prima-preghiera-musulmana-a-santa-sofia-riconvertita-in-moschea
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 ore

Gran Bretagna, otto mesi per aver morso un poliziotto (cane)

Un 34enne ha aggredito un agente e addentato la testa del police dog che lo accompagnava. L’uomo ha dovuto rispondere di sei capi di imputazione
Estero
7 ore

La Birmania apre a possibili negoziati con Aung San Suu Kyi

La giunta militare vuole porre fine alla crisi politica della nazione e apre alla ex leader, rovesciata e arrestata l’anno scorso con un colpo di Stato
la guerra in ucraina
7 ore

Putin dice sì agli ispettori Aiea, ma blocca ancora Nord Stream

Giornata tesa intorno a Zaporizhzhia, sbloccata dopo una telefonata con Macron: Kiev teme che i russi vogliano scollegare la centrale dalla rete ucraina
Estero
7 ore

Guerra in Ucraina: prima denuncia in Svizzera

Riguarda un fotoreporter ginevrino ferito al volto e all’avambraccio nella regione di Mykolaiv dai soldati russi
Estero
8 ore

Ergastolo per ‘George’, uno dei ’Beatles’ dell’Isis

El Shafee Elsheikh è uno dei quattro militanti membro di una cellula specializzata nella cattura, tortura e decapitazione di ostaggi occidentali in Siria
Confine
9 ore

Donna uccisa a Malnate, arrestato un conoscente

Un 60enne è stato arrestato per l’omicidio della 73enne trovata morta in casa sua a Malnate il 22 luglio
Stati Uniti
12 ore

Paramount continuerà a mettere in onda la Champions League

La società sborserà la bellezza di 1,5 miliardi di dollari per i prossimi sei anni per diffondere le partite oltre Atlantico
Estero
15 ore

Spagna: piloti di easyJet di nuovo in sciopero

Il secondo dei tre scioperi da 72 ore indetto da un sindacato di piloti della compagnia aerea si somma a quello di parte del personale di cabina Ryanair
Estero
16 ore

Frasi sull’Olocausto, Abu Mazen denunciato in Germania

La polizia conferma una denuncia da parte di un nipote di sopravvissuti ai crimini nazisti. Ma c’è il nodo dell’immunità diplomatica
Italia
18 ore

Maxisequestro di marijuana in provincia di Bari

Nella centrale per il confezionamento clandestino, trovati 900 kg di stupefacente. In manette due persone
24.07.2020 - 21:51

Prima preghiera musulmana a Santa Sofia riconvertita in moschea

Dopo 86 anni il richiamo dai minareti, presenti migliaia di fedeli. Erdogan legge il Corano.

Istanbul - Diverse migliaia di musulmani hanno partecipato oggi a Istanbul alla presenza del presidente turco Recep Tayyip Erdogan alla prima preghiera all'interno e nei pressi dell'ex Basilica di Santa Sofia, dopo la sua controversa riconversione da museo in moschea il 10 luglio.

Prima della preghiera, Erdogan - che per l'occasione portava un berretto islamico e aveva bocca e naso coperti da mascherina, come il resto dei presenti - ha recitato alcuni versetti dalle prime sure del Corano, secondo le immagini trasmesse dal telegiornale di Stato TRT.

Il capo della Diyanet, la Direzione turca per gli affari religiosi, Ali Erbas, ha poi tenuto un sermone al termine del quale i quattro minareti di Santa Sofia hanno invitato alla preghiera che segna l'inizio del rito, hanno constatato i giornalisti dell'agenzia di stampa francese Afp.

Erbas ha definito "un momento storico" la prima preghiera islamica svoltasi dopo 86 anni a Santa Sofia riconvertita in moschea.

"Oggi Hagia Sophia riacquista la sua congregazione", ha aggiunto, affermando che "è guarita la ferita aperta" che si era creata e che si tratta di "un luogo in cui la vasta misericordia dell'Islam viene nuovamente mostrata al mondo". E questo perché Santa Sofia rappresenta "un simbolo di rispetto per la fede e la convivenza morale", un simbolo di "pace e tolleranza".

"Oggi è un giorno simile a quello di 70 anni fa, quando 16 muezzin dei 16 minareti della Moschea del Sultano Ahmet, situato proprio di fronte a Hagia Sophia, riempirono di gioia l'aria di Adhan, dopo una pausa di 18 anni - ha detto Erbas - Oggi è il giorno in cui i credenti si alzano in preghiera con lacrime di gioia, si inchinano con sottomissione e si prostrano per fortuna. Oggi è il giorno dell'onore e dell'umiltà".

"Come credenti, il nostro più grande dovere oggi è lavorare per la misericordia e la tolleranza, la pace, la tranquillità e la bontà. Il nostro dovere è quello di lavorare giorno e notte in modo che il bene e la giustizia prevalgano sempre sulla terra. Il nostro dovere è quello di essere garanti della giustizia nelle regioni assediate da crudeltà e ingiustizia, lacrime e impotenza", ha aggiunto Erbas. "Crediamo che la terra sia la nostra casa comune. Crediamo che tutti in questa casa, indipendentemente da convinzioni, razza o colore, abbiano il diritto di vivere in sicurezza, dignità, libertà e umanità", ha aggiunto.

Per questo, "sotto la cupola di Hagia Sophia invito tutta l'umanità ad abbracciare giustizia, pace, compassione ed equità. Vi esorto a promuovere valori universali e principi morali che proteggano l'onore di essere un essere umano. Rivolgendomi al mondo intero, vorrei dire che le porte della Moschea di Santa Sofia saranno aperte a tutti i servitori di Allah, proprio come le moschee di Suleymaniye, Selimiye, Sultan Ahmet (la Moschea Blu, ndr) e altre".

Importante opera architettonica costruita nel VI secolo dai bizantini che vi incoronarono i loro imperatori, Santa Sofia era stata trasformata in moschea dagli ottomani dopo la conquista di Costantinopoli nel 1453, fino alla sua trasformazione in museo nel 1934 dal fondatore della repubblica laica, Mustafa Kemal.

Il 10 luglio Erdogan ha deciso di restituire l'edificio al culto musulmano dopo una decisione del tribunale che ne ha revocato lo statuto di museo.

Gli analisti ritengono che la decisione di Erdogan di riconvertire Santa Sofia in moschea abbia lo scopo di galvanizzare la sua base elettorale conservatrice in un contesto di difficoltà economiche aggravate dalla pandemia di coronavirus.

La Grecia, la vicina Turchia, ha condannato con forza questa misura, definendola una "provocazione al mondo civilizzato".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved