Lazio
0
Atalanta
0
fine
(0-0)
Zugo
8
Langnau
2
fine
(3-0 : 1-2 : 4-0)
Friborgo
3
Lakers
2
fine
(0-1 : 2-0 : 0-1 : 1-0)
Ginevra
3
Bienne
2
fine
(1-0 : 0-2 : 1-0 : 1-0)
Lugano
3
Berna
2
fine
(0-1 : 1-1 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
Ambrì
3
Davos
2
3. tempo
(2-1 : 0-1 : 1-0)
La Chaux de Fonds
4
Zugo Academy
1
fine
(2-0 : 0-0 : 2-1)
Kloten
7
Sierre
0
3. tempo
(1-0 : 4-0 : 2-0)
BUF Sabres
6
PHI Flyers
3
fine
(4-2 : 1-0 : 1-1)
BOS Bruins
3
WIN Jets
2
2. tempo
(2-2 : 1-0)
la-polizia-birmana-spara-sui-manifestanti-grave-una-19enne
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

Siria: oltre 90 morti negli scontri tra Isis e curdi

Il bollettino arriva dopo tre giorni di combattimenti nel nord-est del Paese
Germania
9 ore

Merz eletto presidente Cdu con quasi 95% voti

L’avvocato finanziario, 66 anni, succede ad Armin Laschet
Estero
11 ore

Onu, riformare il sistema economico tra le priorità del 2022

Per il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, è necessario sconfiggere la pandemia e rivedere le regole della finanza mondiale
Stati Uniti
12 ore

California, Schwarzenegger coinvolto in incidente auto

L’incidente, che ha coinvolto quattro auto, è avvenuto a Brentwood (Los Angeles). Una donna è rimasta leggermente ferita, l’attore invece illeso
italia
17 ore

Quirinale, istruzioni per l’uso

Chi vota il presidente della Repubblica italiana e come. Record, stranezze e nomi improbabili, dalla moglie di Massimo D’Alema a Ezio Greggio
cile
1 gior

La nipote di Allende ministra a 50 anni dal golpe

La rivincita di Maya. Tante donne nei posti chiave del governo
usa-russia a ginevra
1 gior

Mosca provoca: “Via la Nato da Romania e Bulgaria”

L’incontro in Svizzera è l’ennesimo nulla di fatto. Il Cremlino insiste sulle sue posizioni intransigenti legate alla situazione in Ucraina
Estero
1 gior

‘Fermate lo sterminio di criceti’, bufera ad Hong Kong

La infezioni legate ai roditori potrebbero contenere una nuova mutazione del virus, giustificando l’abbattimento di migliaia di animali domestici
Estero
1 gior

Bagno di sangue nello Yemen

Un bombardamento saudita ha provocato la morte o il ferimento di oltre 200 persone
09.02.2021 - 19:390

La polizia birmana spara sui manifestanti: grave una 19enne

Le proteste continuano e il regime aumenta la repressione. Venerdì sessione straordinaria del Consiglio per i diritti umani dell'Onu

a cura de laRegione

Dopo le minacce del regime golpista, in Birmania si è cominciato a usare la forza. Nella capitale Naypyidaw, la polizia ha cercato di disperdere migliaia di manifestanti con idranti e proiettili di gomma causando feriti, tra cui una ragazza in condizioni critiche. Con gli assembramenti di oltre cinque persone ormai fuori legge e un coprifuoco notturno anche a Yangon e Mandalay, è chiaro che la giunta militare sta perdendo la pazienza di fronte a una reazione popolare che non accenna a placarsi. Le scene più violente si sono viste in mattinata a Naypyidaw, la capitale costruita negli ultimi anni della dittatura su scala talmente vasta da rendere impossibili assembramenti intorno ai palazzi del potere. Vista l'inutilità degli idranti già usati ieri per disperdere la protesta, la polizia è passata ai proiettili di gomma. Ma una ragazza di 19 anni è ricoverata in gravissime condizioni dopo essere stata raggiunta da un proiettile vero, sparato - si vede in un video rilanciato sui social media - mentre era lontana centinaia di metri dai poliziotti. In un altro video, girato a Mandalay, si vede la polizia sparare in aria per intimidire la folla.

Azioni brevi e isolate, non una repressione con la forza su larga scala: ma chiari segnali che gli animi si sono surriscaldati. Il ferimento della donna ha provocato un'ondata di condanne sui social media, dove ora i toni dei simpatizzanti della protesta sono oggi meno di derisione e più di rabbia verso i militari, con hashtag di appelli al mondo come 'Ascoltate la nostra voce'. È chiaro che il messaggio in tv ieri del generale golpista Min Aung Hlaing non ha calmato gli animi, anzi: il Paese si sta avvicinando di fatto allo sciopero generale contro il golpe, con diverse categorie professionali - medici, ingegneri, avvocati - che partecipano compatte alla protesta.

Sui social media sono state diffuse immagini anche di almeno cinque poliziotti che passano dalla parte dei manifestanti. Impossibile prevedere le mosse successive di un esercito abituato a comandare da oltre mezzo secolo e con una smisurata visione di sé come garante dell'unità nazionale. Una protesta partita in sordina sui social network è diventata ora un movimento nazionale che respinge il ritorno al passato e la cancellazione del trionfo elettorale della Lega nazionale per la democrazia di Aung San Suu Kyi.

Di certo i militari finora non hanno mostrato l'intenzione di dare ascolto alle condanne internazionali né di accettare un dialogo: gli Stati Uniti si sono visti respingere la richiesta di parlare con Suu Kyi, detenuta assieme ad altri 160 politici e critici di spicco della società civile. Nel frattempo le reazioni straniere diventano più decise: oggi la Nuova Zelanda ha deciso di rompere le relazioni diplomatiche, e l'Onu ha condannato l'uso della forza contro i manifestanti, oltre a invitare gli altri Paesi ad "esortare la Birmania al ritorno alla democrazia". Il Consiglio per i diritti umani dell'Onu terrà una sessione straordinaria questo venerdì. Da più parti si iniziano a invocare sanzioni economiche, la stessa politica adottata per quasi due decenni dall'Occidente durante la dittatura. Prima che vengano prese decisioni diplomatiche, però, c'è una situazione nelle città del Paese che rischia di diventare sempre più caotica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved