attacco-a-un-collegio-in-nigeria-42-rapiti
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali

Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’
libano
4 ore

Hezbollah perde la maggioranza, ma non il potere

Entusiasmo per i 13 seggi del fronte del ‘cambiamento’, ma si teme un nuovo stallo politico, che potrebbe essere fatale con la crisi economica e sociale
Estero
4 ore

‘Il Boeing cinese è stato fatto precipitare intenzionalmente’

Qualcuno nella cabina di pilotaggio ha fatto schiantare al suolo l’aereo della China Eastern, scrive il Wall Street Journal. Erano morte 132 persone.
Confine
6 ore

‘Big’ della logistica, infiltrazioni di ’ndrangheta dal Comasco

Un affiliato ai clan residente nel Comasco si sarebbe infiltrato nei subappalti della filiale italiana della tedesca Schenker, ora commissariata
Estero
7 ore

Germania: chiesti 5 anni per una ex guardia SS di 101 anni

L’uomo è accusato di aver aiutato tra il 1942 e il 1945 a uccidere più di 3’500 prigionieri
Confine
9 ore

AlpTransit a sud di Lugano, dall’Italia passi avanti

Per potenziare il traffico merci le Ferrovie italiane stanziano 100 milioni per il centro intermodale di Milano-Segrate, 70 milioni li mette la Svizzera
Estero
11 ore

Finlandia nella Nato, arriva anche il sì finale del parlamento

Larghissima maggioranza a favore dell’adesione di Helsinki: 188 i favorevoli, 8 i contrari. La richiesta dovrà ora essere approvata da tutti i 30 membri
Estero
12 ore

Il pugno duro della Cina contro il Covid

Le misure draconiane in numerose città dipendono da considerazioni sanitarie, ma anche politiche
Estero
12 ore

Omofobia: nel mondo ancora carcere e morte per l’omosessualità

Oggi è la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. In 62 Paesi l’omosessualità è un reato punito con carcere o pena capitale
17.02.2021 - 21:48

Attacco a un collegio in Nigeria: 42 rapiti

Erano 650 le persone presenti nella scuola quando è arrivato il gruppo di uomini armati. Il presidente: ‘Presto un raid per salvarli’

La Nigeria torna a far parlare di sé per l'ennesimo maxi-rapimento a scopo di estorsione, questa volta con un attacco di uomini armati contro un collegio della città di Kagara, nello Stato del Niger. Il blitz, avvenuto ieri sera, è costato la vita a un giovane, unico dato confermato dei rapporti iniziali che parlavano di centinaia di ostaggi, cifra ridimensionata in seguito dal portavoce del governo locale, Muhamad Sani Idris: "Uomini armati hanno rapito 42 persone dalla scuola. Hanno portato via 27 studenti, insieme a tre insegnanti. Hanno anche rapito 12 familiari degli insegnanti". Si stima che fossero almeno 650 gli studenti presenti nell'istituto al momento del raid sferrato da membri di bande criminali.

‘Scoveremo i banditi’

Il presidente nigeriano Muhammadu Buhari ha condannato l'accaduto ordinando un'operazione delle forze armate "per assicurare un immediato e sicuro ritorno di tutti gli ostaggi", come ha detto in una nota Garba Shenu, suo portavoce. Sono stati quindi impiegati soldati e aerei per scovare i banditi che spesso si nascondono nella foresta, protetti da zone fitte di vegetazione, vere e proprie basi della loro attività criminale. In particolare, la foresta di Rugu, a cavallo tra gli Stati di Zamfara, Katsina, Kaduna e Niger, è il luogo da le bande sferrano un numero crescente di attacchi.

Soltanto ieri, le autorità del Niger hanno denunciato raid in due remoti villaggi dello Stato con l'uccisione di dieci persone e il sequestro di almeno altri 23 civili, nonostante il dispiegamento dei militari nell'area. Due mesi fa, inoltre, oltre 300 studenti sono stati rapiti da una scuola nella città di Kankara, nello Stato di Katsina, e poi liberati dopo negoziati con funzionari governativi. Per Buhari quest'ultimo episodio rappresenta un'ulteriore grana che si somma alle tensioni mai sopite del movimento di protesta noto a livello internazionale con l'hashtag #EndSARS, scoppiato alla fine dell'anno scorso e che chiede al governo maggiori riforme governative, mentre l'economia della nazione è indebolita dal calo del prezzo del petrolio, sua maggiore risorsa, determinato dalla pandemia.

Il sequestro di tre anni fa

Il sequestro riporta alla mente quello delle 111 studentesse avvenuto quasi tre anni fa per mano di jihadisti a Dapchi, nel nord-est del Paese, ma soprattutto quello delle 276 ragazze rapite da Boko Haram nel 2014 da un liceo del villaggio di Chibok, sempre a nord-est, scatenando una protesta internazionale e portando personalità come Michelle Obama - allora first lady degli Stati Uniti - a iniziare una campagna per la loro liberazione. Ma il rapimento all'ordine del giorno rappresenta anche uno scacco personale per il presidente, perché arriva a meno di un mese dalla sostituzione dei capi delle forze armate nominati nel 2015 dopo ripetuti appelli in tale direzione per la crescente insicurezza che investe tutto il Paese con molteplici minacce. La Nigeria, infatti, combatte - negli Stati a nord-ovest e dell'area centrale, interessata anche da scontri etnici - contro bande di rapitori, nel nord-est contro i miliziani jihadisti e nel sud contro gli attacchi di pirati alle navi cargo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
africa boko haram nigeria studenti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved