l-omicida-di-don-roberto-ricorre-in-appello-guai-per-la-difesa
Ti-Press
29.10.2021 - 14:50
Aggiornamento: 15:59
di Marco Marelli

L’omicida di don Roberto ricorre in appello. Guai per la difesa?

L’avvocato dell’uomo condannato all’ergastolo ha pronunciato parole durissime nei confronti della corte mettendone in dubbio la serenità di giudizio

Quando ovviamente non è dato sapere, ma è certo che l’omicidio di don Roberto Malgesini tornerà davanti ai giudici, questa volta quella della Corte d’Assise d’appello di Milano. L’omicida, Ridha Mahmoudi, 53enne tunisino, condannato all’ergastolo dai giudici di primo grado, ha già deciso di impugnare la condanna incaricando il difensore, avvocato Sonia Bova del Foro di Lecco, di ricorrere in appello. Ricorso che verrà formalizzato una volta che ci sarà stato il deposito delle motivazioni della sentenza, previsto entro la fine del prossimo mese di gennaio.

Però prima di allora potrebbe finire nei guai l’avvocato del tunisino che a un certo punto dell’arringa difensiva ha sferrato un attacco frontale ai giudici della Corte d’Assise di Como: “Dovevate essere più coraggiosi. Qui (a Como, ndr) non ci può essere serenità di giudizio. Come potete essere sereni a decidere del terribile omicidio di un santo? Questo luogo è viziato. Questa corte non è serena. Don Roberto era un San Francesco d’Assisi dei nostri giorni, ammansiva i lupi. Ciò non toglie che il processo per il suo omicidio dev’essere giusto, non un processo sommario che si basa tutto su una consulenza psichiatrica di parte. Potete anche condannarlo all’ergastolo, ma vi surclasserò in appello”. A un certo punto l’avvocato è sembrata essere andata oltre, avanzando il sospetto che la Corte avesse già deciso la condanna all’ergastolo. Al che è intervenuta la presidente Valeria Costi: “Avvocato, l’avverto che il suo intervento è registrato, per cui si assume tutta la responsabilità di quanto sta dicendo”. La risposta del difensore dell’omicida: “Ne sono consapevole”. La Corte d’Assise, facendo uno strappo alla norma, ha deciso di restituire immediatamente alla mamma di don Roberto la Croce Tau in legno che il sacerdote da sempre aveva al collo.

Leggi anche:

Como, inflitto l’ergastolo all’omicida di don Roberto

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
don roberto ergastolo ridha mahmoudi roberto malgesini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved