Nuova Zelanda
18.03.2019 - 07:310
Aggiornamento : 08:29

Tarrant si autodifende, no alla fiera delle armi e la squadra cambia nome

Il killer delle moschee di Christchurch licenzia l'avvocato. Ad Auckland, stop alla Fiera militare. The Crusaders, rugby australiano, valutano nuova denominazione

Brenton Tarrant, il ventottenne cittadino australiano arrestato per le stragi nelle due moschee in Nuova Zelanda, ha licenziato il suo avvocato e intende difendersi da solo davanti ai giudici. Lo riferisce il New Zealand Herald, sottolineando che ciò suscita il timore che Tarrant possa cercare di trasformare il processo in uno strumento per la propaganda suprematista. Richard Peters, l'avvocato d'ufficio che ha difeso Tarrant nella sua prima apparizione davanti ai giudici sabato, ha riferito che il suo assistito ha affermato di volersi difendere d'ora in poi da solo. Peters ha aggiunto che Tarrant gli è parso lucido e non mentalmente instabile, sebbene abbia convinzioni estremiste.

La famiglia di Tarrant collabora

La polizia antiterrorismo australiana ha condotto almeno due perquisizioni in altrettante case nella provincia del New South Wales nell'ambito delle indagini sulla strage di Christchurch, in Nuova Zelanda. Lo riferisce la televisione Abc, precisando che una delle abitazioni è quella di una sorella dell'autore degli attacchi alle due moschee, Brenton Tarrant, cittadino australiano. "Obiettivo delle operazioni - ha detto la polizia in un comunicato - è ottenere materiale che possa servire alla polizia neozelandese nelle indagini. La famiglia di Tarrant, comunque, continua a collaborare all'inchiesta".

I Crusaders s'interrogano

La squadra australiana di Super Rugby The Crusaders di base a Sydney sta considerando di cambiare nome dopo l'attentato terroristico in due moschee di Christchurch in cui sono morte 50 persone. Il club aveva adottato il nome 23 anni fa quando il rugby è passato a professionista, ma ora si sono sollevate questioni per il richiamo alle guerre religiose fra cristiani e musulmani, a cui l'autore del massacro Brenton Tarrant ha detto di ispirarsi. Il club, che ha finora vinto un numero record di nove titoli di Super Rugby, "è aperto a iniziare discussioni su un cambiamento di nome" ha detto all'emittente NZTV il Ceo Colin Mansbridge. "Daremo riconoscimento al feedback che riceviamo e vogliamo avere una conversazione al riguardo. Ma per ora siamo ancora in uno stato di shock". L'incontro di sabato scorso dei Crusaders in programma nella vicina Dunedin, dove Tarrant aveva vissuto prima dell'attentato, con la squadra locale degli Highlanders, è stato cancellato dopo discussioni fra le due squadre e la polizia.

Stop alla fiera delle armi

Gli organizzatori della più importante fiera delle armi in Nuova Zelanda, in programma dal 23 marzo prossimo, hanno deciso di cancellare la manifestazione "in segno di rispetto" per le vittime degli attacchi alle due moschee di Christchurch, che hanno provocato 50 morti. Lo riferisce il sito del New Zealand Herald. Gli organizzatori hanno aggiunto che la Fiera militare di Kumeu, che da cinque anni si svolge nei pressi di Auckland, è stata cancellata anche per "elevati rischi alla sicurezza". Dopo la strage di Christchurch, la premier neozelandese Jacinda Ardern ha detto di volere introdurre nuove leggi più restrittive sul possesso di armi.

Potrebbe interessarti anche
Tags
fiera
tarrant
moschee
christchurch
crusaders
nome
armi
rugby
polizia
due moschee
© Regiopress, All rights reserved