laRegione
Nuovo abbonamento
beirut-incendio-in-zona-esplosione
(foto: Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

Erdogan sfida Putin nel Nagorno-Karabakh

Rischia di estendersi lo scontro tra indipendentisti e governativi attorno all'enclave armena in Azerbaigian
Nigeria
7 ore

L'attentato dell'Isis con un asino carico di esplosivo

L'obiettivo (mancato) era il governatore dello Stato del Borno. L'asino bloccava la strada percorsa dal convoglio di auto
Estero
8 ore

La bomba fiscale scoppia in mano a Trump

Il presidente statunitense ha eluso milioni di tasse. Il New York Times: il suo 'impero' è sull'orlo del fallimento
Estero
9 ore

Confermata la condanna del presidente catalano Quim Torra

La Corte Suprema spagnola lo sospende per un anno e mezzo dalle cariche pubbliche. Barcellona andrà al voto anticipato
Estero
10 ore

Allerta in scuole Liverpool, 8'000 studenti isolati

Nel campus della Manchester Metropolitan University sono stati registrati 127 test positivi e oltre 600 in quella scozzese di Glasgow
Spagna
12 ore

Caos al radar spagnolo, collisione sfiorata tra due voli Ryanair

È successo nel 2018, ma lo si è appreso solo ora dal rapporto ufficiale. Ad accorgersi del pericolo, un controllore... francese
Gran Bretagna
12 ore

Londra non fa marcia indietro sulla legge anti-accordo con l'Ue

Il governo britannico non ha intenzione di ritirare l'Internal Market Bill. Comunque i negoziati per un accordo di libero scambio proseguono
Confine
15 ore

Como, un dormitorio intitolato a don Roberto Malgesini

Nel fine settimana è stata lanciata una petizione online indirizzata all'amministrazione comunale lariana
Estero
07.08.2020 - 14:340

Beirut, incendio in zona esplosione

Un incendio al momento di limitate dimensioni si è sviluppato vicino al luogo dell'esplosione. Arrestato il direttore del porto

Un incendio al momento di limitate dimensioni si è sviluppato al porto dei Beirut, vicino al luogo dell'esplosione che ha distrutto una vasta area della città.

Lo apprende il corrispondente dell'Ansa in Libano.

Arrestato il direttore del porto

C'è anche il direttore generale del porto di Beirut, Hassan Koraytem, tra le 16 persone arrestate ieri nell'inchiesta sulle esplosioni che hanno devastato la capitale libanese. Lo rende noto l'Abc citando fonti giudiziarie locali.

La magistratura, inoltre, ha disposto il congelamento dei conti di 7 persone, tra cui lo stesso direttore del porto e il capo della dogana libanese, Badri Daher.

Le autorità hanno interrogato più di 18 funzionari portuali e doganali e altri coinvolti nei lavori di manutenzione del magazzino esploso martedì e 16 sono state messe in custodia.

Il direttore generale del porto e il capo delle dogane, anch'essi agli arresti, mercoledì avevano detto alle emittenti libanesi che diverse lettere erano state inviate nel corso degli anni alla magistratura del paese chiedendo la rimozione di materiale altamente esplosivo immagazzinato nel porto.

Secondo le autorità, quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio, utilizzato per i fertilizzanti, ma anche per costruire bombe, erano state tenute per sei anni senza misure di sicurezza nel magazzino esploso.

Unicef, 80mila bambini sfollati

"Circa 80.000 bambini sono rimasti sfollati a causa delle esplosioni di Beirut, con famiglie colpite in disperato bisogno di aiuto". E' la stima dell'Unicef che sottolinea che "molti bambini hanno subito traumi e rimangono sotto shock".

"Nelle ultime 24 ore, l'Unicef ha continuato a coordinarsi strettamente con le autorità e i partner sul campo per rispondere ai bisogni immediati delle famiglie colpite, concentrandosi sulla salute, l'acqua e il benessere dei bambini", ha dichiarato Violet Speek-Warnery, vice rappresentante dell'Unicef in Libano.

"Sono numerose le segnalazioni di bambini che sono stati separati da membri della famiglia, alcuni dei quali risultano ancora dispersi", aggiunge l'organizzazione. "Almeno 12 strutture sanitarie primarie, centri di assistenza materna, neonatale e per le vaccinazioni a Beirut sono stati danneggiati, con un impatto sui servizi per quasi 120.000 persone; un ospedale pediatrico nella zona di Karantina, che aveva un'unità specializzata nel trattamento dei neonati critici, è stato distrutto. un neonato è morto", aggiunge l'organizzazione.

Cinque delle sette celle frigorifere per i vaccini supportate dall'Unicef sono state distrutte nell'esplosione, con conseguenze sui programmi fondamentali di vaccinazione. Molte scuole hanno riportato danni a Beirut e nell'area circostante, le valutazioni sul livello dei danni sono in corso.

"L'Unicef sta sostenendo le autorità locali e i partner. I nostri team stanno lavorando 24 ore su 24 per fornire alle persone colpite l'assistenza necessaria", ha dichiarato Speek-Warnery.

© Regiopress, All rights reserved