VAN Canucks
1
STL Blues
3
fine
(1-1 : 0-2 : 0-0)
bimbo-ucciso-dal-padre-a-varese-le-visite-erano-autorizzate
Facebook
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

I talebani a Oslo, missione a caccia di riconoscimento

Il regime dopo la presa dell’Afghanistan mostra il lato votato al dialogo. La delegazione sarà impegnata in una tre giorni di incontri.
Estero
9 ore

Covid-19, la fine della pandemia è plausibile dopo Omicron

Lo ha affermato il responsabile dell’Oms per l’Europa, che prevede un nuovo picco di contagi entro marzo.
Estero
11 ore

Italia, sul Colle manca l’intesa: primo voto in bianco

Attesa per i nomi del centrodestra, si rafforza l’ipotesi Riccardi candidato del centrosinistra
Estero
12 ore

Ucraina, il Foreign Office denuncia un complotto di Mosca

‘Piano su leader filo-russo’. Stati Uniti preoccupati dalle accuse mosse dalla Gran Bretagna. La Russia le bolla come ‘assurde’
Confine
13 ore

Allevatori del Porlezzese allarmati per i troppi cervi

Gli ungulati sono aumentati in maniera esponenziale e mettono in pericolo l’attività delle aziende agricole
Estero
13 ore

Via dal governo ‘perché musulmana’, nuova tegola su BoJo

La denuncia di Nusrat Ghani getta, ancora una volta, il premier britannico nell’occhio del ciclone
Estero
15 ore

Berlusconi ricoverato al San Raffaele da giovedì

Secondo l’agenzia di stampa italiana Ansa, il leader di Forza Italia è arrivato all’ospedale milanese nel pomeriggio del 20 gennaio
Estero
16 ore

Mykonos e le Cicladi si svegliano... in bianco

L’intera Grecia è colpita dal maltempo, con nevicate e temperature rigidissime portate dalla perturbazione Elpis, dicono i meteorologi locali
Confine
16 ore

Lago Maggiore, forse un’alternativa all’innalzamento dei livelli

Durante l’incontro tenutosi a Torino si è avanzata l’ipotesi di pompare acqua dalla falda per rifornire la Pianura Padana. Permane comunque scetticismo
Confine
17 ore

Al carcere del Bassone, 17 agenti aggrediti in 4 mesi

Dopo l’ultimo caso il sindacato di categoria insorge denunciando carenze di organico, strutturali e detenuti ‘ingestibili’
Italia
17 ore

Scontro fra pullman e auto, morti cinque giovani

L’incidente è avvenuto ieri sera su una strada provinciale nel comune di Rezzato, in provincia di Brescia. Le vittime avevano fra i 17 e i 20 anni
Estero
18 ore

Afghanistan: iniziati a Oslo i colloqui dei talebani

La delegazione è la prima a visitare l’Europa dopo il loro ritorno al potere. Previsti per oggi gli incontri con attiviste femministe e giornalisti
04.01.2022 - 10:390
Aggiornamento : 16:54

Bimbo ucciso dal padre a Varese, le visite erano autorizzate

Il 40enne che ha ucciso il figlio di 7 anni non era stato giudicato socialmente pericoloso. Contro di lui due denunce della moglie per maltrattamenti

Nel fermo notificato domenica pomeriggio al 40enne di Morazzone (Varese) per l’omicidio del figlio di 7 anni, ucciso con una coltellata alla gola lo scorso primo gennaio, e il tentato omicidio della moglie, da cui si stava separando e che aveva raggiunto presso l’abitazione dei genitori dove si era trasferita a Gazzada Schianno (Varese), il pubblico ministero Luca Petrucci contesta all’uomo anche la premeditazione e l’aver agito “per motivi abbietti”. Lo si legge su ‘La Prealpina’. I motivi abbietti sarebbero la ritorsione contro la moglie, che contro di lui aveva presentato due denunce per maltrattamenti.

L’uomo non era stato giudicato socialmente pericoloso e, per questa ragione, aveva ottenuto di poter vedere suo figlio durante la custodia cautelare ai domiciliari per tentato omicidio. È quanto emerso dagli accertamenti svolti dal presidente del Tribunale di Varese, Cesare Tacconi, alla luce di quanto accaduto. Tra l’uomo e la moglie non era in corso una separazione formale, i due stavano ancora trattando i termini per tramite degli avvocati, e ad autorizzare le visite al papà da parte del loro bambino è stato il Gip del Tribunale di Varese, a cui è arrivata la richiesta dei difensori del 40 enne.

Le denunce non sono state trasmesse al Tribunale

Due le denunce per maltrattamenti presentate contro il 40enne dalla moglie, tra il 2020 e il 2021, unitamente a una terza segnalazione arrivata alla Procura di Varese da parte dei genitori della donna, tanto che risulterebbe aperto un “codice rosso” di cui, però, al momento non si conosce l’esito. All’uomo, ai domiciliari per aver accoltellato un collega di lavoro – era addetto alle vendita di un’azienda – il 26 novembre scorso e accusato di tentato omicidio, nonostante le denunce era stato concesso di vedere il bambino perché in Tribunale a Varese non sarebbe stato trasmesso alcun atto relativo alle presunte accuse di maltrattamenti. “L’ordinanza per i domiciliari è stata firmata il 29 novembre, avallando la misura richiesta dal magistrato”, ha spiegato il presidente del Tribunale di Varese, Cesare Tacconi, “che l’ha motivata con il pericolo di inquinamento probatorio, non con la pericolosità sociale, e il giudice non può aggravare la richiesta del pm”. Successivamente, prosegue il presidente del Tribunale, “l’avvocato difensore dell’indagato ha chiesto che gli fosse concesso di vedere il figlio e la moglie, dato che secondo ordinanza non avrebbe potuto avere contatti se non con i familiari conviventi, quindi il padre”. Il 6 dicembre “il Gip ha autorizzato l’uomo a vedere il figlio”. Relativamente alle denunce della donna e al codice rosso, Tacconi ha precisato come “non vi sia in Tribunale alcuna pendenza a carico dell’uomo, quindi se le denunce ci sono, sono ancora in Procura”. Poi ha concluso: “Ho svolto tutti gli accertamenti del caso, tra i due non vi era alcuna separazione formale in corso, se mi sarà richiesto formalmente presenterò una relazione”.

Resta da comprendere se le denunce siano ancora bloccate in qualche cassetto della Procura di Varese, in attesa di essere esaminate. “A prescindere dal caso concreto e basando la riflessione sull’esperienza maturata nella Commissione sul Femminicidio” ha detto il Presidente Vicario del Tribunale di Milano Fabio Roia, “la violenza domestica non va mai sottovalutata e la bigenitorialità deve sempre essere sospesa in presenza di denunciate situazioni di violenza, le informazioni devono circolare” e “il ‘sistema di Rete’ deve valutare di ritenere” chi denuncia “a rischio di violenza anche estrema”. Chiusi nel dolore i familiari del piccolo. Il nonno paterno, 80 anni, a cui il killer ha inviato un messaggio vocale dicendo di aver fatto male al suo bambino, un Whatsapp che l’uomo però non aveva nemmeno aperto, tanto che lo hanno fatto per la prima volta gli investigatori, e i nonni materni, al fianco della loro figlia devastata dal dolore. “Non riesco a parlare adesso, sono distrutto”, ha detto il padre della donna. Oggi l’uomo si presenterà agli inquirenti per l’interrogatorio di garanzia, seppure il suo avvocato, Stefano Bruno, che oggi lo ha incontrato, ha affermato che è “difficoltoso comunicare con lui in questo momento”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved