la-turchia-pronta-a-bandire-il-partito-curdo-hdp
L'Hdp in festa dopo le elezioni del 2015 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
8 min

Statale Vigezzo, riapertura a inizio giugno

Si lavora anche per poter permettere ai treni della Centovallina/Vigezzina di riprendere i collegamenti internazionali
Israele
1 ora

Gerusalemme: tensione e incidenti sulla Spianata delle moschee

Scontri fra la polizia e manifestanti palestinesi. Allarme per la Marcia delle bandiere che celebra la riunificazione della città sotto Israele
Speciale Ucraina
LIVE

Kiev, distrutto 30% dei carri armati russi

Si combatte ancora a Severodonetsk: le forze cecene annunciano la presa della città, Kiev ammette difficoltà? in difesa. Segui il live de LaRegione
Confine
1 ora

Coca e prostituzione, richiesta di rogatoria verso il Ticino

Accuse e arresti sono il risultato di una operazione condotta nel Comasco e che coinvolge tre persone. Due sono già nelle carceri cantonali
Stati Uniti
16 ore

Strage in Texas, per la polizia rischio di accuse e cause legali

Sotto indagine la reazione inadeguata delle forze di polizia durante la strage nella scuola elementare di Uvalde in cui sono morti 19 bambini e 2 docenti
Estero
18 ore

Bachelet: la visita in Cina non è un’indagine

L’Alto Commissario dell’Onu per i diritti umani ha aperto la conferenza stampa sulla prima visita in Cina in 17 anni, incentrata sullo Xinjiang.
Estero
22 ore

Si tuffa nel Lago di Como e non riemerge: morto 17enne

Il ragazzo era stato recuperato ieri in condizioni disperate. Si era buttato in acqua mentre era con gli amici. Probabilmente fatale lo choc termico
Estero
23 ore

È morto il cardinale Sodano, ex Segretario di Stato vaticano

Aveva 94 anni. Fu il “numero due” della Santa Sede sotto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI
Estero
1 gior

Usa: donna armata uccide un uomo che sparava sulla folla

La donna possedeva l’arma legalmente. L’uomo ha iniziato a far fuoco dall’auto dopo esser stato invitato ad allontanarsi da un party in strada
17.03.2021 - 22:11

La Turchia pronta a bandire il partito curdo Hdp

La terza forza in Parlamento, da sempre ultracritica con il potere, accusa: “Ennesimo colpo di mano di Erdogan”

Rischia il bando in Turchia il filo-curdo Hdp, terza forza nel Parlamento di Ankara e da sempre spina nel fianco del presidente Recep Tayyip Erdogan. Il procuratore generale della Cassazione, Bekir Sahin, ha presentato alla Corte costituzionale una richiesta di dissoluzione del partito, accusando i suoi membri di agire come "un'estensione di organizzazioni come i terroristi del Pkk" e tentare "con le loro dichiarazioni e i loro atti di distruggere l'unità indivisibile tra lo Stato e la nazione". Immediata è giunta la reazione dell'Hdp, che denuncia "un golpe politico" e invita "tutte le forze democratiche a lottare insieme". Nelle prossime ore, intanto, il suo stato maggiore terrà una riunione d'emergenza. Strenuo oppositore del governo, di cui denuncia una deriva autoritaria, il partito curdo è sotto pressione dal fallito golpe del 2016, con l'arresto di centinaia di dirigenti e la destituzione di massa di deputati e sindaci. Da quasi quattro anni e mezzo è in un carcere di massima sicurezza anche il suo leader carismatico Selahattin Demirtas, due volte candidato alla presidenza della Turchia.

Quei rivali troppo vicini al Pkk

La definitiva resa dei conti giunge dopo i ripetuti appelli a metterlo al bando da parte del leader nazionalista Devlet Bahceli, principale alleato dell'Akp di Erdogan, che appare sempre più decisivo nella definizione della linea politica di Ankara. Lo strappo arriva infatti mentre il capo dello Stato aveva lanciato una serie di progetti di riforma del sistema giudiziario, promettendo maggiori tutele per le minoranze, e cercava di ricucire i rapporti con Europa e Stati Uniti, che più volte hanno espresso preoccupazioni per la repressione degli oppositori politici in Turchia. Ma lo stesso Erdogan accusa da anni il partito di essere il braccio politico del Pkk. Una responsabilità che l'Hdp ha sempre negato, rivendicando al contrario una rottura con le vecchie logiche dei partiti etnici identitari e aprendo alle istanze più disparate dell'opposizione. Un'immagine nuova che gli aveva consentito nel 2015 di essere il primo partito con radici curde a entrare in Parlamento, superando la soglia di sbarramento del 10% e impedendo all'Akp di ottenere la maggioranza assoluta per la prima volta dal 2002. Alle amministrative del 2019 il suo appoggio era poi apparso decisivo per la vittoria dell'opposizione a Istanbul, strappata alle forze pro-Erdogan dopo un quarto di secolo. Una dissoluzione dell'Hdp rischia quindi di sconvolgere il panorama politico turco, a due anni dalle prossime elezioni.

La parola ai giudici

I giudici dovranno ora decidere se accettare l'atto d'accusa. Il partito rischia così di fare la stessa fine dei suoi predecessori, puntualmente banditi in Turchia con l'accusa di "separatismo". La procedura è stata peraltro avviata nel giorno in cui la Grande assemblea nazionale ha destituito un altro suo deputato, Omer Faruk Gergerlioglu, accusato di "propaganda terroristica", facendo scendere a 55 i parlamentari in carica dell'Hdp, che nel 2018 ne aveva eletti 67, ottenendo quasi 6 milioni di voti. E nelle prossime settimane, una ventina di altri deputati rischiano la stessa sorte.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
hdp pkk recep tayyip erdogan turchia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved