Berna
Losanna
19:45
 
Bienne
Ginevra
19:45
 
Davos
Friborgo
19:45
 
Lakers
Zurigo
19:45
 
Lugano
Langnau
19:45
 
Zugo
Ambrì
19:45
 
Berna
LNA
0 - 0
19:45
Losanna
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 19:13
Bienne
LNA
0 - 0
19:45
Ginevra
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 19:13
Davos
LNA
0 - 0
19:45
Friborgo
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 19:13
Lakers
LNA
0 - 0
19:45
Zurigo
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 19:13
Lugano
LNA
0 - 0
19:45
Langnau
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 19:13
Zugo
LNA
0 - 0
19:45
Ambrì
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 19:13
Keystone
Estero
05.12.2019 - 14:360
Aggiornamento : 15:04

Francia, da Parigi a Marsiglia piazze piene contro Macron

Il Presidente della Repubblica contestato da uno sciopero nazionale contro la riforma delle pensioni, tensioni tra dimostranti e forze dell'ordine a Lione

Decine di migliaia di persone sono già in piazza ai quattro angoli della Francia, in occasione della grande giornata di sciopero nazionale contro la riforma delle pensioni voluta dal presidente Emmanuel Macron.

Mentre si attende il via del corteo parigino - nella capitale blindata per il rischio black bloc la manifestazione parte a metà giornata da Gare du Nord verso Place de la Nation - migliaia di lavoratori francesi, tra cui macchinisti, pompieri, insegnanti, avvocati e camici bianchi hanno già sfilato a Marsiglia, Rennes, Lione, Clermont-Ferrand, Tours, Perpignan, Saint-Nazaire, Besançon, Béziers, Nizza e tante altre città del Paese.

Torna la tensione con i Gilet gialli

Momenti di tensione tra gilet gialli e forze dell'ordine sono stati segnalati a margine della manifestazione di Lione. Dinanzi alla rabbia sociale, Macron è "calmo e determinato a condurre in porto la riforma, in un approccio di ascolto e consultazione", riferisce l'Eliseo, precisando che il premier Edouard Philippe, si "esprimerà verso metà della prossima settimana sull'architettura generale della riforma", annunciata al momento solo per grandi linee ma i cui contenuti restano vaghissimi.

In pratica, Macron intende introdurre un "sistema universale" di pensione a punti, per sostituire i 42 regimi attuali (generale, dei funzionari, privati, speciali, autonomi, complementari). L'esecutivo, che non prevede particolari tagli al bilancio della previdenza né modifiche all'età pensionistica, promette un sistema "più equo e leggibile", mentre gli oppositori temono una "precarizzazione" dei pensionati.

© Regiopress, All rights reserved