birmania-protesta-nel-sangue-almeno-18-manifestanti-uccisi
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’

Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della polizia italiana. Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici
Francia
2 ore

Francia, Elisabeth Borne è la prima donna premier dopo 30 anni

La ministra del Lavoro è stata nominata oggi dal presidente Macron. Succede a Jean Castex appena dimessosi
Stati Uniti
2 ore

Il killer di Buffalo ha risparmiato un cliente bianco scusandosi

La scena è stata immortalata nel video pubblicato su Twitch (poi rimosso) da Payton Gendron, il 18enne suprematista autore della strage a sfondo razziale
Confine
3 ore

Como, investimenti per 44 milioni nel teleriscaldamento

L’investimento verrà effettuato da Varese Risorse. I consumi energetici verranno ridotti del 38,7% e le emissioni di anidride carbonica del 32,5%
Estero
3 ore

Francia, si è dimesso il premier Castex, pronta Elisabeth Borne

Pochi dubbi sull’imminente nomina a primo ministro dell’attuale ministra del Lavoro, che sarebbe la prima donna in carica dopo 30 anni
Estero
3 ore

Crisi Covid in Corea del Nord, Kim Jong-Un mobilita l’Esercito

Il leader nordcoreano ha contestato la reazione del suo gabinetto e ordinato la mobilitazione di medici ed attrezzature sanitarie dell’Esercito popolare
Estero
4 ore

Abusi in coppia su 13enne, condannata attrice di Doctor Strange

Zara Phythian e il marito Vitkor Marke sono stati condannati a 8 e 14 anni di carcere per aver abusato di una ragazza adolescente
Estero
5 ore

La Svezia farà richiesta di adesione alla Nato

Lo ha comunicato la premier Magdalena Andersson. Quasi tutti i partiti svedesi hanno dato il loro appoggio. Contrari Sinistra e Verdi
Estero
6 ore

Somalia, partner internazionali salutano il nuovo presidente

L’elezione di ieri di Hassan Sheickh Mohamud è avvenuta dopo mesi di instabilità politica e attacchi di matrice jihadista, a cui si aggiunge la siccità
28.02.2021 - 20:15

Birmania: protesta nel sangue, almeno 18 manifestanti uccisi

Le forze di sicurezza sono intervenute sparando proiettili veri contro folle pacifiche a Rangoon, Dawei, Mandalay, Myeik, Bago e Pokokku

Ats, a cura de laRegione

A un mese dal golpe, in Birmania la repressione armata delle proteste non si ferma. Oggi è stato il giorno più drammatico: almeno 18 manifestanti sono stati uccisi dalle forze di sicurezza in diverse città del Paese, teatro di proteste che neanche una nuova ondata di arresti e il crescente uso della forza riescono a fermare.

Insensibile alle pressioni internazionali, dopo settimane di graduale inasprimento della sua risposta alle manifestazioni, la giunta militare mostra di non aver esitazioni a uccidere manifestanti pacifici.

Secondo l'Ufficio per i diritti umani dell'Onu, le forze di sicurezza sono intervenute sparando proiettili veri contro folle pacifiche a Rangoon, Dawei, Mandalay, Myeik, Bago e Pokokku. Sui social media girano video di poliziotti anti-sommossa che sparano verso gruppi di manifestanti disarmati, nonché scene di guerriglia urbana con esplosioni e gas lacrimogeni. Con la repressione odierna, sono salite ad almeno 22 le persone uccise dal primo febbraio, quando le forze armate del generale Min Aung Hlaing hanno preso il potere destituendo il governo di Aung San Suu Kyi.

Morti e feriti in varie città, in manifestazioni che durano ormai da oltre tre settimane, confermano che la protesta del 'Movimento di disobbedienza civile' continua imperterrita nonostante almeno 1200 arresti prima di politici, poi di manifestanti e anche di giornalisti. È una protesta fatta innanzitutto da giovani, che si sentono depredati di un futuro dopo un decennio di nascente, seppur imperfetta, democrazia.

Il dissenso corre veloce su Internet, ma i toni irriverenti degli inizi sono ora più disperati man mano che il regime intensifica la repressione. Intere categorie professionali e dipendenti pubblici in ogni settore sono in sciopero, con l'effetto di mettere in ginocchio l'economia. Messi in imbarazzo da una risposta della popolazione che probabilmente non avevano previsto, il timore è che i militari decidano di calare un pugno ancora più duro.

La pressione internazionale non sembra finora avere alcuna influenza su Min Aung Hlaing. Due giorni fa, all'Onu, è stato lo stesso ambasciatore birmano Kyaw Moe Tun a sostenere la causa della protesta, esortando il mondo a utilizzare "ogni mezzo necessario per agire" e alzando persino le tre dita simbolo del dissenso. In risposta, i media statali birmani hanno annunciato oggi che il diplomatico è stato rimosso dall'incarico.

Domani, intanto, è prevista la seconda udienza del processo contro Suu Kyi, accusata di importazione illegale di sei walkie-talkie e di aver violato le disposizioni di sicurezza relative al coronavirus. Accuse farsesche, che potrebbero costare però alla Signora fino a tre anni di reclusione, con conseguente esclusione dalle prossime elezioni - sempre che i militari non si rimangino l'impegno a tenerle tra un anno - e possibile scioglimento della sua Lega nazionale per la democrazia. Suu Kyi è detenuta nella sua residenza nella capitale Naypyidaw, e dal giorno del golpe non è mai apparsa in pubblico. Rinchiusi nel loro bunker sotto gli occhi scandalizzati della popolazione e del mondo, i militari finora non sembrano disposti a retrocedere. I morti di ieri per contro dimostrano che la cruenta strada della dittatura militare è ormai tracciata.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aung san suu birmania min aung hlaing
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved