laRegione
Nuovo abbonamento
strali-cinesi-su-trump-per-la-messa-al-bando-di-tiktok-e-wechat
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
35 min

Coronavirus, Spagna riduce la quarantena in caso di contatto

Nonostante l'aumento di vittime e casi e l'imposizione di lockdown mirati in diverse zone del Paese, Madrid ha deciso di ridurre da 14 a 10 giorni la quarantena
Estero
43 min

Capa risorse umane di Charlie Hebdo minacciata

La responsabile Hr della rivista satirica è stata costretta a lasciare la sua casa dopo 'minacce precise e dettagliate alla sua scorta'
Estero
12 ore

Cala la tensione tra Grecia e Turchia

Annunciato 'colloqui esplorativi' tra i due paesi dopo le tensioni nate dal contenzioso sui confini marittimi
Estero
12 ore

Trump conferma: sabato la nomina per la Corte Suprema

Il presidente vuole assicurarsi la fedeltà dei giudici che dvranno ratificare il risultato delle presidenziali
Estero
12 ore

La Francia torna sopra i 10'000 casi positivi

Nuova impennata nelle ultime 24 ore, col tasso di positività che sale per la prima volta oltre il 6%
Estero
12 ore

Trump all'Onu trascina Pechino sul banco degli accusati

Il presidente Usa utilizza l'Assemblea generale come il palco di un comizio: il virus è cinese
Estero
15 ore

La Nasa vuole tornare sulla luna nel 2024

Un piano da 28 miliardi di dollari esteso alla collaborazione con i privati
Estero
16 ore

Il rogo di Bobcat più esteso della città di Denver

Sono ancora 25 gli incendi che devastano la California, continuano le evacuazioni
Confine
16 ore

Bulli contro Don Giusto, accuse per tre giovani

Rapina, lesioni e ricettazione i reati avanzati dal pm Massimo Astori nei confronti di due 21enni e un 22enne
Estero
07.08.2020 - 20:390

Strali cinesi su Trump per la messa al bando di TikTok e WeChat

TikTok minaccia azioni legali. Il ministero degli esteri: repressione politica. Ma il presidente americano si fa forte dell’appoggio del Congresso.

Washington – Donald Trump usa la clava contro Pechino e firma due ordini esecutivi che, evocando rischi per la sicurezza nazionale, vietano tra 45 giorni qualsiasi transazione da parte di persone o entità soggette alla giurisdizione statunitense con le app cinesi TikTok e WeChat, di proprietà rispettivamente di ByteDance e di Tencent.

Un modo di fatto per costringere alla vendita di TikTok, già in trattative con Microsoft, peraltro ora dichiaratasi interessata ad una acquisizione globale della app (Cina esclusa) con cui debutterebbe nel mondo dei social. Più incerta appare invece la sorte di WeChat. Il magnate ha inoltre colpito il Dragone anche con le prime sanzioni per sua la stretta su Hong Kong, colpendo la governatrice Carrie Lam e altri dirigenti cinesi.

La mossa di Trump sulle app ha mandato su tutte le furie le due società' cinesi e il governo di Pechino. TikTok si è detta "sconcertata" dal provvedimento, che rischia di "minare la fiducia del mondo del business nell'impegno Usa verso il ruolo della legge", e ha minacciato azione legale. "Perseguiremo tutti i rimedi disponibili per garantire che il ruolo della legge non sia ignorato e che la nostra compagnia e i nostri utenti siano trattati correttamente, se non dall'amministrazione, dai tribunali americani", ha avvisato la società, che conta 800 milioni di utenti, di cui circa 100 milioni in Usa, in gran parte teenager che la usano per condividere brevi video. "Un atto chiaramente egemonico" e di "repressione politica", ha rincarato il portavoce del ministero degli esteri cinese Wang Wenbin. "Col pretesto della sicurezza nazionale, gli Usa abusano frequentemente del potere nazionale e sopprimono senza ragione imprese rilevanti", ha aggiunto.

Il New York Times evoca il rischio di una "ulteriore balcanizzazione della rete internet globale, con nazioni che continuano a escludere società' tecnologiche straniere dai reciproci mercati".

Ma per Trump entrambe le app forniscono al partito comunista cinese un canale per ottenere informazioni personali sugli utenti americani, per controllare i cinesi all'estero e per condurre campagne di disinformazione a vantaggio della Cina. Senza dimenticare la beffa del suo comizio a Tulsa, fatto apparire tutto prenotato proprio grazie alla piattaforma di TikTok.

I decreti del tycoon sembrano aver conseguenze più gravi su WeChat, che per ora non ha alcun pretendente americano. La app è ampiamente diffusa nel mondo, in particolare tra persone di origine cinese, che la usano per comunicare con gli amici, tenersi informati, effettuare transazioni: il bando potrebbe tagliare fuori gran parte delle comunicazioni informali tra le persone che si trovano in Cina e in Usa. Ci sono anche interrogativi se la decisione potrebbe avere conseguenze sulle altre attività legate a Tencent, che è un investitore in molte start-up tecnologiche, social e ludiche americane, da Snap ad Activision Blizzard e ai produttori di Fortnite, Clash of Clans e League of Legends.

In ogni caso Trump è deciso a proseguire la sua guerra fredda con la Cina, appoggiato da un Congresso che al Senato ha già approvato all'unanimità un progetto di legge per bandire TikTok da tutti gli apparecchi forniti dal governo americano ai suoi dipendenti o ai membri del Congresso. Big Tech Usa osserva alla finestra, pronta a cogliere i frutti di questa offensiva.
 

© Regiopress, All rights reserved