Young Boys
Lugano
20:30
 
Bologna
1
Roma
0
2. tempo
(1-0)
Inter
2
Spezia
0
2. tempo
(1-0)
Genoa
Milan
20:45
 
Sassuolo
Napoli
20:45
 
DJOKOVIC N. (SRB)
0
BUBLIK A. (KAZ)
0
1 set
(3-1)
Langenthal
1
Visp
0
1. tempo
(1-0)
como-senzatetto-nell-ex-caserma-di-via-borgovico
Emergenza freddo (archivio Ti-Press)
Confine
08.10.2021 - 10:510

Como, senzatetto nell’ex caserma di via Borgovico

In attesa del dormitorio permanente di cui si parla da ormai due anni, la Provincia di Como mette nuovamente a disposizione lo stabile

Il calo delle temperature registrato negli ultimi giorni anche a Como ha riportato in primo piano un tema molto dibattuto. Tema che, nonostante l’impegno preso due anni dal Consiglio comunale, non è stato ancora attuato dalla giunta municipale a trazione leghista: l’apertura di un dormitorio permanente per i senzatetto, oltre 150, quanti sono i fantasmi nel capoluogo lariano. Per risolvere il problema dell’emergenza freddo che Palazzo Cernezzi non riesce a risolvere, la Provincia di Como anche per il prossimo inverno concederà l’uso della palazzina dell’ex caserma dei carabinieri di via Borgovico come dormitorio temporaneo per i senzatetto. “Valutata con i nostri uffici la compatibilità con le tempistiche ipotizzate per altre destinazioni di quell’immobile, abbiamo confermato la disponibilità dei nostri spazi anche per quest’anno – dice Fiorenzo Bongiasca, presidente dell’Amministrazione provinciale –. Abbiamo pertanto provveduto a trasmettere al Comune il contratto di comodato, che propone le medesime condizioni dello scorso anno, e avrà durata fino a maggio 2022”.

Confermato anche il secondo dormitorio intitolato a don Roberto Malgesini, il sacerdote degli ultimi ucciso il 15 settembre dello scorso anno. Dormitorio che si trova in piazza San Rocco a pochi passi dal luogo in cui è stato consumato il delitto. A impegnarsi per l’apertura del dormitorio era stato lo stesso don Roberto, proponendo l’iniziativa al parroco don Gianluigi Bollini: una ventina i posti letto ricavati nell’oratorio, gestiti oltre che dalla parrocchia anche dalla Caritas diocesana.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved