Berna
2
Zugo
1
fine
(1-0 : 1-1 : 0-0)
Berna
LNA
2 - 1
fine
1-0
1-1
0-0
Zugo
1-0
1-1
0-0
1-0 HAAS
8'
 
 
 
 
21'
1-1 MARTSCHINI
2-1 BLUM
39'
 
 
8' 1-0 HAAS
MARTSCHINI 1-1 21'
39' 2-1 BLUM
SC BERN wins series 4-1.
Ultimo aggiornamento: 20.04.2019 22:58
Era arrivato a chiedere le dimissioni del pontefice (foto Keystone)
Estero
15.11.2018 - 17:100

Il grande accusatore di Papa Francesco condannato a Milano

Monsignor Carlo Maria Viganò sottrasse al fratello Lorenzo (pure lui prete) parte dell'eredità paterna

L'indice puntato contro Papa Francesco e i massimi vertici della Chiesa. Accuse senza precedenti e anche una richiesta inedita diretta al pontefice: quella delle dimissioni. Ora monsignor Carlo Maria Viganò, l'ex Nunzio negli Stati Uniti, il grande accusatore del Papa che ha dato il via, partendo dal caso dello scandalo pedofilia in America, ad una nuova stagione di veleni in Vaticano, si trova invece come accusato, e condannato da un giudice, in un contenzioso familiare, per una questione di eredità.

Un milione e 824mila euro: è quanto monsignor Viganò dovrà pagare infatti al fratello per avergli sottratto l'eredità paterna. Lo ha deciso un giudice monocratico civile di Milano il 9 ottobre scorso.

Monsignor Viganò dovrà dunque risarcire il fratello Lorenzo, anche lui prete, per aver gestito autonomamente l'eredità avuta dal padre che, nel 2010, ammontava a 7 milioni in contanti e quasi 20 milioni e mezzo in beni immobili. Nel corso della causa civile, è emerso che l'ex Nunzio "ha beneficiato di operazioni per un importo netto di 3 milioni e 649mila euro" e "di fondi pagati a suo favore per 4 milioni e 800mila euro", mentre al fratello sono arrivati complessivamente un milione e 700 mila euro. Da qui la sentenza emessa dal giudice Susanna Terni per bilanciare tra i due fratelli i proventi dell'eredità del padre.

Una 'grana', questa, che rischia di minare la credibilità del monsignore anche tra quella fetta di Chiesa ultraconservatrice che lo ha sostenuto dopo l'uscita del dossier, spaccando la Chiesa. Papa Francesco aveva per questo chiamato a raccolta i fedeli di tutto il mondo chiedendo preghiere per l'unità e per proteggere la Chiesa dai venti del Maligno.

Tutto era partito dall'accusa relativa al dossier dell'ormai ex cardinale americano Theodore Mc Carrick. Secondo il 'j'accuse' di Viganò il Papa era da anni al corrente della situazione e non era intervenuto. Il Vaticano con una nota, e poi il cardinale Marc Ouellet con una lunga lettera indirizzata allo stesso Viganò, hanno respinto al mittente tutte le accuse. Papa Francesco su Viganò e il dossier aveva detto il giorno stesso della pubblicazione, nel viaggio di ritorno dal viaggio apostolico in Irlanda: "Si commenta da solo".

Tags
papa
vigano
papa francesco
eredità
francesco
fratello
chiesa
monsignor
grande accusatore
milano
© Regiopress, All rights reserved