incendio-in-valle-cannobina-ticino-pronto-all-intervento
Lo scenario così come si presentava mercoledì pomeriggio
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
15 min

Italia, si elegge il Presidente. Oggi la prima chiama ‘al buio’

Senza accordo fra i partiti, nella prima votazione che richiede i due terzi dei 1’008 votanti prevarranno le schede bianche. Si inizia alle 15
Estero
10 ore

I talebani a Oslo, missione a caccia di riconoscimento

Il regime dopo la presa dell’Afghanistan mostra il lato votato al dialogo. La delegazione sarà impegnata in una tre giorni di incontri.
Estero
12 ore

Covid-19, la fine della pandemia è plausibile dopo Omicron

Lo ha affermato il responsabile dell’Oms per l’Europa, che prevede un nuovo picco di contagi entro marzo.
Estero
14 ore

Italia, sul Colle manca l’intesa: primo voto in bianco

Attesa per i nomi del centrodestra, si rafforza l’ipotesi Riccardi candidato del centrosinistra
Estero
15 ore

Ucraina, il Foreign Office denuncia un complotto di Mosca

‘Piano su leader filo-russo’. Stati Uniti preoccupati dalle accuse mosse dalla Gran Bretagna. La Russia le bolla come ‘assurde’
Confine
16 ore

Allevatori del Porlezzese allarmati per i troppi cervi

Gli ungulati sono aumentati in maniera esponenziale e mettono in pericolo l’attività delle aziende agricole
Estero
16 ore

Via dal governo ‘perché musulmana’, nuova tegola su BoJo

La denuncia di Nusrat Ghani getta, ancora una volta, il premier britannico nell’occhio del ciclone
Estero
18 ore

Berlusconi ricoverato al San Raffaele da giovedì

Secondo l’agenzia di stampa italiana Ansa, il leader di Forza Italia è arrivato all’ospedale milanese nel pomeriggio del 20 gennaio
Estero
19 ore

Mykonos e le Cicladi si svegliano... in bianco

L’intera Grecia è colpita dal maltempo, con nevicate e temperature rigidissime portate dalla perturbazione Elpis, dicono i meteorologi locali
Confine
19 ore

Lago Maggiore, forse un’alternativa all’innalzamento dei livelli

Durante l’incontro tenutosi a Torino si è avanzata l’ipotesi di pompare acqua dalla falda per rifornire la Pianura Padana. Permane comunque scetticismo
Confine
20 ore

Al carcere del Bassone, 17 agenti aggrediti in 4 mesi

Dopo l’ultimo caso il sindacato di categoria insorge denunciando carenze di organico, strutturali e detenuti ‘ingestibili’
Italia
21 ore

Scontro fra pullman e auto, morti cinque giovani

L’incidente è avvenuto ieri sera su una strada provinciale nel comune di Rezzato, in provincia di Brescia. Le vittime avevano fra i 17 e i 20 anni
 
09.04.2021 - 05:200

Incendio in Valle Cannobina, Ticino pronto all’intervento

Tramite l’Area relazioni esterne, il Cantone ha testimoniato alla Prefettura del Vco la disponibilità a mettere in campo uomini e mezzi elvetici

Una forma di collaborazione transfrontaliera nell'emergenza. È quanto successo, almeno sulla carta, a margine del vasto incendio che ha colpito un'ampia superficie boschiva nell'area tra Cavaglio e Traffiume, in Valle Cannobina. Il Cantone Ticino, tramite la sua Area delle relazioni esterne, ha infatti preso contatto con le autorità d'oltre confine per testimoniare la disponibilità di un aiuto elvetico nelle operazioni di spegnimento. 

L'iniziativa, inusuale e significativa, nasceva dal fatto che il rogo avrebbe potuto direttamente o indirettamente toccare il territorio ticinese. Una conseguenza diretta è ad esempio il fumo che dall'alta colonna levatasi dalla zona incenerita è “volato” fino sul Malcantone. Tramite l'Area delle relazioni esterne è stato così contattato il prefetto del Verbano Cusio e Ossola, Angelo Sidoti. Gli obiettivi: in primo luogo accertarsi dell'entità dell'incendio, e secondariamente chiedere se da parte italiana vi fosse l'intenzione di pronunciare una richiesta di assistenza da parte del Cantone. In parole povere, il Ticino si è detto disponibile a mettere proprie forze a disposizione qualora quelle presenti nel Vco si fossero ritrovate in difficoltà per domare le fiamme. 

Che questa disponibilità avesse un senso è stato dimostrato dalla risposta giunta a stretto giro di posta, che formalizzava una richiesta d'intervento delle forze di Protezione civile del Cantone Ticino. Parallelamente, è risultato che una medesima richiesta di intervento era stata formulata dallo Stato italiano tramite Berna. Bellinzona aveva quindi anticipato un'azione che si sarebbe poi sviluppata ad un altro livello.

Concretamente, all'occorrenza, uomini e mezzi svizzeri erano pronti per intervenire su suolo Italiano, anche via aria. Fra le soluzioni ipotizzate v'era infatti quella della messa a disposizione di un elicottero Superpuma dell'Esercito, che si sarebbe alzato in volo per gettare acqua laddove necessario. In questo senso, tutto era pronto per un sopralluogo che consentisse di valutare la portata dell'incendio e le possibilità di intervento.

Fortunatamente, comunque, la situazione in Valle Cannobina è nel frattempo cambiata in meglio. Le fiamme continuavano ieri a divampare, ma il rogo, nel pomeriggio, veniva considerato meno preoccupante. «Questo incendio è così vasto che fa paura, ma finalmente la situazione sembra essere sotto controllo», ha dichiarato il sindaco di Cannobio Gian Maria Minazzi. Minazzi si è espresso dopo una notte in cui le squadre da terra hanno lavorato per tenere sotto controllo le fiamme che, scese dalla Valle Cannobina, stavano minacciando il Comune lacustre. 

Giovedì mattina sono tornati in azione due Canadair (uno arrivato da Genova, l'altro da Roma) e due elicotteri. Oltre ai velivoli, sul posto risultava essere attiva oltre una cinquantina di uomini. La zona che destava più preoccupazione è quella del Monte Giove. Le fiamme si dirigevano a nord, proprio in direzione della Svizzera. Nella serata di ieri restava ancora aperto il fronte dal lato di Cavaglio. Intanto, l'alta colonna di fumo continuava ad impressionare per la sua vastità e l’odore acre del legno bruciato si sentiva nitidamente fino a Verbania. Grazie all’intervento dei mezzi è stato possibile impedire l'espandersi del fronte del fuoco e l'aumento dei danni, già particolarmente importanti.

Due tedeschi che vivono in una baita con alcuni animali tra Traffiume e Cavaglio sono stati recuperati e messi in salvo con l’elicottero perché le fiamme erano arrivate pericolosamente vicino a loro; un’altra donna tedesca è stata salvata dai pompieri quando era accerchiata dalle fiamme.  Alcune baite sono poi state distrutte dal fuoco e in zona si sono sentite le esplosioni di bombole a gas.

Quanto all'incendio sviluppatosi sui Monti della Gana, nella zona del Sassariente, risultava ieri mattina in buona sostanza spento. Questo, stando ad un flash informativo diramato dal Corpo civici pompieri di Locarno, “grazie al lavoro svolto ieri e alle basse temperature misurate nella notte in zona”. Per altro, onde evitare una ripresa, ieri sono stati effettuati lavori di bonifica nella zona del bosco. Erano attivi una quindicina di militi di montagna del Corpo pompieri di Tenero-Contra e del Corpo civici pompieri Locarno. A supporto delle operazioni era presente un elicottero civile. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved