Langnau
3
Ambrì
4
fine
(1-2 : 0-0 : 2-1 : 0-0 : 0-1)
Olten
6
Winterthur
3
fine
(3-0 : 2-2 : 1-1)
GCK Lions
5
Ajoie
4
fine
(1-1 : 1-1 : 2-2 : 1-0)
Sierre
3
Ticino Rockets
1
fine
(1-1 : 1-0 : 1-0)
Langnau
LNA
3 - 4
fine
1-2
0-0
2-1
0-0
0-1
Ambrì
1-2
0-0
2-1
0-0
0-1
1-0 LEEGER
5'
 
 
 
 
15'
1-1 HOFER
 
 
16'
1-2 EGRI
2-2 EARL
43'
 
 
 
 
50'
2-3 DAGOSTINI
3-3 DIDOMENICO
59'
 
 
5' 1-0 LEEGER
HOFER 1-1 15'
EGRI 1-2 16'
43' 2-2 EARL
DAGOSTINI 2-3 50'
59' 3-3 DIDOMENICO
Ultimo aggiornamento: 18.10.2019 23:03
Olten
LNB
6 - 3
fine
3-0
2-2
1-1
Winterthur
3-0
2-2
1-1
1-0 KNELSEN
10'
 
 
2-0 REXHA
14'
 
 
3-0 WYSS
16'
 
 
 
 
32'
3-1 BLEIKER
4-1 WEDER
33'
 
 
5-1 WEIBEL
34'
 
 
 
 
35'
5-2 WIESER
 
 
48'
5-3 BRACE
6-3 WEIBEL
57'
 
 
10' 1-0 KNELSEN
14' 2-0 REXHA
16' 3-0 WYSS
BLEIKER 3-1 32'
33' 4-1 WEDER
34' 5-1 WEIBEL
WIESER 5-2 35'
BRACE 5-3 48'
57' 6-3 WEIBEL
Ultimo aggiornamento: 18.10.2019 23:03
GCK Lions
LNB
5 - 4
fine
1-1
1-1
2-2
1-0
Ajoie
1-1
1-1
2-2
1-0
 
 
3'
0-1 THIBAUDEAU
1-1 FUHRER
10'
 
 
2-1 RIEDI
24'
 
 
 
 
35'
2-2 HAZEN
3-2 CHIQUET
41'
 
 
 
 
51'
3-3 HAZEN
 
 
52'
3-4 DEVOS
4-4 RIZZELLO
56'
 
 
5-4 BRAUN
61'
 
 
THIBAUDEAU 0-1 3'
10' 1-1 FUHRER
24' 2-1 RIEDI
HAZEN 2-2 35'
41' 3-2 CHIQUET
HAZEN 3-3 51'
DEVOS 3-4 52'
56' 4-4 RIZZELLO
61' 5-4 BRAUN
Ultimo aggiornamento: 18.10.2019 23:03
Sierre
LNB
3 - 1
fine
1-1
1-0
1-0
Ticino Rockets
1-1
1-0
1-0
 
 
9'
0-1 CAVALLERI
1-1 MONTANDON
19'
 
 
2-1 PRIVET
26'
 
 
3-1 CASTONGUAY
60'
 
 
CAVALLERI 0-1 9'
19' 1-1 MONTANDON
26' 2-1 PRIVET
60' 3-1 CASTONGUAY
Ultimo aggiornamento: 18.10.2019 23:03
Estero
16.09.2019 - 08:120

Elezioni in Tunisia, sfida tra il giurista e il magnate

In attesa dei risultati ufficiali, i primi exit poll registrano l'affermazione di Kais Said, seguito dall'imprenditore nel settore dei media, in carcere con le accuse di riciclaggio e evasione fiscale.

