ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
9 ore

Minaccia terroristica: chiude l’ambasciata svizzera ad Ankara

Un portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri ha parlato di informazioni concrete di pericolo di attentati
Estero
10 ore

Protagonista del Ticinogate, Gerardo Cuomo di nuovo arrestato

Nel 2001 era stato al centro di uno scandalo di corruzione. Più volte nel mirino delle inchieste per contrabbando di sigarette, è stato fermato a Bologna.
stati uniti
11 ore

La Fed alza i tassi dello 0,25%, mai così alti dal 2007

La Federal Reserve parla di mossa appropriata in vista degli obiettivi massima occupazione e inflazione al 2%
russia
11 ore

Il ritorno di Stalin, un busto a Volgograd

Nell’ottantesimo anniversario della battaglia di Stalingrado, tra storia e propaganda
la guerra in ucraina
12 ore

Gli Stati Uniti pronti a fornire missili più potenti a Kiev

Pure Netanyahu valuta l’invio di armi a Zelensky, e intanto si offre come mediatore con Mosca
stati uniti
12 ore

NIkki Haley sfida Trump alla Casa Bianca

Atteso per il 15 febbraio l’annuncio ufficiale dell’ex ambasciatrice all’Onu. Intanto l’Fbi torna dall’ex presidente per i documenti top secret
stati uniti
12 ore

Afroamericano in sedia a rotelle ucciso dalla polizia

Shock a Los Angeles,10 colpi contro l’uomo con le gambe amputate
Estero
15 ore

Con un vitello sulla Piazza Rossa, 13 giorni di carcere

La giovane fermata a Mosca, attivista per i diritti degli animali, condannata per aver resistito all’arresto: sulla Piazza è vietata ogni manifestazione
Confine
17 ore

Verso l’Italia con una pistola e 11mila euro, fermato a Brogeda

A carico del conducente di un’autovettura è scattata la segnalazione e il sequestro dell’arma, oltre alla contestazione per la valuta non dichiarata
Stati Uniti
20 ore

Colpo partito sul set di Rust, incriminato formalmente Baldwin

L’attore sparò con una pistola di scena convinto che fosse caricata a salve e colpì la direttrice della fotografia.
Estero
21 ore

Il Senato italiano approva l’accordo fiscale sui frontalieri

Unanimità quasi totale, con un solo astenuto e nessun voto contrario: passa ora alla Camera dove il sì appare scontato. Discusso anche il nodo telelavoro
21.12.2020 - 21:30

Navalny dice che gli hanno avvelenato le mutande

Il dissidente russo avrebbe ottenuto con una telefonata la prova inconfutabile del tentativo di omicidio al quale è sopravvissuto ad agosto.

Ansa, a cura de laRegione
navalny-dice-che-gli-hanno-avvelenato-le-mutande
Navalny (Keystone)

Aleksey Navalny afferma di aver ottenuto una prova inconfutabile delle responsabilità del Cremlino e dei suoi servizi segreti nell'avvelenamento che l'ha tenuto a lungo in bilico tra la vita e la morte. A fornirgli la chiave del misterioso avvelenamento sarebbe stato proprio un ufficiale dell'Fsb cadendo in pieno nel tranello telefonico tesogli dall'avversario numero uno di Vladimir Putin. L'agente non solo avrebbe di fatto confessato l'operazione ordita dall'intelligence per far fuori il dissidente, ma avrebbe suggerito che la tossina potrebbe essere stata applicata sulle mutande dell'oppositore. In serata, l'Fsb ha però bollato la telefonata di Navalny come "un falso" .

Fatto sta che Navalny ha pubblicato su internet un video in cui racconta di aver telefonato ad alcuni agenti del servizio russo erede del Kgb sospettati di essere coinvolti a diverso titolo nel suo caso. A due di questi si è presentato con una falsa identità, quella di Maxim Ustinov: un inesistente aiutante del segretario del Consiglio di sicurezza Nikolai Patrushev, un fedelissimo di Putin e di certo tra le persone più potenti della Russia. Colto alla sprovvista, dopo qualche tentennamento Konstantin Kudryavtsev avrebbe abboccato. Almeno questo è quello che racconta Navalny, che dice di aver effettuato la chiamata alle sei del mattino occultando il proprio numero e facendo apparire al destinatario un'utenza simile a quelle usate dai servizi segreti. Navalny ha messo in rete una registrazione audio, un video e una trascrizione della telefonata. Resta però impossibile confermare l'identità della persona che risponde all'altro capo del telefono per ben 49 minuti.

L'oppositore russo si è sentito male il 20 agosto ed è collassato su un aereo in volo tra Tomsk e Mosca. Pensando apparentemente di parlare con un superiore incaricato di redigere un rapporto sul caso, il presunto Kudryavtsev dice che se quel giorno i piloti dell'aereo su cui volava l'oppositore non avessero effettuato l'atterraggio di emergenza così velocemente e se gli operatori sanitari non fossero intervenuti tanto prontamente, "il risultato sarebbe stato diverso". Navalny insomma sarebbe morto. Sarebbe stato questo il vero obiettivo del Cremlino: uccidere il dissidente, non intimidirlo. "Ho chiamato il mio assassino. Ha confessato tutto", afferma Navalny su Twitter.

In realtà, l'uomo che viene identificato come Kudryavtsev dice di non aver partecipato all'avvelenamento vero e proprio. Sarebbe stato invece mandato due volte in Siberia per eliminare le possibili tracce del veleno dagli abiti dell'oppositore. Prima di essere ricoverato a Berlino, dov'è ancora in convalescenza, Navalny è stato infatti un paio di giorni in un ospedale di Omsk, la città dove è stato effettuato l'atterraggio di emergenza. Le autorità russe assicurano di non aver trovato veleni su Navalny, ma gli scienziati dell'Opac e laboratori specializzati in Germania, Francia e Svezia hanno rilevato tracce di una micidiale neurotossina sviluppata in Unione Sovietica ai tempi della Guerra fredda: il Novichok. Ed è su questo punto che il supposto Kudryavtsev sembra tirar fuori una novità inedita. Quando il falso alto funzionario (cioè Navalny) gli domanda dove ci si possa aspettare una più alta concentrazione di residui della tossina, il presunto esperto di armi chimiche dell'Fsb suggerisce l'interno delle mutande del blogger anti-Putin, e in particolare le cuciture nella zona inguinale. Sulla base di queste affermazioni, la testata investigativa Bellingcat suppone che il veleno sia stato messo nelle mutande come spray o unguento, o quando Navalny non era nella sua camera d'albergo a Tomsk oppure approfittando del servizio di lavanderia dell'hotel.

Putin ha assicurato che lo Stato russo non ha nulla a che vedere con il caso Navalny: se i servizi segreti di Mosca avessero voluto davvero avvelenare il dissidente - ha detto qualche giorno fa con una risatina - avrebbero "portato la questione fino in fondo". La nuova inchiesta però rafforza inevitabilmente i sospetti sul Cremlino.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved