germania-chiuso-il-piu-grande-mercato-illegale-su-darknet
(Keystone)
Estero
12.01.2021 - 11:320
Aggiornamento : 16:01

Germania: chiuso il più grande mercato illegale su darknet

Il gestore, un australiano di 34 anni, è stato fermato nel week-end al confine fra Danimarca e Germania

Il "più grande" sito di vendita di droga, carte false e denaro falso, ospitato sulla Darknet, è stato smantellato. Il suo presunto responsabile è stato arrestato, ha annunciato martedì la procura di Coblenza (Germania).

Il presunto operatore di "DarkMarket", presentato dagli investigatori come il "più grande" punto vendita sul web clandestino, un australiano di 34 anni, è stato arrestato questo fine settimana al confine tra Germania e Danimarca, ha dichiarato il pubblico ministero in una dichiarazione.

"Sono stati sequestrati anche più di 20 server in Moldavia e Ucraina", ha aggiunto l'ufficio del procuratore, dopo aver indagato per "mesi" sul caso con la polizia del dipartimento centrale di indagine penale di Oldenburg. Sono state coinvolte anche le forze di polizia di diversi paesi, come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Danimarca, la Moldavia e l'Ucraina.

La piattaforma è stata smantellata lunedì dopo la chiusura dei server, secondo la procura di Coblenza.

Prima sul mercato

Secondo gli investigatori, DarkMarket era "probabilmente il più grande mercato del mondo sulla Darknet, con quasi 500.000 utenti e più di 2.400 venditori".

"In totale sono state effettuate almeno 320.000 transazioni", regolate in crittografia Bitcoins e Monero. Secondo l'ufficio del pubblico ministero di Coblenza, il valore totale di queste transazioni potrebbe ammontare a 140 milioni di euro. Questa piattaforma è stata "utilizzata principalmente per la vendita di droghe di tutti i tipi", ha detto il pubblico ministero. "Vi si vendevano anche denaro falso, dati di carte di credito rubati o falsificati, carte SIM anonime" e virus informatici.

L'ufficio del procuratore avverte che i dati sequestrati dovrebbero ora consentire di aprire nuove piste investigative a commercianti, moderatori e clienti.

Bunker Clandestino

Lo smantellamento di questo mercato sotterraneo è legato al blitz del settembre 2019 in Germania contro una grande quantità di servizi illegali di darknet chiamati "Cyberbunker", ha detto il pubblico ministero.

Questo datacenter illegale, installato in un ex bunker della NATO nella campagna della Renania-Palatinato (ovest), è sospettato di aver ospitato diverse piattaforme di vendita di droga ma anche server utilizzati per il traffico di immagini pedopornografiche o per attacchi informatici.

In Germania è in corso un processo per giudicare i reati dei proprietari del "Cyberbunker". Tra gli imputati ci sono quattro olandesi, tre tedeschi e un bulgaro.

L'epidemia di Covid-19 ha portato a una riorganizzazione del traffico di droga, con un'accelerazione nell'uso delle transazioni sulla dark net, ha preso atto dell'ultimo rapporto annuale dell'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze. In un'altra operazione internazionale contro la darknet a settembre, soprannominata "Disruptor", 179 persone sono state arrestate in sei paesi per traffico di droga e altri reati, mentre sono stati sequestrati circa 500 chili di droga e 6,5 milioni di dollari in contanti e criptodenaro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved