accordo-per-un-cessate-il-fuoco-nel-nagorno-karabakh
Keystone
Proteste nella capitale armena Erevan
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Coronavirus, impennata di casi a livello mondiale

Secondo l’ultimo bollettino dell’Organizzazione mondiale della sanità, il picco maggiore lo si è registrato nel Mediterraneo orientale (+47%)
Estero
1 ora

‘In Italia sarà un’estate senza restrizioni Covid’

Lo afferma il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, che non pensa verranno introdotte nuove misure.
Confine
3 ore

Como, via i posteggi per assessori e consiglieri comunali

È stato il primo atto del sindaco Rapinese. Gli stalli sono ora riservati ai cittadini che si presentano in Municipio per sbrigare pratiche.
Belgio
4 ore

Salmonella nel cioccolato: stop alla produzione a Wieze

Lo annuncia il colosso della lavorazione di cacao Barry Callebaut. Sospesa anche la vendita di prodotti finiti
Stati Uniti
6 ore

Cento milioni di vaccini in vista dell’autunno

Coronavirus, gli Stati Uniti giocano d’anticipo e fanno ‘spesa’. Il contratto include dosi per adulti e dosi per bambini
Ucraina
6 ore

L’Aiea perde nuovamente il contatto con Zaporizhzhya

Saltata la connessione remota con i sistemi di sorveglianza della centrale nucleare. Grossi: ‘Ancora più necessaria una visita alla struttura’
Estero
18 ore

Stragi di Parigi, Salah Abdeslam condannato all’ergastolo

Per l’unico superstite dei commando kamikaze autori delle stragi jihadiste del 2015 nessuna possibilità di riduzioni né di sconti di pena
Estero
18 ore

Usa, Trump nei guai dopo rivelazioni su assalto Capitol Hill

L’assistente dell’ex chief of staff lo ha accusato di aver istigato i suoi fan a marciare per ribaltare il voto pur sapendo che alcuni erano armati
Estero
18 ore

Israele: Bennett non parteciperà a prossime elezioni

Il leader di Yamina ha spiegato che resterà ‘per quanto sarà necessario’ premier alternato a fianco dell’attuale ministro degli esteri Yair Lapid
Estero
1 gior

Finlandia e Svezia nella Nato: avviata la procedura

Durante il vertice in corso a Madrid è stato inoltre deciso un nuovo concetto strategico per l’alleanza militare
Confine
1 gior

Parcheggio stazione unica a Camerlata, lo scandalo prosegue

Promessa da mesi l’apertura, ma l’area di sosta si fa ancora attendere. Ora la nuova scadenza annunciata parla di luglio
Estero
1 gior

Biden annuncia più forze Usa in Europa

Il presidente degli Stati Uniti lo ha comunicato oggi aprendo il summit Nato a Madrid
Estero
1 gior

Johnson: ‘Se Putin fosse donna non avrebbe attaccato l’Ucraina’

Il primo ministro britannico ha descritto la guerra come un ‘perfetto esempio di mascolinità tossica’
Armenia/Azerbaigian
10.11.2020 - 08:14
Aggiornamento: 11.11.2020 - 15:26

Accordo per un cessate il fuoco nel Nagorno-Karabakh

Il premier armeno: intesa ‘dolorosa’. Il presidente azero: per l’Armenia è una ‘capitolazione’. Truppe russe e turche dispiegate nella regione.

Erevan – Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha dichiarato di aver firmato un accordo "doloroso" per mettere fine ai combattimenti nel Nagorno-Karabakh. In un comunicato diffuso nella notte su Facebook ha scritto: "Ho firmato una dichiarazione con i presidenti di Russia e Azerbaigian sulla fine della guerra nel Nagorno-Karabakh" definendo l'iniziativa "incredibilmente dolorosa per me e per il nostro popolo".

Il premier armeno ha detto che l'accordo entra in vigore alle 01.00 di martedì ora locale ponendo così fine a sei settimane di feroci scontri nella regione contesa che hanno causato centinaia di morti.

