Ti-Press
Confine
20.02.2019 - 15:070

Spaccio nel Varesotto: anche ticinesi tra gli acquirenti

Si tratta del più vasto traffico scoperto in Lombardia. Nei boschi dell'alto Luinese gli inquirenti avevano installato telecamere e fototrappole

Era al confine con il Canton Ticino il più grande supermarket a cielo aperto dello spaccio di sostanze stupefacenti mai scoperto in Lombardia: i boschi dell'alto Luinese, fra Valganna, Valcuvia e Val Marchirolo, dove una banda di spacciatori, per lo più magrebini, avevano trovato un ricco mercato, anche perchè il passa parola aveva allargato la platea degli acquirenti. Non solo lombardi ma anche numerosi ticinesi. Una cinquantina di loro figurano nelle duecento segnalazioni alla Prefettura di Varese in quanto assuntori.

Il supermarket a cielo aperto della droga è stato definitivamente chiuso dai carabinieri della compagnia di Luino che stamattina hanno eseguito venti provvedimenti cautelari: 11 in carcere, 4 agli arresti domiciliari e 5 con l'obbligo di firma. Per tutti l'accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. L’indagine, coordinata dal pubblico ministero Flavio Ricci, sostituto della procura di Varese, è iniziata nel luglio del 2017. Per incastrare gli spacciatori, i carabinieri hanno installato dieci telecamere e visionato una considerevole mole di filmati (da luglio ad ottobre del 2017). I militari hanno fatto ricorso anche alle fototrappole usate dai cacciatori di cinghiali, che fotografavano il passaggio dei malviventi di giorno e di notte.

Nel corso dell'inchiesta i carabinieri hanno sequestrato oltre sette chilogrammi tra hashish, marjuana, eroina e cocaina. Nel corso di perquisizioni domiciliari sono inoltre stati sequestrati 22mila euro e 500 franchi, 32 cellullari e 50 grammi di cocaina. Nei boschi della Valganna sono in corso ricerche da parte militari in forza al 10° Genio Guastatori della I Brigata Truppe Alpine di Cremona che, muniti dei metal detector, sono alla ricerca di armi e di eventuali involucri contenenti stupefacente, nascosti nelle basi operative degli spacciatori.

Potrebbe interessarti anche
Tags
boschi
spaccio
spacciatori
acquirenti
carabinieri
ticinesi
© Regiopress, All rights reserved