Confine
26.11.2018 - 12:310

Alptransit in Lombardia, c'è di mezzo un tunnel

La vecchia galleria che passa sotto Monza può rappresentare un ostacolo. E si interroga Roma: 'Non rispetta i criteri di sicurezza'

Un ostacolo lungo 438 metri sulla Tav lombarda delle merci (prolungamento in Lombardia dell'Alptransit): è il tunnel ferroviario dalla volta in mattoni, realizzato a metà dell'Ottocento e che passa sotto il centro storico di Monza. ''Un vulcano'' per Giampiero Mosca, ex assessore comunale, presidente del ''Comitato antirumore - No Tav a Monza', nonché medico da anni impegnato nella tutela e nella salvaguardia della salute dei cittadini. In vista del via libera al passaggio dal 2020 dei nuovi treni merci i 'No Tav a Monza' ha nuovamente puntato i riflettori sulla questione sicurezza con una petizione firmata anche dal sindaco del capoluogo brianzolo Dario Allevi (centrodestra) e dal consigliere regionale pentastellato Danilo Sindoni.

La questione del tunnel ferroviario di Monza è arrivata in Parlamento con un'interrogazione indirizzata dal senatore monzese Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega a Palazzo Madama, al ministro Danilo Toninelli, responsabile del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Il parlamentare leghista pone l'accento sul fatto che ''la galleria non rispetta i moderni requisiti di sicurezza e inoltre termina con una curva stretta sulla trafficatissima stazione''. Per far comprendere i paventati rischi il senatore Romeo sottolinea come ''sulla predetta linea è previsto, a regime, il transito di 220-250 convogli al giorno nell'arco delle 24 ore, per la maggior parte composti da carrelli porta-container e porta-semirimorchi, lunghi sino a 800 metri, con un ingombro di 4 metri di altezza e un carico medio che supera le duemila tonnellate''.

Il senatore Romeo ricorda che ''per l'adeguamento della linea inizialmente era previsto il quadruplicamento dei binari tra Monza e Chiasso, poi sostituito, per mancanza di fondi, con il potenziamento di quelli esistenti e con la modifica degli armamenti di linea, delle stazioni e degli spazi per i nuovi ingombri''. Il supposto mancato ''rispetto dei moderni requisiti di sicurezza'' ha spinto il parlamentare monzese a chiedere al ministro ''di adoperarsi presso le opportune sedi, e in particolare con Rete ferroviaria italiana, al fine di sottoporre la galleria a delle preventive e complete verifiche statiche e di sicurezza, e realizzare barriere acustiche sufficientemente estese ed elevate sui due lati dei binari. Stabilire limiti di velocità e considerare l'ipotesi di dirottare parte dei treni su un'altra tratta''. Non si riesce a capire quale tratta potrebbe essere, se non la Bellinzona-Luino, che già di suo con l'Alptransit prevede un consistente aumento di transiti. Tutto ciò conferma che le criticità si concentrano in Lombardia.

Tutti i problemi sarebbero risolti realizzando il progetto Lu-Mi-Med (Lugano-Milano-Mediterraneo), tangenziale ferroviaria da Seregno alla Certosa di Pavia per bypassare Monza e il nodo di Milano. Progetto in grado di superare l'''anelllo mancante a sud di Lugano''. Costi (una dozzina di miliardi di euro) e ultimazione dei lavori (2030) non si conciliano, però, con la richiesta di sicurezza degli abitanti monzesi del quartiere San Gottardo.

Potrebbe interessarti anche
Tags
monza
sicurezza
tav
romeo
senatore
linea
metri
© Regiopress, All rights reserved