
13 ore

Criptovalute: insolvenza della Nft, clienti pure in Svizzera

Migliaia di risparmiatori temono di essere stati truffati. Il denaro sarebbe infatti bloccato.
23.03.2021 - 21:53

Cina e Russia contro l'Occidente: ‘Sanzioni illegittime’

Biden punta a rafforzare l'alleanza con l'Europa spingendo per una linea comune su Mosca e Pechino, che reagiscono

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, parteciperà alla riunione del Consiglio europeo di giovedì prossimo. Il tweet del presidente del Consiglio europeo Charles Michel certifica l'inversione di rotta di Washington rispetto all'amministrazione di Donald Trump. "Ho invitato il presidente a partecipare, per condividere le sue opinioni sulla nostra futura cooperazione. È ora di ricostruire la nostra alleanza transatlantica", ha scritto Michel. La presenza, seppur virtuale, di Biden conferma la linea della nuova amministrazione americana che fin dall'insediamento ha lanciato diversi messaggi per "riparare e rivitalizzare" le relazioni tra le due sponde dell'oceano: il rientro nell'accordo sul clima di Parigi, nell'Oms, l'apertura per un rientro degli americani nell'accordo sul nucleare iraniano. Fino alla pace sui dazi nella controversa vicenda Boeing-Airbus, sancita da una telefonata tra l'inquilino della Casa Bianca e la presidente Ue, Ursula von der Leyen. Un rilancio che per il presidente americano - il primo a partecipare a un summit europeo dopo 20 anni (l'ultimo era stato George W. Bush nel 2001, l'anno delle Torri Gemelle) - passa per la strada di una linea comune su Cina e Russia, come ha chiaramente chiesto all'ultima Conferenza di Monaco sulla sicurezza.

La nuova Guerra Fredda

E se l'eurosummit di giovedì sarà anche un'occasione importante per fare il punto sulla collaborazione Ue-Usa sui vaccini nel pieno dell'emergenza pandemia e sulla digital tax per le big tech, la questione Pechino-Mosca è destinata a tenere banco. Anche alla luce del fronte comune, quasi obbligato, espresso nelle ultime ore da Cina e Russia contro l'Occidente, contro gli Stati Uniti e i suoi alleati, accusati di continuare a interferire nelle vicende interne e a promuovere "sanzioni illegittime" con tattiche "distruttive" da Guerra Fredda. A Guilin i rispettivi ministri degli Esteri, Wang Yi e Seghei Lavrov, si sono immersi in una due giorni a stretto giro dall'aspro vertice in Alaska tra i capi delle diplomazie di Usa e Cina, ostentando coesione in conferenza stampa. A partire dalla necessità - difficile da realizzare - di sganciarsi dal dollaro, fino all'appello di un vertice tra membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu (Usa, Cina, Russia, Francia e Gb) "in una fase di turbolenza politica" in cui i rapporti con l'Occidente sono sempre più tesi. Le forze occidentali che "diffamano e calunniano la Cina dovrebbero sapere che l'era dell'interferenza arbitraria nei suoi affari interni con storie inventate o bugie fabbricate è finita e non farà più ritorno", ha affermato Wang davanti alle telecamere, tuonando contro le "mosse regressive" delle sanzioni. La reazione è maturata all'indomani delle misure coordinate di Usa, Ue, Gb e Canada contro funzionari di Pechino coinvolti nella repressione degli uiguri e delle altre minoranze musulmane dello Xinjiang.

Il valzer degli ambasciatori

La Cina, oltre a varare contromisure su parlamentari, studiosi ed entità dell'Ue, ha mostrato tutta la sua irritazione convocando gli ambasciatori di Ue e Gb. "Abbiamo notato la natura distruttiva delle intenzioni degli Usa di minare l'architettura legale internazionale incentrata sulle Nazioni Unite, facendo affidamento sulle alleanze politico-militari dell'era della Guerra Fredda e creando nuove alleanze chiuse nella stessa ottica - ha detto da parte sua Lavrov -. Rifiutiamo i giochi geopolitici a somma zero e le sanzioni unilaterali illegittime a cui i nostri colleghi occidentali ricorrono sempre più spesso". Le due parti hanno ribadito l'opposizione "alla politicizzazione e all'uso delle questioni relative ai diritti umani per intromettersi negli affari interni" con il pretesto di "promuovere la democrazia". Pechino, che ha rispolverato i legami con la Corea del Nord, ha bisogno della sua rete di relazioni diplomatiche per la 'lunga marcia' contro gli Usa. Wang, da domani e fino al 30 marzo, sarà in missione in sei Paesi strategici: Arabia Saudita, Turchia, Iran, Emirati Arabi Uniti, Oman e Bahrein. Di Riad e Teheran, nemici tra loro, Pechino è il primo importatore di greggio, mentre Ankara, Paese della Nato e in piena crisi economica, vanta rapporti con Washington crollati ai minimi dalla crisi dell'invasione di Cipro.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cina russia sanzioni stati uniti ue
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved