Twitter
Estero
21.03.2019 - 18:140

Processo Ruby, testimone morta: radioattività assente

Dalle prime analisi sul corpo della modella Imane Fadil non è emersa alcuna evidenza

Dalle prime analisi sui campioni dei tessuti degli organi prelevati a Imane Fadil, una delle testimoni chiave del processo Ruby a carico dell'ex premier italiano Silvio Berlusconi, non è emersa alcuna evidenza macroscopica di radioattività. È quanto riferiscono fonti qualificate. Sulla sua morte la Procura di Milano ha aperto un fascicolo per omicidio volontario e ha disposto l'autopsia.

Da quanto si è appreso i prelievi sono stati effettuati sul fegato e su un rene della modella di 34 anni di origini marocchine deceduta lo scorso 11 marzo. Già dalle prime analisi non sono emerse macroscopiche evidenze di radioattività.

Dopo i prelievi i campioni sono stati messi in appositi contenitori e inviati sia all'Azienda Regionale per la Protezione Ambientale (Arpa) di Milano sia all'Istituto di Fisica dell'Università Statale.

In base all'esito delle analisi - si apprende - appare "sempre più improbabile" che Fadil sia stata contaminata da sostanze radioattive. L'ultima parola però spetta al Centro ricerche Casaccia dell'Enea vicino a Roma. Inizialmente i sospetti sulla presunta presenza di sostanze radioattive nel corpo della giovane erano dovuti al risultato parziale di analisi effettuate sulle urine.
 
 

Tags
analisi
radioattività
processo
prime analisi
fadil
processo ruby
ruby
© Regiopress, All rights reserved