"Ho preso questa decisione alla luce di un'analisi approfondita della situazione militare", ha detto il premier dopo che gli azeri hanno ottenuto un significativo vantaggio nei combattimenti con le forze sostenute dagli armeni. "L'intesa era la migliore soluzione di fronte attuale situazione", ha aggiunto.

L'annuncio dell'accordo è giunto dopo che il presidente azero Ilham Aliyev ha annunciato che i suoi uomini avevano preso il controllo della città chiave di Sushi strappandola ai separatisti del Nagorno-Karabakh.

Putin: cessate il fuoco

Armenia e Azerbaigian hanno raggiunto un accordo per un totale cessate il fuoco in Nagorno-Karabakh. Lo ha dichiarato e ribadito anche il presidente russo Vladimir Putin.

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan e il presidente azero lham Aliyev - ha detto Putin - hanno firmato una dichiarazione per un "totale cessate il fuoco nel Nagorno-Karaback, zona di conflitto" a partire dalla mezzanotte di martedì, ora di Mosca, (21 GMT).

Proteste a Erevan

Una folla di manifestanti arrabbiati per l'intesa appena firmata da Armenia e Azerbaigian sul cessate il fuoco nella contesa regione del Nagorno-Karabakh, ha invaso la sede del governo armeno a Erevan saccheggiando gli uffici e frantumando i vetri delle finestre. Lo ha riferito un giornalista dell'agenzia di stampa francese Afp.

Migliaia di persone si erano radunate all'esterno dell'edificio che ospita il governo e poche centinaia hanno fatto irruzione dopo l'annuncio del raggiunto accordo da parte del premier armeno Nikol Pashinyan.

Una folla di manifestanti ha anche preso il controllo del Parlamento armeno nelle prime ore del mattino. La situazione è poi tornata a una relativa calma, anche se alcuni manifestanti sono ancora nell'edificio. Il presidente del parlamento Ararat Mirzoyan è stato aggredito e picchiato. Il primo ministro Nikol Pashinyan ha invitato i manifestanti a tornare a casa, scrivendo su Facebook: "In questo momento difficile dobbiamo stare fianco a fianco".

Centinaia di persone hanno fatto irruzione all'interno del parlamento armeno poco dopo l'annuncio dell'accordo, occupando i seggi dei parlamentari e gridando "dimettetevi!" e "fuori!". Ne sono seguiti risse e violenti scontri verbali tra i manifestanti che cercavano di salire sul podio per parlare e alcuni deputati che tentavano di metterli a tacere. I pochi poliziotti presenti non sono riusciti a contenere la rabbia, sfogata in scontri e atti vandalici nei corridoi e negli uffici.

Costretti a firmare

Il presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev ha detto che l'accordo di cessate il fuoco equivale a una "capitolazione" da parte dell'Armenia.

"L'abbiamo costretto a firmare questo documento", ha detto Aliyev riferendosi al primo ministro armeno Nikol Pashinyan in un discorso televisivo. "Questa è sostanzialmente una capitolazione". Aliyev ha detto che l'accordo è di "importanza storica", e che dà all'Armenia un breve lasso di tempo per ritirare le truppe dal Nagorno-Karabakh. La Russia e la Turchia, alleato dell'Azerbaigian, sarebbero stati coinvolti nell'attuazione del cessate il fuoco.

Contingente di pace

La Russia, in accordo con l'intesa firmata da Putin e i leader di Azerbaigian e Armenia, ha cominciato a dispiegare il suo contingente di peacekeeping nel Nagorno-Karabakh, a partire dalle sei di questa mattina, in contemporanea con il ritiro delle forze armate armene". Lo fa sapere il ministero della Difesa russo, citato dalla Tass.

"Le forze armate della Repubblica dell'Azerbaigian e della Repubblica d'Armenia rimarranno sulle posizioni che ricoprono attualmente, lungo la linea di contatto nel Nagorno-Karabakh", ha sottolineato Putin spiegando i termini dell'intesa.

Il presidente azero Ilham Aliyev ha detto che non solo le forze di pace russe ma anche quelle turche saranno dispiegate nel Nagorno-Karabakh. "Il contingente di mantenimento della pace in Karabakh sarà rappresentato sia dai militari russi che da quelli turchi", ha detto, citato dalla Tass.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved