laRegione
minacce-a-biden-e-harris-nuovo-allarme-fbi
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
REGNO UNITO
1 ora

Pene fino a 27 anni per i responsabili del ‘tir della morte’

Avevano causato la morte per soffocamento di 39 vietnamiti trasportati in Gran Bretagna nel rimorchio frigorifero sigillato d'un camion
Estero
2 ore

TikTok bloccato in Italia per gli utenti d’età non verificata

Lo ha disposto il Garante per la protezione dei dati dopo la morte di una bimba di 10 anni a Palermo per una sfida sul social amato dai giovanissimi
Estero
2 ore

Le varianti del coronavirus continuano a preoccupare

Boris Johnson paventa una maggiore pericolosità della cosiddetta variante inglese, ancora da confermare. Più in generale ogni mutazione può comportare nuove sfide
Estero
4 ore

Lunedì l'impeachment di Trump arriva in Senato

Martedì alle 13 ora di Washington, quindi, l'aula del Senato potrebbe già trasformarsi in un aula di tribunale pronta a processare l'ex presidente
Estero
4 ore

Biden alza a 15 dollari il salario minimo federale

Tra i primi decreti anche un aumento degli aiuti alimentari e il congedo d'emergenza retribuito, nonché il ripristino dei diritti della contrattazione collettiva
Confine
4 ore

La Lombardia torna arancione. Dati errati o sovrastima?

Scontro sui dati. Secondo Roma, forniti dati errati dalla Regione, che con Fontana ribatte: dati corretti, l'Istituto superiore sanità ha sovrastimato l'Rt
ITALIA
4 ore

Il suprematista che voleva uccidere ebrei, donne, neri e gay

Tra le accuse l'associazione con finalità di terrorismo. Puntava a colpire nelle scuole e si ispirava ai fatti di Utoya e Christchurch.
Stati Uniti
12.01.2021 - 19:550

"Minacce a Biden e Harris", nuovo allarme Fbi

"Non ho paura di giurare all'aperto", così il presidente eletto ha liquidato le minacce

Sarà un 20 gennaio blindato a Washington e nelle altre capitali americane. Il susseguirsi di allarmi lanciati dall'Fbi in vista della cerimonia di insediamento di Joe Biden e Kamala Harris fa sprofondare l'America in un clima di paura.

Mentre continua la caccia all'uomo a livello nazionale per arrestare i violenti che il 6 gennaio hanno assaltato il Congresso, gli agenti federali stanno perlustrando la rete per anticipare eventuali pericoli e si preparano a giornate di fuoco, con lo spettro di nuovi attacchi da parte di milizie armate.

Minacce sono state rinvenute nei confronti di Biden, Harris e della speaker della Camera Nancy Pelosi. "Non ho paura di giurare all'aperto", le ha liquidate il presidente eletto, che come da tradizione intende prestare giuramento sui gradini del Congresso. Insieme a lui ci saranno gli ex presidenti Barack Obama, George W. Bush e Bill Clinton. Il pubblico sarà ridotto all'osso fra il Covid e il timore di proteste violente, con l'attuale inquilino della Casa Bianca Donald Trump che ha approvato lo stato di emergenza per Washington e la sindaca Muriel Bowser che ha invitato a stare alla larga.

Deputati e senatori del Congresso sono in allerta, consapevoli di essere nel mirino di possibili agguati. I democratici della Camera sono stati informati e aggiornati su tre possibili scenari e tre possibili manifestazioni. Il primo è relativo alla "più grande protesta armata mai avvenuta sul suolo americano". Il secondo riguarda una manifestazione in onore di Ashli Babbitt, la sostenitrice di Trump uccisa in Congresso. Il terzo è quello che più preoccupa le forze dell'ordine e Capitol Hill: un gruppo di estremisti potrebbe formare un perimetro intorno al Campidoglio, alla Casa Bianca e alla Corte Suprema per bloccare l'ingresso dei democratici, anche uccidendoli se fosse necessario, in modo che i repubblicani possano prendere il controllo del governo.

L'allerta è alta non solo a Washington ma in tutte le capitali degli Stati americani, dove la sicurezza è stata rafforzata per paura delle proteste di gruppi organizzati armati fra il 16 e il 20 gennaio. Le due date di allarme maggiore sono quelle di domenica 17, identificata anche da Twitter quando ha sospeso Trump, e martedì 20, il giorno del passaggio formale di testimone a Biden. Aleggia sui timori di sicurezza lo spettro Trump. Non parteciperà alla cerimonia di insediamento e dovrebbe essere a Mar-a-Lago, in Florida, ma questo non rassicura. Preoccupa infatti l'ipotesi che possa sfidare tutti, anche l'impeachment, e organizzare un comizio in grado di alimentare e fomentare i suoi sostenitori con effetti potenzialmente devastanti.

© Regiopress, All rights reserved