Crolla l'affluenza e si affermano i candidati indipendenti. Questo l'esito del primo turno delle elezioni presidenziali tunisine. In attesa dei risultati ufficiali, i primi exit poll registrano l'affermazione al 19,5% del giurista indipendente Kais Said, seguito al 15,5% dal magnate Nabil Karoui, in carcere con le accuse di riciclaggio e evasione fiscale. Al terzo posto il candidato del partito islamico Ennhadha, Abdelfattah Mourou con l'11,0%, seguito dal ministro della Difesa dimissionario, Abdelkarim Zbidi con il 9,4%, il premier uscente Youssef Chahed con il 7,5%.

È la sconfitta dei partiti tradizionali e la vittoria degli indipendenti, del populismo, di coloro che sono riusciti ad intercettare il malcontento e a riempire il vuoto lasciato dalla famiglia centrista, dalla sinistra e anche dai partiti islamici, tutti incapaci di dare risposte dirette ai bisogni dei cittadini in un periodo di grave crisi economica.

Di fronte ad un'offerta politica mai così varia (24 erano i candidati), scomparsa dal panorama politico tunisino la marcata contrapposizione tra campo islamista e progressista, in un clima di disincanto sociale ed economico, l'elettorato ha premiato dunque i movimenti populisti, i candidati che sono riusciti a creare un contatto diretto con la gente.

In quest'ottica va letto anche il crollo del tasso di partecipazione alle urne (45,2%) che, se da un lato pone la Tunisia al pari delle democrazie più evolute, dall'altro testimonia il rapido distacco dei cittadini dalla politica nell'arco di soli 8 anni dalla cacciata di Ben Alì. Il disincanto e le promesse non mantenute dalla rivoluzione del 2011 hanno fatto sì che gran parte dei giovani senza lavoro non si sia recata alle urne. Il numero esorbitante di candidati potrebbe inoltre aver contribuito al disorientamento degli elettori, dopo una campagna elettorale carente di contenuti, nella quale si è parlato poco di programmi e questioni pratiche.

Kais Said, classe 1958, costituzionalista, indipendente, soprannominato "robocop" per il suo modo forbito di parlare in arabo senza alcuna inflessione, conservatore, è riuscito a parlare alla gente proponendo un programma di misure sociali e diritti per tutti. Si dichiara favorevole alla pena di morte, contrario alla depenalizzazione dell'omosessualità e al progetto di legge sulla parità uomo-donna in tema ereditario, ma "non islamista" per sua stessa ammissione. Propone un programma di risanamento delle istituzioni statali e maggior rigore nell'applicazione delle riforme per una rapida ripresa economica. Esultano intanto al quartier generale di Karoui, considerando il fatto di arrivare al ballottaggio una vittoria.

Karoui, 56 anni, patron di Nessma Tv, ha costruito la sua popolarità percorrendo in lungo e in largo il paese e distribuendo aiuti con la sua associazione caritativa Khalil Tounes, diventando una sorta di catalizzatore di solidarietà sociale. "Karoui ama il popolo, ama i poveri", diceva di lui oggi la gente fuori dai seggi. Per la classe popolare, osservano gli analisti, Karoui non estorce i voti ai poveri ma è uno che tenta di compensare le lacune dello Stato. Uno Stato che non è riuscito a dare a loro ciò che desideravano. La notizia insomma è che a passare al secondo turno sarà un candidato a tutt'oggi ancora in custodia cautelare preventiva, in sciopero della fame per protesta, che si è definito "prigioniero politico" e che ha accusato apertamente l'esecutivo per il suo arresto. Una situazione inedita che fa riflettere anche in Tunisia sui delicati rapporti tra magistratura e politica ma soprattutto sul fatto che proprio il suo arresto alla vigilia della campagna elettorale abbia rappresentato il volano nella sua corsa verso il Palazzo di Cartagine.
 
 

Potrebbe interessarti anche
Tags
magnate
tunisia
giurista
elezioni
kais said
said
seguito
kais
karoui
evasione
© Regiopress, All rights reserved