coronavirus-re-in-val-vigezzo-e-in-zona-rossa
Si teme la diffusione di varianti (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

Usa, il 4 luglio sventato un attacco armato in Virginia

In carcere sono finiti due uomini. In casa avevano fucili, una pistola e centinaia di munizioni
Estero
6 ore

Giovane accoltella a morte una donna durante una convention

È avvenuto nel corso di una riunione politica in Svezia. L’attentatore, un 30enne, è stato arrestato grazie all’intervento di un pensionato
Estero
6 ore

Assalto a Sloviansk e Kramatorsk, ma Kiev frena i russi

‘Bloccati al confine con Lugansk’. Mosca: ‘Distrutte armi americane’
Estero
8 ore

Un ginecologo olandese ha generato almeno 41 figli con l’inganno

Il medico, morto nel 2019, ha utilizzato segretamente il proprio sperma anziché quello di un donatore anonimo, nel corso dei trattamenti di fertilità
Estero
8 ore

Anche i ministri ancora fedeli chiedono a Johnson di lasciare

Una delegazione di almeno una mezza dozzina di membri del Consiglio di gabinetto annunciano di voler chiedere al primo ministro di dimettersi
Estero
9 ore

Salgono a 9 le vittime del disastro della Marmolada

Sono due in più rispetto a ieri. Cinque i morti non ancora identificati
Estero
10 ore

Tre accuse di stupro per un giocatore della Premier League

Il calciatore, la cui identità non è nota, è libero su cauzione. Secondo i media inglesi fa parte di una Nazionale qualificata ai Mondiali in Qatar
Estero
11 ore

Hong Kong: autori di libri per bambini accusati di sedizione

Cinque persone sono accusate di aver ritratto pecore e lupi riferendosi metaforicamente agli abitanti della città e alla Cina
Estero
13 ore

Boris Johnson al Parlamento: il Governo va avanti nel suo lavoro

Il premier inglese, nonostante la raffica di dimissioni in seguito al caso Pincher, è deciso a restare al suo posto
21.02.2021 - 08:36
Aggiornamento: 14:25
di Marco Marelli

Coronavirus: Re in Val Vigezzo è in zona rossa

Protocollo d'emergenza nel Comune di 700 abitanti al confine con il Locarnese. Scuole chiuse e Lockdown in vigore fino al 26 febbraio

Il Comune di Re, settecento abitanti al confine con il locarnese, dalle 18 di sabato 20 febbraio, è ''zona rossa''. L'ordinanza che isola il paese della valle Vigezzo, è stato firmato da Alberto Cirio, presidente di Regione Piemonte. Tutte le scuole della valle Vigezzo (da quelle dell'infanzia alle medie superiore) chiudono da lunedì 22 febbraio. Il paese di Re è primo per il quale la Regione Piemonte è costretta ad applicare il protocollo di emergenza.  Il lockdown rimarrà in vigore sino a venerdì 26 febbraio. Una decisione che non è giunta inaspettata. Da giorni infatti la situazione di Re destava preoccupazioni per il rapido aumento del numero dei contagi. L’ultimo dato accertava 37 casi. E poi c’è il rischio della presenza della variante inglese del virus. Il sindaco di Re, Massimo Patritti, ingegnere frontaliere, la scorsa settimana aveva disposto la chiusura dell’asilo (14 alunni) e delle scuole elementari (29) dopo che due mamme erano risultate positive. A seguito della ''zona rossa'' di Re i frontalieri e coloro transitano lungo la statale 337 della Valle Vigezzo dovranno essere muniti dell'autocertificazione. Stessa misura per gli abitanti del piccolo comune di frontiera.

Nessun problema per i frontalieri

Nessun problema per i frontalieri che potranno recarsi tranquillamente in Svizzera per lavoro. Lo ha affermato Antonio Locatelli, coordinatore dei frontalieri, intervistato dal portale Ossolanews.it. “In Svizzera sembra che abbiano infatti capito che la situazione di criticità è circoscritta solo a Re, per questo ipotizziamo che non vi saranno problemi per i frontalieri ad andare regolarmente a lavorare. Ovviamente è anche l’auspicio, ma penso davvero che la situazione rimanga in questi termini”, ha concluso il portavoce dei lavoratori italiani che, quotidianamente, varcano il confine di Ponte Ribellasca/Camedo per motivi professionali.

Sabato alle 18, come noto, è iniziato il coprifuoco che ha fatto ripiombare il piccolo villaggio sorto attorno al santuario nella stessa situazione di lockdown di un anno fa. Sempre secondo Ossolanews.it, in Prefettura  è stato valutato che le forze monitoreranno la situazione in paese e nelle frazioni giorno e notte, ma senza istituire posti di blocco rigidi che potrebbero creare code soprattutto in entrata e uscita stato nelle ore di passaggio dei frontalieri. Poche le auto fermate questa mattina per i primi controlli da parte degli agenti della Polizia di Stato. Nessuna multa, tutto in regola.

L'ordinanza del governatore Cirio sarà in vigore fino al 26 febbraio, ordinanza che tiene chiuse le scuole non solo di Re ma di tutta la Valle. Per quanto riguarda gli studenti delle superiori domesi residenti a Re, potranno seguire le lezioni a distanza.

Per quanto riguarda le corse della Vigezzina, nessun cambiamento. "I treni rimarranno regolari per garantire il servizio a chi può spostarsi per i motivi previsti dalla legge. Anche le corse che erano state aggiunte nelle scorse settimane per gli studenti che raggiungono Domodossola non subiranno variazioni" conferma Daniele Corti, direttore delle SSIF. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus lockdown re zona rossa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved