greenpeace-denuncia-le-banche-fanno-greenwashing
Keystone
Zurigo, 26 luglio 2021: attivisti protestano davanti alla sede del Credit Suisse
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
4 gior

Falcon Bank ed ex Ceo a processo per riciclaggio

Per il caso del fondo sovrano malese 1Mdb che portò, tra le altre cose, allo scioglimento della Bsi
Economia
4 gior

La Banca nazionale svizzera non cambia rotta

Invariata la politica monetaria espansiva. Tassi fermi al -0,75%. Il presidente Jordan sul caso Evergrande: né allarmismo, né sottovalutazione
Economia
4 gior

Gam chiude alcuni fondi proposti dalla succursale di Lugano

A causa della chiusura dei fondi, giudicati troppo piccoli per una gestione efficiente o con poche prospettive di crescita, 17 dipendenti lasceranno la società
Economia
5 gior

Kathrin Wehrli lascia la direzione generale di Raiffeisen

La responsabile del dipartimento Prodotti e servizi di investimento lascia la banca con effetto immediato, motivando la decisione con ragioni private
Economia
6 gior

Continua il buon momento dell’edilizia

Per il Bak Economics di Basilea l’attività dovrebbe aumentare dello 0,4% quest’anno e dello 0,6% nel prossimo
Economia
6 gior

Quando una firma digitale errata fa perdere miliardi

Il costruttore ferroviario turgoviese Stadler Rail si è visto annullare una commessa per un errore formale dal Tribunale amministrativo di Vienna
Economia
1 sett

Il forum economico torna a Davos dal 17 al 21 gennaio

Quest’anno il Wef è stato annullato a causa della pandemia. ‘Sarà il primo evento di leadership globale a stabilire l’agenda per una ripresa sostenibile’
Economia
1 sett

In Svizzera la disoccupazione Ilo è al 5%, più che in Germania

Il dato tiene conto delle persone che non hanno un impiego, hanno cercato lavoro nelle quattro settimane precedenti e sono disponibili a lavorare
Economia
1 sett

Per il Credit Suisse l’inflazione è solo temporanea

Secondo gli economisti del secondo istituto finanziario svizzero la ripresa è robusta e senza timori inflativi. Il Pil dovrebbe crescere del 3,5% quest’anno
Economia
2 sett

Helvetia: entro il 2022 andranno persi 140 posti di lavoro

Il Ceo ha chiarito che una gran parte del taglio degli impieghi avverrà tramite fluttuazione naturale del personale o prepensionamento di alcuni dipendenti
Economia
2 sett

Helvetia torna in zona utili nel primo semestre

Stando ai dati diffusi oggi la società assicurativa ha realizzato un risultato positivo per 262 milioni di franchi
Economia
2 sett

Fed e Bce, prospettive capovolte

Se l’economia ricomincia a correre è perfettamente logico ridurre le misure d’emergenza e ricalibrare gli stimoli monetari
Economia
2 sett

Per Medacta un primo semestre 2021 positivo

I progressi delle vaccinazioni, permettendo la normalizzazione delle attività chirurgiche, hanno favorito l'azienda produttrice di dispositivi ortopedici
Economia
01.09.2021 - 16:090
Aggiornamento : 17:04

Greenpeace denuncia: le banche fanno greenwashing

L’associazione ha svolto test in Svizzera. Il risultato: consulenza assente o lacunosa, prodotti non in linea con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi

Zurigo – La consulenza delle banche svizzere in materia di investimenti sostenibili è assente o lacunosa e i prodotti proposti non sono veramente in linea con gli obiettivi di protezione climatica. Lo sostiene Greenpeace sulla base di test concreti effettuati dai suoi attivisti. Secondo l'organizzazione ambientalista l'indagine dimostra che la piazza finanziaria elvetica pratica il cosiddetto greenwashing, cioè l'ecologismo di facciata.

Stando a quanto comunicato oggi l'associazione ha sguinzagliato 33 simpatizzanti che si sono presentati presso 19 banche come persone interessate a investire. Sono stati effettuati 43 colloqui con gli specialisti degli istituti: solo nella metà dei casi i consulenti hanno chiesto al cliente se la sostenibilità costituiva un fattore importante.

Consulenze di scarsa qualità

Nelle altre situazioni gli interessati hanno dovuto indicare attivamente la loro preferenza: tutti hanno dichiarato esplicitamente di volere una soluzione d'investimento che fosse rispettosa del clima, cioè compatibile con l'accordo sul clima di Parigi, l'intesa che stabilisce il quadro internazionale per la riduzione dei gas serra. In totale i richiedenti si sono visti offrire dieci prodotti che avrebbero dovuto soddisfare questo desiderio.

"Nella maggior parte degli istituti la qualità della consulenza sugli investimenti sostenibili è stata scarsa", afferma Larissa Marti, esperta di finanza di Greenpeace Svizzera, citata in un comunicato. I consulenti sapevano troppo poco sulla materia e in alcuni casi non erano nemmeno a conoscenza dell'accordo di Parigi. Nei due terzi dei casi la qualità dei consigli non è stata sufficiente per far capire ai clienti perché i prodotti raccomandati avrebbero dovuto essere sostenibili o rispettosi del clima.

Ha detto Accordo di Parigi?

Ancora peggiore, secondo Greenpeace, è la situazione nell'ottica della gamma di prodotti offerti. L'analisi approfondita delle dieci soluzioni di investimento mostra come nessuno di essi prenda come punto di riferimento gli obiettivi climatici di Parigi. "Questo è spaventoso", commenta Marti. "La compatibilità climatica implica la compatibilità con l'accordo di Parigi sul clima: quindi i prodotti raccomandati come compatibili con il clima devono necessariamente essere compatibili con Parigi. Altrimenti gli istituti fanno del greenwashing".

In concreto i prodotti finanziari offerti sono risultati solo marginalmente più rispettosi del clima degli investimenti convenzionali. Inoltre secondo l'organizzazione ambientalista sussiste una grande mancanza di trasparenza su come i gestori di portafoglio applichino le strategie di investimento per garantire la sostenibilità dei prodotti.

Molto problematico viene anche definito il fatto che in quasi il 60% dei fondi analizzati che sono stati raccomandati i criteri di sostenibilità sono applicati solo a una parte del portafoglio del fondo. Vi è quindi un rischio elevato che questi fondi investano anche in aziende che danneggiano l'ambiente. Inoltre sempre stando a Greenpeace alcune pubblicità di prodotti devono addirittura essere definite ingannevoli: l'indagine su due prodotti di UBS e Credit Suisse ha mostrato che promettevano un effetto sul clima che in realtà non possono avere.

Promesse non mantenute

Secondo l'organizzazione ambientalista l'inchiesta mostra chiaramente che oggi investire in modo compatibile con l'accordo di Parigi è praticamente impossibile. "Questa constatazione è in netto contrasto con l'obiettivo della piazza finanziaria svizzera di essere leader nel campo della sostenibilità", afferma Peter Haberstich, responsabile di progetto presso Greenpeace Svizzera, a sua volta citato nella nota. "Con i loro cosiddetti investimenti sostenibili, le istituzioni finanziarie non contribuiscono veramente a rendere l'economia reale rispettosa del clima, sebbene ciò venga richiesto dall'accordo di Parigi".

Il tempo stringe, afferma Greenpeace: il riscaldamento globale sta progredendo più velocemente di quanto ipotizzato in precedenza e di conseguenza le emissioni di gas serra devono diminuire immediatamente e in modo molto significativo. "Le banche devono quindi sviluppare e offrire rapidamente prodotti che reindirizzino effettivamente il capitale verso un'economia rispettosa del clima", argomenta Haberstich. "È anche responsabilità degli istituti formare a dovere i loro consulenti". Greenpeace chiede inoltre a Consiglio federale e Parlamento di definire requisiti minimi per i cosiddetti investimenti sostenibili.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved