03.06.2021 - 10:16
Aggiornamento: 15:24

Car pooling, partita la sperimentazione a Varese

I comuni coinvolti sono sei. Un nuovo tassello per il progetto Interreg Smisto, che vuole dare una nuova gestione della mobilità transfrontaliera

di Marco Marelli
car-pooling-partita-la-sperimentazione-a-varese
Un'area destinata al car pooling (archivio Ti-Press)

Sono sei i comuni della provincia di Varese, fra cui il capoluogo, dove nei giorni scorsi è iniziata la sperimentazione del progetto Interreg Smisto, che Canton Ticino e Regione Lombardia stanno portando avanti insieme per una nuova gestione della mobilità transfrontaliera in tutte le sue sfaccettature, come il trasporto pubblico e privato e gli spostamenti via lago. I sei comuni sono Vedano, Malnate, Lozza, Varese (relativamente al posteggio sul tetto dell’Iper, che è pubblico), Luino e Cittiglio. Questi comuni hanno già inaugurato i parcheggi coinvolti nel car pooling.

Il progetto, riguarda soprattutto i lavoratori frontalieri che possono contare su parcheggi studiati ad hoc nei comuni di frontiera di posti auto riservati alle aziende elvetiche delle quali sono dipendenti. “Siamo partiti pur con tutte le difficoltà legate al periodo della pandemia – spiega Andrea Debernardi della società d'ingegneria Meta di Monza, incaricata dal Canton Ticino di sviluppare il car pooling – e non si prevede certo un’adesione di massa al car pooling nell’immediato, però siamo consapevolmente ottimisti, diciamo così. La verifica di fattibilità della programmazione durerà per sei mesi, fino al prossimo ottobre, naturalmente rispettando tutte le norme anti-Covid”. Da parte italiana, prosegue Debernardi, “abbiamo realizzato i posteggi, in Svizzera c’è una serie di aziende aderenti (quasi tutte nel Mendrisiotto, ma si spera di estendere il raggio d’azione) che mettono a disposizione dei posti auto per lo scopo. Le aziende indicano poi ai dipendenti interessati a quali zone fare riferimento in modo da formare degli equipaggi, magari anche con diversi orari al mattino e al pomeriggio”.

Da parte elvetica, dunque, entra in azione un mobility manager, nell’ambito del sistema di mobilità aziendale, che favorisce l’utilizzo del carpooling e illustra agli interessati le modalità di realizzazione e di formazione degli equipaggi. La società svizzera che affianca la Meta di Monza è la Mobitrends con sede a Lugano, che si occupa di tecnologie per una migliore mobilità.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved